Sign in to follow this  
admin

Commenti al Keynote di WWDC 2005 e al futuro di MacIntel

Apple e Intel - evento epocale per il mondo IT: cosa ne pensate?  

474 members have voted

  1. 1.

    • L'idea più geniale di Jobs per conquistare mercato e prestazioni
      50
    • Una scommessa sul futuro che vedo positivamente
      205
    • Una semplice scelta di mercato
      97
    • Sono perplesso: mi sento tradito
      100
    • Sono sconvolto, è la fine di Apple
      51


Recommended Posts

guass, 10 e lode.

Quindi concorderai con me che il Mac, come computer, rischia l'estinzione, a meno di qualcosa di eclatante che non è stato svelato.

Concordo pienamente... Anzi, secondo me da stasera il Mac come computer puo considerarsi virtualmente già estinto...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Concordo pienamente... Anzi, secondo me da stasera il Mac come computer puo considerarsi virtualmente già estinto...

No,questa è un'esagerazione...a meno che tu non sostituisca nella tua frase 'il Mac come lo conoscevamo fino ad oggi'.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Matteo,anche la mia mente è corsa subito a SGI & Co....e di sicuro la prospettiva è abbastanza raccapricciante :(

Quello che bisogna che tutti sappiano,è che il settore hardware è []fondamentaleper Apple....se va giù l'HW...si porta tutto appresso. Tutto quanto.

Per chi dice 'cosa c'è di tanto epocale nel cambio di processore' io,da Amighista,Macchista e amante delle architetture proprietarie rispondo: per me fino ad oggi il MAc era un mito.

Era un computer fatto 'a modo suo'...in tutto e per tutto. Certo,la standardizzazione aveva fatto perdere un sacco di cose per la strada,lo SCSI,l'ADB e quant'altro...ma rimaneva un computer 'different' in tutto e per tutto.

Adesso,non lo è più.

Ecco, questo è l'elemento fondamentale: il Mac non è più UN COMPUTER DIVERSO! Era l'ultimo rimasto di una "dinastia", vedi Vic20, C64, Spectrum, Amiga, Apple II, Atari ecc...l'ultima specie si è estinta sull'altare dello standard.

Questo può fare naufragare Apple o può sollevarla, di certo l'umore dei mac user ad oggi non può far pendere la bilancia dal piatto dell'ottimismo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Macat, condivido la tua bella analisi, però vorrei puntualizzare un paio di cose:

1) emulazione. Quando uscirono i primi PPC, la differenza prestazionale pura con i 68xxx era abissale. Questo permetteva una emulazione quasi indolore. Non credo che la differenza tra x86 e PPC sia paragonabile, l'emulazione sarà giocoforza molto più lenta (come l'attuale Virtual PC per capirci).

2) calo delle vendite. La liquidità è vero c'è ed è abbondante, ma non dimentichiamo che se ad un calo direi inevitabile di vendite di computer dovesse sommarsi un calo anche di vendite di iPod, la cosa non sarebbe poi così facilmente gestibile. Non dobbiamo poi dimenticare che il calo sarà solo parzialmente di acquisti rimandati, dovranno fare i conti anche con switch all'incontrario (se il computer vecchio va posso aspettare, ma se si guasta?)

3) MacOS dovrà giocoforza essere vincolato all'hardware, e dovranno corazzarlo bene perchè lo rimanga. Se così non fosse le macchine Apple vendute tenderebbero a diventare prossime allo zero, rendendo antieconomica la loro produzione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest _jovenal

… di certo l'umore dei mac user ad oggi non può far pendere la bilancia dal piatto dell'ottimismo.

L'umore del 3% del mondo non è un valore: quando sarai parte del 10~14% il tuo umore di oggi nemmeno te lo ricorderai.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io mi sarei fatto anche questa considerazione: tutti gli scenari pessimistici che molti hanno dipinto e a più riprese, sono troppo facilmente intuibili perchè Jobs non li abbia già preventivati e preso le dovute precauzioni/contromosse. Insomma scenari tanto possibili quanto troppo ovvi perchè siano proprio così. Steve è una vecchia volpe ;)

Ribadisco il solo mio unico dubbio: le vendite durante il periodo di transizione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'umore del 3% del mondo non è un valore: quando sarai parte del 10~14% il tuo umore di oggi nemmeno te lo ricorderai.

L'umore non è mai stato un valore sicuramente.

Riguardo il 10-14%, nei prossimi due anni il mercato potrebbe assottigliarsi all'1%, riguardo al dopo è tutto da vedere.

Io fossi in voi starei con i piedi per terra, tutto questo ottimismo mi pare davvero fuori luogo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

come mi ha appena detto un mio amico,

"la cosa + triste è che i backstreet boys sono durati più del ppc" ...

quoto in pieno e vado a dormire, buonanotte

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono scioccato.

Avere un Mac era anche distinguersi, nel cuore pulsante, dal resto dell'hardware.

Sarò scioccato finché non vedrò un prodotto vero e reale, acquistabile in negozio. Fino ad allora, mi coccolerò il mio G5.

Mi sento come gli alfisti quando tolsero la trazione posteriore... mah...

Detto questo...

secondo me, oggi, Jobs (quest'uomo ha le palle che fumano) ha scelto la via di Apple nel futuro: battere MS sul suo terreno: vendere un OS, attorno al quale creare un ecosistema tecnologico composto da media digitali, accessori (iPod), relazioni interdipendenti che possano creare un circolo virtuoso (e vizioso).

Ciò non avverrà nel 2007, nè tanto meno nel 2008, ma l'obiettivo è (vista l'impossibilità di rendere un Mac-Intel Inside inclonabile) svincolarsi completamente dall'hardware, lasciandolo in mani capaci (HP e, preparate i sacchetti, Dell). Lo dico oggi: la data è la WWDC del 2010 ("anno del contatto" :D )

Jobs ha lanciato lo scontro finale: o lui, o le armate di orchi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.
Sign in to follow this