Sign in to follow this  
admin

Commenti al Keynote di WWDC 2005 e al futuro di MacIntel

Apple e Intel - evento epocale per il mondo IT: cosa ne pensate?  

474 members have voted

  1. 1.

    • L'idea più geniale di Jobs per conquistare mercato e prestazioni
      50
    • Una scommessa sul futuro che vedo positivamente
      205
    • Una semplice scelta di mercato
      97
    • Sono perplesso: mi sento tradito
      100
    • Sono sconvolto, è la fine di Apple
      51


Recommended Posts

Guest gennaro_mac

Per il resto mi astengo, anche se ti faccio notare che pur non essendo un programmatore, un browser in visual basic lo scrivo anche io in un paio di ore (esiste il componente fatto, immagino piu' o meno come lo webkit su apple)..

Assolutamente vero, basta aggiungere il Microsoft Internet Control con VB6 o il Microsoft Web Browser con VB .Net

Share this post


Link to post
Share on other sites

Apple ha da poco rilasciato Aperture. E prima ancora Motion e FinalCutPro, e Logic Express, Logic Pro, Shake, Soundtrack Pro,... Ma dico io: allora vogliono tutto loro!

Sai cosa rimane del mercato per le altre aziende? (intendo ancora buoni affari)

Le universita'.

Sviluppatori Mac = Specie in estinzione.

:)

Queste cose le dico anch'io da anni. Come da anni vado ripetendo che a certi livelli non riesci più a comptere sui microprocessori se non vendi a miliardate. E il pluricitato articolo di oggi di Macity, che riporta le opinioni di un manager di alto livello, spero davvero metta la pietra tombale su tutte le capziosissime e completamente disinformate obiezioni alle leggi di scala.

Però va detto che come accade certe volte nella vita, è apparso il Jolly imprevisto. Mi riferisco naturalmente ad iPod. La quantità di soldi che sta portando in Apple è tale da poter ribaltare le sorti di un giudizio ("sviluppatori in via di estinzione") che fino a pochi mesi fa condividevo amaramente.

Oggi una intera epoca sta finendo. Il PPC, quello sì in estinzione, si sta portando via dei veri monumenti dell'epoca che fu, quali Codewarrior.

Ma, e la cosa è incredibile, sta succedendo un bel paradosso: la Apple Computer, travolta da errori mostruosi, è tenuta in vita da Apple Musica. E, attenzione, siccome stiamo parlando di gente *molto* coriacea, accade che ne stanno approfittando per correggere alcuni di questi errori genetici

a) la competizione sui microprocessori, che era diventata un fardello almeno dal 1999

b) il fatto che gli ambienti principali di sviluppo non fossero di proprietà dell'azienda, impedendo vere strategie di integrazione e soprattutto di sviluppo a lungo termine. Oggi con Xcode rimasto essenzialmente l'unico ambiente, tutto è infinitamente più sotto controllo

c) il non avere un proprio browser

d) il non avere prodotti consumer analoghi a Paint&Comapny degli anni '80

e) il non avere proprie applicazioni professoinali degne di questo nome in ambiti più moderni del puro DTP

f) l'ingenuità completa e totale nelle pratiche monopolistiche (provate a confrontare le politiche su iPod e quelle su analoghe buone idee negli anni '80 e '90)

g) avere un sistema operativo naif nelle fondamenta e non capire che non era interesse di nessuno in Apple occuparsi di problemi anche a quel livello

E se questi punti fanno di Apple una piccola Microsoft, ben venga. Anche in questo caso sono anni che vado ripetendo che la sbruffoneria Apple degli anni '90 è stata *spazzata* via dalla dolorosa realtà. Oggi Microsoft è un modello da imitare, copiare, cui ispirarsi, almeno per le tattiche. E mi sembra che in Apple abbiano preso a farlo, e bene.

Insomma, ad oggi mi verrebbe da dire che la generazione degli sviluppatori per Mac è in estinzione se è rimasta legata a certi schemi, a certi ambienti di sviluppo, a certi cicli e prodotti.

Invece direi che sta emergendo una nuova generazione di sviluppatori, mgari ancora "minimali", ma che pian piano sta selezionandosi sulla piattaforma degli anni a venire.

Non ho informazioni per colmare l'unico vero dubbio che mi rimane: le cosiddette "grandi aziende", come stanno gestendo questi continui ribaltoni? Pazientano e riscrivono diligentemente i programmi, oppure ormai hanno degli specialisti del porting da Windows e rilasciano prodotti deficitari in termini di performance o addirirttura stabilità?

Chi sa, parli.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non ho informazioni per colmare l'unico vero dubbio che mi rimane: le cosiddette "grandi aziende", come stanno gestendo questi continui ribaltoni? Pazientano e riscrivono diligentemente i programmi, oppure ormai hanno degli specialisti del porting da Windows e rilasciano prodotti deficitari in termini di performance o addirirttura stabilità?

per la tua domanda finale: la seconda che hai detto

Siamo a cavallo... :(

Share this post


Link to post
Share on other sites

...

Non ho informazioni per colmare l'unico vero dubbio che mi rimane: le cosiddette "grandi aziende", come stanno gestendo questi continui ribaltoni? Pazientano e riscrivono diligentemente i programmi, oppure ormai hanno degli specialisti del porting da Windows e rilasciano prodotti deficitari in termini di performance o addirirttura stabilità?

Chi sa, parli.

L'obiettivo di Apple è e deve essere soltanto l'incremento della base di installato, mantenendo qualità hardware ed innovazione software.

Oggi, a differenza di 10 anni fa, i soldi li si fa con il mercato consumer, che ancora ignora l'esistenza del Mac; l'iPod è stato il grimaldello giusto ed il passaggio ad Intel la mossa (forzata, obbligata, quel che sia...) che farà conoscere ed apprezzare la piattaforma alla massa (Sauro, mi spiace per te, ma sarà così... :):P scherzo eh...).

Alla luce di ciò, quando i numeri riporteranno la Apple a doppia cifra (forse ci vorrà qualche anno), allora le "grandi aziende" ritorneranno a sviluppare ed ottimizzare per Mac come si conviene. Forse si perderà per strada qualche utente "pro" del settore DTP o 3D, se in questi settori continuerà a farsi sentire il gap nei confronti di M$, ma non sono ormai più settori altamente produttivi per la piattaforma; sarà la massa a portare fieno in cascina.

Inoltre, io vedo Aperture come un vero e proprio out/out nei confronti di Adobe; attualmente è complementare a Photoshop, ma non credo ci voglia molto ad implementare quelle funzioni che ne farebbero un'alternativa (più moderna ed intuitiva, da quel che ho potuto vedere finora) all'applicazione simbolo di Adobe.

I miei 2 eurocents

Share this post


Link to post
Share on other sites

Queste cose le dico anch'io da anni...Chi sa, parli.

Condivido chest, condivido.

Le grandi aziende cosa fanno? Guarda Quark e il suo XPress...

Adobe (non dimentichiamoci che Apple e Adobe sono cugini) ha acquistato Macromedia. Chissa' che avranno in mente... ;)

XCode? Sia benedetto!

Microsoft da imitare? Mi pare che Shiller stia facendo anche meglio, non trovi?

Apple sopravvive grazie alla musica? Nessuno potrebbe dire il contrario. Beh, se non e' il papa' a portare i soldi in casa, ma il figlio minore, alla fine l'importante e' che ci sia la zuppa a cena... :)

Una cosa che pero' mi sta proprio "qui" e' il modo in cui Apple gestisce i developers e le nuove idee dei developers. Chiaro, parlo del mio caso personale. Quando ho presentato il mio software in Apple, sono rimasti tutti entusiasti. E non solo in Apple. Assoluta novita' nel settore. Brillante. Figata. Mi dicono.

Pochi giorni dopo Apple mi manda uno sviluppatore Adobe, il quale, incazzatissimo (come se gli avessi detto parolacce), mi spara un milione di domande a raffica. Poi mi manda alcuni developers Apple i quali (incazzatissimi) mi sparano altri due milioni di domande a raffica. Poi tutti vanno via.

Apple mi offre il suo supporto. Accetto. Mai l'avessi fatto!

Mi trascinano per i capelli per mesi portandomi sulla loro road-map, mi trattano come se contassi meno del custode del palazzo.... le mie features zittite dalla forza "maggiore"... [snip, snip, snip e snip] ... alla fine mi rompo i co... e me la filo a gambe levate. Ancora corro!

Poi vedo girare su Mac software migrati da Windows e Linux, con interfacce stile anni '80, con zero idee nuove, con learning curves stile Himalaia, da spaventare il piu' cervellotico dei pro, pieni di bugs, presentati al pubblico in "grande" stile e venduti come 1.0 quando in realta' si tratta di beta versions.

Sai come e' finita? Ho finito il software senza l'aiuto di nessuno.

Sto vendendo che e' una bellezza. Quando ricevo un email di congratulazioni faccio i salti di gioia. Tho', ho appena ricevuto un email da sandia.gov che inizia con "Hi Mark! First--congratulations on the release! I am arranging to purchase a license as soon as possible. I have two questions first.... [snip] ...Thanks! Excellent work!"

Sai che piacere? Immenso.

Mi sarei aspettato che Apple mi offrisse un supporto "strategico" al progetto.

Una struttura, risorse umane e tecnologiche, distribuzione... lasciandomi alla direzione o anche (per carita') alla co-direzione del "mio" progetto. E avrei volentieri fatto come dicevano nel film Non ci resta per piangere:

"per carita': 33, 33 e 33"

:)

Sono sicuro (ok, I know you all,... quasi sicuro) che sarebbe venuto fuori un sofware della stra-madonna. Invece devo marciare in economia, senza i grandi mezzi di una multinazionale, cambiando cappello ogni quarto d'ora...

E sono sicuro che altri developers, 3 volte piu' bravi di me, si trovano nelle mie stesse condizioni.

Ma io dico, riconosci che il mio programma ha delle nuove idee, e' semplice di bestia, ha prestazioni eccellenti, professionali, lo dicono tutti, e' ancora oggi unico nel suo settore, e tu che fai? Mi metti i piedi in testa?

Perche' dico io? Percheeeee'?!!!!!

Eppure continuo ad amare la mia cara mela.

P.S. Perdonate lo sfogo.

Mark

Share this post


Link to post
Share on other sites

>Una cosa che pero' mi sta proprio "qui" e' il modo in cui Apple gestisce i developers e le nuove idee dei developers.

pensa che un tempo era peggio.

Ambienti di sviluppo da pagare profumatamente, tecnologie imposte e buttate nel giro di un anno, spocchia a palate ecc.

Su questo punto, la vituperata MS è molto avanti: ha sempre avuto ben chiaro in mente che la sua forza sono le milionate di applicazioni di terze parti.

Il buffo signore che urla lo slogan "developers, developers" non è poi piu' cosi' ridicolo se visto sotto questa luce...

Share this post


Link to post
Share on other sites

pensa che un tempo era peggio.

Ambienti di sviluppo da pagare profumatamente, tecnologie imposte e buttate nel giro di un anno, spocchia a palate ecc.

...signore che urla lo slogan "developers, developers"

Quando dici era perggio ti riferisci a Mac? Quando si sviluppava su CodeWarrior?

Scusa non so chi sia questo signore che urla "developers, developers". Chi e'? Bill Gates?

Cosa dice a proposito? Puoi essere piu' esplicito?

Sei un developer?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il signore è steva ballmer

Una forza quel Ballmer!

Non credevo esistesse "vita" aldila' del muro del giardino delle "mele".

Gli sviluppatori per Win sono milioni! Si, ma cosa fa MS per aiutarli?

Mi interessa davvero.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per esempio mantiene la compatibilita' fino allo stremo (su xp fai girare ancora molta roba dos) anche a costo di sforzi immensi.

Oppure perche' da sempre offre programmi come questo: https://partner.microsoft.com/global/40010429

Oppure perche' a detta di molti (sviluppatori che conosco di persona oppure dei quali ho letto), se sei una sw house ti inclidono nei loro motori di ricerca, ti inviano materiale, fanno molti roadshow informativi eccetra.

Insomma, cercano ogni modo per farti sapere che a te ci tengono; mente questo oggi lo fanno anche altri, un tempo erano abbastanza una eccezione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.
Sign in to follow this