Commenti al Keynote di WWDC 2005 e al futuro di MacIntel


Apple e Intel - evento epocale per il mondo IT: cosa ne pensate?  

474 members have voted

  1. 1.

    • L'idea più geniale di Jobs per conquistare mercato e prestazioni
      50
    • Una scommessa sul futuro che vedo positivamente
      205
    • Una semplice scelta di mercato
      97
    • Sono perplesso: mi sento tradito
      100
    • Sono sconvolto, è la fine di Apple
      51


Recommended Posts

Gennaro, va bene che ti stanno a cuore i PPC ma non puoi fare la vittima! Sei peggio dei Romanisti… :PPPPPPPP

Comunque nessuno mette in dubbio le doti del G5, anzi in alcuni campi è nettamente superiore ai processori x86, ma ci sono alcuni problemini di fondo:

- non ci sono possibilità di vedere una versione a basso consumo per un portatile;

- non ci sono garanzie sulla sua possibilità di crescere.

Direi che questi due piccoli motivi hanno spinto Apple a considerare molto seriamente la mossa da compiere, cioè passare ad Intel.

Insomma, ora come ora è un grandissimo processore in molti campi superiore agli x86, ma siamo sicuri che possa continuare ad esserlo ancora l'anno prossimo? Considerate che nel mondo x86 ci sono due colossi in continua competizione! Nel campo PPC mi sembra che Freescale sia un po' scomparsa!

Link to post
Share on other sites
  • Replies 2.7k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Guest _jovenal

tutto puo' funzionare come prevede Jobs se nessuno riesce a portare OSX sui PC, se cio' dovesse accadere Apple deve ribaltare completamente la sua politica e si ritrova volente o nolente a fare concorrenza a MS.

Che possibilita' ci sono che possa succedere? Nessuno sa niente dei sistemi messi in atto da Apple per evitarlo?

No, non credo conti. Siamo davanti alla realizzazione di un processo di totale dipendenza dell'OS, del suo utilizzatore licenziatario e addirittura della sua posizione geografica, con il concetto di net.servizio che si estende fino al singolo file che egli detiene sulla sua macchina. Le macchine stesse - secondo me - saranna destinate a ricoprire il profilo di bene concesso in utenza geografica remota, magari con nuove formule del mercato di distribuzione dell'hw.

Quindi non credo che importi che l'OS sia clonato se è fuori dalla rete.

È. mi pare, un'onda ormai del tutto formata ed è quella che anche Apple non può permettersi di non cavalcare: e per farlo non può far difetto di prestazioni o di altri parametri puramente di mercato, per la qual cosa deve passare ad altri fornitori.

La cosa sostanziale - io credo - sia molto, molto grave: determinando, ad esempio, un enorme scoglio ai processi che tendevano a diffondere il concetto [opposto] dell'open e del free. Oltre a costituire un valico inaccessibile alla nascita di identità alternative.

Link to post
Share on other sites

Mi sono visto tutto il Keynote.

Steve mi ha convinto. Sono con lui. Facciamo sta benedetta transizione e non se ne parli più.

Cambia il cuore della mela morsicata? Non importa. Sempre Apple sarà, solo che andrà a 4, 5, 6 Ghz.

Non vi farà mica schifo un mac con velocità simili?

Mi chiedo: cambiando il processore che succederà alle schede grafiche sempre ridotte all'osso nei mac visti fin'ora?

finalmente!!!! guardate il keynote.... o è solo un gran commerciante o sà il fatto suo!!!
Link to post
Share on other sites

un tiger su intel non s'era mai visto, non penso che apple voglia diventare un venditore di software alternativo e in concorrenza con Win, probabilmente lascerà installare su PC quello che gli fa comodo, come ora fa con iTunes, mentre per l'OS avrà già preso accordi con Intel perché il processore sia un pochino diverso dalle serie per PC, quel poco che consente di installare Tiger e magari anche XP, mentre gli intel. "normali" possono installare solo XP . IBM del resto si è già staccata dai PC, vendondoli ai cinesi, e sponsorizza l'open source, qualcosa di grosso bolle in pentola e la mossa di Jobs era preparata magari da qualche anno, vi ricordate di quando zio Bill ridette ossigeno ad Apple assicurando Office per Mac e comprando 150 milioni $, sia pure senza diritto di voto ?

Quindi gli utenti, come sempre, saranno gli ultimi a sapere cosa succede, comunque visto che Jobs ha risuscitato Lazzaro , che sotto la gestione di Amelio e soci erà nel sepolcro e già puzzava, non vedo perché non credere a miracoli ulteriori. Il ragazzo è cresciuto, dai tempi in cui fu cacciato da Apple e mi sembra anche che abbia imparato.

Link to post
Share on other sites

Gennaro, va bene che ti stanno a cuore i PPC ma non puoi fare la vittima! Sei peggio dei Romanisti… :PPPPPPPP

Comunque nessuno mette in dubbio le doti del G5, anzi in alcuni campi è nettamente superiore ai processori x86, ma ci sono alcuni problemini di fondo:

- non ci sono possibilità di vedere una versione a basso consumo per un portatile;

- non ci sono garanzie sulla sua possibilità di crescere.

Direi che questi due piccoli motivi hanno spinto Apple a considerare molto seriamente la mossa da compiere, cioè passare ad Intel.

Insomma, ora come ora è un grandissimo processore in molti campi superiore agli x86, ma siamo sicuri che possa continuare ad esserlo ancora l'anno prossimo? Considerate che nel mondo x86 ci sono due colossi in continua competizione! Nel campo PPC mi sembra che Freescale sia un po' scomparsa!

scusa solo una cosa luca.....

ma se a novembre di quest'anno escono i multicore della ibm a 3,2 ghz per l'uscita mondiale del xbox 360, come fai(fate ) a dire che non c'era più margine di sviluppo??

tutto stava nell'aspettare solo 5 mesi e niente più.....

poi da li creare un processore anche per i portatili.

ecco perchè non riesco ancora a farmene una ragione di questo passaggio a intel.

oppure c'è davvero qualcosa di veramente grosso che non sappiamo e sà solo lo zio SJ. :confused:

Link to post
Share on other sites

va là Steve che sei un bel para...gnosta!

arrivi al Moscone bel bello...

sganci con la massima naturalezza una bomba atomica sul mondo della mela

e dopo un quarto d'ora te ne vai, come che non fosse successo niente...

ora passeremo mesi e mesi ad interrogarci su intrighi internazionali, marketing, 64 bit e cazzetti vari... ti costava così tanto darci qualche rassicurazione in più?!?

mah, valli a capire sti americani...

Link to post
Share on other sites

va là Steve che sei un bel para...gnosta!

arrivi al Moscone bel bello...

sganci con la massima naturalezza una bomba atomica sul mondo della mela

e dopo un quarto d'ora te ne vai, come che non fosse successo niente...

ora passeremo mesi e mesi ad interrogarci su intrighi internazionali, marketing, 64 bit e cazzetti vari... ti costava così tanto darci qualche rassicurazione in più?!?

mah, valli a capire sti americani...

HAI PERFETTAMENTE RAGIONE!!!

Link to post
Share on other sites

Bello leggere come si cambia opinione in fretta: adesso è ovvio per tutti che bisognava passare a intel, ed è altrettanto ovvio che sia meglio perche' la

roadmap, il calore, la potenza ecc.

Fino a ieri i processori intel facevano schifo perche' non erano risc (e bastava leggere qualcosa di serio per capire che la distinzione risc/cisc ormai da

anni è sfumatissima), perche' scaldavano troppo (e il g5 raffreddato a liquido non contava), erano lenti (ma valevano solo i bench di jobs, quelli del resto

del mondo che dicevano il contrario erano falsi o inutili) ecc.

Oggi, siccome il capo ha detto che si cambia, tutti a dargli di nuovo ragione, perche' comunque si ragiona pensando al "nemico", il nemico microsoft, il

nemico intel, il nemico gates. Sembra di stare allo stadio.

Il bello è che stavolta jobs ha davvero ragione, senza cambiare processore era una morte lenta e sicura, ma se lo dicevi prima eri un eretico, nemico pure tu.

Ovviamente Gennaro ha ragione, il mac è morto. Ha torto pero' quando dice che è morto oggi: in realta' è defunto col declino del system originale. Quello

che caratterizzava il mac era una fusione di hw e sw rigidamente controllati da apple, con lo scopo di creare un ambiente di lavoro facile e amichevole per

tutti. Esattamente il contratrio di quello che faceva la concorrenza all'epoca. Con il crollo delle quote di mercato, con l'avvento delle versioni

funzionanti di windows e con il peggioramento costante di hw e os (circa 1995) il sogno era bello e finito.

Quello che abbiamo avuto dopo è stato un periodo di pasticci inenarrabili, che chi non c'era non puo' neppure immaginare, e poi next-osx, grande os desktop, ma che sia chiama mac solo incidentalmente.

Mi viene da ridere quando leggo chi si chiede dove sia il problema, basta mettere la checkbox e ricompilare (ma se è cosi' banale a cosa serve

rosetta?), che i g4 e i g5 mica smettono di funzionare il prossimo anno.

Il problema è che un conto è fare funzionare un sw, un altro è farlo funzionare bene. Qualcuno ricorda quanto erano lente le prime versioni di osx? O

diverse versioni di iphoto? o la malefica palla della morte del finder? O i primi ppc che costavano una botta, che c'avevano l'emulatore e i fat-binaries e

andavano piu' lenti dei quadra? Ma tanto è inutile: i pasdaran di jobs dicevano che il 10.0 andava benissimo: ricordo gli insulti che presi su un newsgroup quando raccontai di essere corso a provare la preview pubblica di osx il giorno della uscita, e di essere scappato terrorizzato dalla lentezza.

Sono gli stessi che dicevano che le schede video decenti (quelle che voleva gennaro) sono cazzate per i giochini, e sono gli stessi che faranno i fighi

quando apple fara' uscire finalmente il supporto per una quadro su osx.

Vi rendete conto che apple chiede per la ennesima volta (68000->ppc / os classico->copland / os classico->rhapsody / os classico->osx / osxppc->osxintel) ai

suoi sviluppatori di buttare a mare applicazioni, fatica e investimenti? certo, come utenti vi frega poco (ma dovrebbe, visto che dovrete ricomperare molto

sw, e molto del nuovo girera' senza ottimizzazioni), ma poi non venitevi a lamentare se qualcuno non sviluppa il programma tale per mac. Ne hanno le tasche

piene e hanno ragione.

A questo punto nel giro di 3 anni ci saranno applicazioni che girano solo su osxintel: quindi, dal 1994 al 2008, secondo il pensiero di apple, la stessa applicazione avrebbe dovuto essere stata sviluppata per:

- 68000

- ppc/classic

- ppc/osx

- intel/osx

(e ho trascurato le false partenze colpand e rhapsody e la bufala delle ottimizzazioni altivec).

Ridicolo: valanghe di applicazioni dos continuano a girare indisturbate su xp, senza necessita' di emulazioni, su un parco installato enormemente piu'

grande. Allora, chi tratta meglio i suoi sviluppatori, apple o ms?

Mi viene da ridere quando vedo i fan che si inventano le cose, pur di approvare sempre tutto ("IBM e' stata recentemente comprata dalla Lenovo"), quando

sono annebbiati dalla ideologia ("i PC Apple sono, e continueranno ad essere, le Mercedes dei PC"... SVEGLIA! i mac saranno fatti al 100% con parti

comuni, le stesse di un qualsiasi hp o dell o ibm).

Vorrei far notare a chi ostenta indifferenza per lo switch a intel che ad ognuna delle transzioni che ho citato sopra apple ha perso quote di mercato, e che chiunque abbia provato a rivaleggiare sul terreno di ms (come ad esempio signori sistemi operativi come be e os/2) ci ha rimesso le penne; certo, Apple ha il salvagente della proprietarieta' dell'hw tramite un bios, una rom o palladium, mai precedenti sono nefasti.

Mi viene da ridere a pensare che c'è qualcuno che crede che adesso "finalmente potro' usare tutte le periferiche e le schede per pc, perche' prima non

c'erano i driver, ma adesso invece...", e non ha neanche la voglia di ragionare per vedere che linux gira su intel da sempre ma mica per questo sono

cresciuti i driver delle schede audio sugli alberi.

E poi che meraviglia, cìè ancora chi osanna jobs "che ha salvato apple", quando basterebbe informarsi per sapere che ha fatto piu' danni della

grandine affossando l'apple III e lisa, rischio' di uccidere il bambino nella culla osteggiando l'architettura aperta dell'apple II, era contrario all'idea di una interfaccia grafica finche' la buonanima di raskin lo ha fatto TRASCINARE al park xerox, ha sfanculato valanghe di soldi suoi e di investitori con next fino a fallire, ed è stato cosi' fortunato da ereditare il lavoro di pulizia fatto da amelio e da hancok, cosi' come lo stesso progetto dell'imac.

Oh, si, un vero genio.

E ancora mi ha divertito leggere cazzate senza rete: "pure Windows 95 va più veloce di NT4 2000 o XP" (falso, con adeguata dotazione di ram, 2000 è piu' veloce nella gran parte dei task), jobs che "ha tirato su la pixar" (falso, ha cercato piu' volte di smantellarla perche' perdeva soldi come una gomma bucata, lui non aveva idea di dove andare a parare e non ha contribuito con una sola decisione al successo di pixar).

Il piu' esilarante è poi quello che parla del prossimo switch ("se IBM dovesse avere un colpo di coda e sfornare un PPC da 4GHZ"), certo e via con un altro calcio nei ******** agli sviluppatori! Ma non scherza neanche quello che oggi decanta le lodi dell'ibook!!! ("è molto meglio dei vari acer, toshiba e robaccia varia che si vede in giro", certo e intanto ha tutta la stessa componentistica, meno il processore che jobs ha appena ammesso essere scarsissimo).

Gente, l'hw ormai è una commodity e si avvia a diventare lo stesso anche il sistema operativo. Quello che conta sono le applicazioni e l'integrazione nella rete di servizi, e per fare questo ci vuole palladium o qualcosa di simile. Fine.

Mi sono davvero divertito a leggere la ridda dei commenti. Grazie a tutti.

p.s. Gennaro, la famosa frase "640k sarebbero bastati per ogni applicazione " in realta' gates non la ha mai pronunciata.

Link to post
Share on other sites

continuo a viaggiare nell'incredulità, io non riesco a farmene una ragione, IBM che gnafà non ci credo, c'è qualcosa sotto che capiremo più avanti

Big Blue è un colosso industriale.....possibile che i g5 siano stati polverizzati così velocemente

e il power 6 o 5 non ricordo il nome in codice ibm non doveva essere questa la garanzia per il futuro di apple? ne tessevano le lodi appena uscito il g5 anzi ancora prima che uscisse!

Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.