Sign in to follow this  
admin

Commenti al Keynote di WWDC 2005 e al futuro di MacIntel

Apple e Intel - evento epocale per il mondo IT: cosa ne pensate?  

474 members have voted

  1. 1.

    • L'idea più geniale di Jobs per conquistare mercato e prestazioni
      50
    • Una scommessa sul futuro che vedo positivamente
      205
    • Una semplice scelta di mercato
      97
    • Sono perplesso: mi sento tradito
      100
    • Sono sconvolto, è la fine di Apple
      51


Recommended Posts

niente paura signori, e' tutto sotto controllo.

Apple non perdera' clienti e non perdera' sviluppatori. Il motivo e' semplice e banale: non puo'. E per questo si e' attrezzata, sicuramente.

ROSETTA consentira' ai mac x86 di eseguire codice esclusivamente ppc.

I binari FAT permetteranno di usare le stesse applicazioni (lo stesso identico file su HD, per intenderci) su x86 e ppc contemporaneamente e senza perdita di prestazioni, come del resto fu al tempo di 68k->ppc.

Chi oggi, fra 6, 12, 18 mesi vorra' un mac, non avra' un solo buon motivo rispetto a ieri per non comprarlo: la vita di un computer e' gia' di per se' breve, ma qui si parla di supporto esteso a ppc, e soprattutto non dimentichiamoci che se sviluppare per osx/ppc e' semplice, farlo per osx/ppc+x86 non e' assolutamente piu' complicato... e soprattutto non e' piu' costoso, almeno non sensibilmente. A parte per quei pochi che hanno investito tutto su altivec.. ma.. quanti sono? 2 o 3?

Ora io sono dispiaciuto, deluso, perche' ho usato PowerPC da quando e' nato, l'ho sfruttato fino in fondo, e ho sperato e confidato nella sua esistenza. Anche solo per il fatto che, come alternativa, era ottima e soprattutto slegata da monopoli. Storia finita, peccato. Ma ero anche innamorato dei 68k... che delusione sapere che dopo il 68060 non ci sarebbe stato un 68070.

Ma diciamocela tutta: l'unico vero motivo di acquisto di un mac, ora come ora, e' il sistema operativo. L'hardware era gia' "PC" da un pezzo, a parte la CPU. Quindi questa rivoluzione non sara' cosi' pesante da digerire, se non per quei pochi appassionati legati a ppc/RISC piu' per un senso di appartenenza che non per una reale necessita'.

I mac saranno sempre i soliti: belli, stabili, con un OS calzato a pennello, e un'azienda che fornisce tantissimo ottimo software. Ovviamente MacOSX/x86 avra' bisogno di hardware Apple, e non girera' su qualsiasi pc/x86... cosi' come e' ovvio che sui mac non girera' Windows.

MS sara' del tutto indifferente a questa mossa, molte software house macintosh continueranno, magari con meno sforzo, a creare applicazioni per MacOSX.. e tutti pagheremo meno.

Amici, niente paura, steve ha fatto i conti, e io mi fido.

Anche stavolta.

ciao

HANY

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ora il problema si fa serio …perché c’è anche il patrimonio software da tutelare………restare su di una macchina Mac PPC con tutti i prg costosi…… e tra qualche anno cambiare tutto………..sono ancora scioccato……

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho fiducia nel grande Jobs il rivoluzionario sa il fatto suo ha capito attaccare come un virus dall'interno il dominio Microsoft.

Oggi siamo alla resa dei conti mi aspettavo magari una tempistica migliore.

Ma immaginate un mac con tutte le sue fantastiche caratteristiche software e il suo design con la possibilità di montare anche Windows e tutti quei software che xcui abbiamo sbavato.

Sono cambiati gli avversari, non più Microsoft ma Acer, Dell, Toshiba, la battaglia sarà tutta sulla produzione Hardware.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dai dai è troppo bello il rischio! Io ero pessimista sugli iPod mini e pi sono stati un successo. È troppo divertente vedere cosa accadrà. È questa la Apple che voglio: innovazioni mastodontiche, non semplici aggiornamenti dei processori!

Questa è l'unica consolazione.

Speriamo che Steven Jobs abbia ragione...

Vero è che Ibm deve aver fatto incavolare da matti Steve per fargli rendere questa decisione!

:):mad::mad::mad:

Ma ora Apple vederà ancora computer? :confused:

-

Frank

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me Steve è stato preso per il collo da Adobe, che ha minacciato la sospensione dello sviluppo delle apps per PPC.Già un tempo Apple cedette alle pressioni di Adobe incorporando sulle proprie macchine caratteristiche richieste da questa. Il problema, caro Hany è se davvero avremo un chip "custom" fatto da Intel, chi ci assicura che esso verrà spinto allo stesso modo dei Pentium&cugini? Ci vuol poco ad "ammazzare" un processore(vedi cosa è stato fatto con IBM/Cyrix o in tempi più recenti con Transmeta), figuriamoci poi se è fatto in casa.

Se invece useremo chip standar, chi glielo fa fare ad uno sviluppatore di PC ad acquistare il(costoso) kit di sviluppo per fare il porting su Mac? Non è nemmeno una sfida intellettuale, tanto le macchine a livello di hardware sono già identiche...

Per concludere, in caso di "protezione" hardware per prevenire l'installazione su assemblati, quanto ci metterà l'hacker di turno a patchare una copia di Tiger(o Lion) per renderlo installabile su macchine da pochi euro comprate al supermercato?

Share this post


Link to post
Share on other sites

sicuro!!!

e questo che porterà la apple alla ribaltà, potrai utlizzare qualsiasi programma che è uscito oggi.

Comunque, figuriamoci se la apple lascia tutto il suo mercato hardware, per una alleanza...

io tifo per te APPLE

Share this post


Link to post
Share on other sites

IBM deve produrre i processori per tre console. Questo vuol dire che tutte le sue risorse di ricerca e sviluppo sono e saranno mirate a quelli, e che avrà bisogno di più linee di produzione possibile. Ora, siccome una fabbrica per produrre microprocessori costa *MILIARDI* di dollari, tenere delle linee di produzione occupate a fare i G4 e i G5 non conveniva neanche ad IBM. E' stata sicuramente una separazione consensuale.

PS: OSBORNE EFFECT.

Share this post


Link to post
Share on other sites

In tanti anni Mac non ho mai cercato di convincere qualcuno che il Mac è "meglio" perché ha un processore "più meglio"....

Abbiamo sempre lodato il System (ed anche i processori 68xxx di Motorola erano ottimi motori), abbiamo sbandierato ai 4 venti che OS X è il migliore, abbiamo ridefinito Motorola in Motosola (Freescale non conta ormai...) abbiamo solo sperato in IBM, abbiamo creduto a Jobs nel 2003 (!) quando assicurava i 3 GHz per l'estate del 2004... Ora siamo all'estate 2005 e mi sembra che dei 3 GHz non se ne veda l'ombra; il dual core di IBM è stato annunciato prima di AMD ma quest'ultima già lo vende e IBM ... Nella sezione "calore" i G5 non scherzano affatto: basta guardare alle ventole (per carità, non turbo reattori ma più di qualcuno se ne è lamentato) ed alla capacità volumetrica del tower G5. Cosa riusciamo a metterci in più dentro, visto che, avolte all'esterno non abbiamo sempre una scrivania 2m x 4 a disposizione...

Insomma (credo anche di aver tralasciato qualcosa) non mi pento (né mi sento, per contro, tradito) di aver acquistato un iMac due settimane fa. Apple ora ha scelto un produttore di chip per i PROPRI computer, probabilmente, in primis per i portatili (quante volte ci siamo incazzati perché IBM non produce chip per i PB e Frescale non produce i fantomatici suoi chippetti?), e poi per tutto il resto. Certamente aveva l'opzione AMD ma ricordando che Jobs è permaloso e si ricorda che... (non è che AMD abbia avuto un'iniezione di ingegneri transfughi da Motosola, con tutti i casini che si sono succeduti?). Pure due anni fa Jobs affermò che si stava praticamente arrivando al momento buono di poter guardarsi attorno e scegliere...

Ora il momento è arrivato: Mac OS X è sufficientemente maturo, il PPC (pur essendo un'ottima architettura) è arrivato ad un punto strano ed i computer di Apple le prendono di santa ragione. Ed abbiamo pure detto che i Mhz contavano poco (ma se ne abbiamo 3,5 gongoliamo), che la cosa più importante era il Sistema Operativo... Ecco siamo al punto, al redde rationem... iniezione di pura adrenalina o certissima lenta, dolorosa e lunga agonia?

Share this post


Link to post
Share on other sites

ragazzi me la state facendo prendere a male...io sono un nuovo utente mac, da meno di un mese...

ma, da quello che ho capito, ho fatto male?

No, non hai fatto male, il suo O.S. con Tiger ed i suoi programmi sono sempre anniluce avanti alla concorrenza.

:)

-

Frank

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me sembra che si stiano perdendo di vista i punti fondamentali:

1) Da qui all'uscita delle nuove macchine le vendite inesorabilmente scenderanno, a meno che non si faccia sapere subito quale incremento di performance è lecito attendersi dalle nuove. Se sarà piccolo (e allora cosa si sono cambiati a fare i processori) potrò anche comprare le vecchie, se sarà abissale mi tengo la macchina che ho e si vedrà

2) Se i nuovi processori forniranno prestazioni super e come pare verranno montate inizialmente sugli entry-level, chi mai comprerà tra un anno le macchine pro che saranno inesorabilmente MOLTO più lente? Quelle pro sono i prodotti a maggior margine di profitto non dimentichiamolo.

3) Dubito che da qui al 2006/2007 i chip PPC verranno ancora sviluppati. Quindi altri 2 anni circa con a listino le macchine attuali

4) Se il punto 4 ed il punto 1 e 2 con l'opzione "nuovo=velocissimo" sono veri, la quota di macchine venduta di qui a pochissimo crollerà, e se contemporaneamente l'iPod dovesse disgraziatamente perdere colpi, la crisi colpirà e duramente. Nell' IT bastano 6 mesi per passare da azienda florida ad azienda sull'orlo della bancarotta.

5) quando usciranno le macchine Intel-inside, quanti programmi saranno disponibili in versione FAT? Chi mai comprerebbe un Mac dovendo rinunciare a parte del software per... Mac? (che già è deficitario rispetto al PC?) E per favore lasciamo da parte gli emulatori, adattatori ed incantatori.

6) Qui si fanno tante chiacchere, ma è chiaro che un normale PC non potrà mai far girare OSX allo stato attuale, le ROM di boot mica ci sono... Dovranno pur customizzare l'hardware se vorranno continuare a produrre i computer, ma vorranno continuare?

Per come la vedo io Apple continuerà a produrre macchine per fare girare il suo OS (che non girerà su di un comune PC), mentre sulle sue macchine sarà possibile installare Windows e Linux.

Share this post


Link to post
Share on other sites

5) quando usciranno le macchine Intel-inside, quanti programmi saranno disponibili in versione FAT? Chi mai comprerebbe un Mac dovendo rinunciare a parte del software per... Mac? (che già è deficitario rispetto al PC?) E per favore lasciamo da parte gli emulatori, adattatori ed incantatori.

lo scenario che hai progettato vede i futuri mac non compatibili con l'attuale software per mac.

a quel punto un vecchio utente mac sarebbe costretto comunque a scegliere se acquistare un mac intel che non fa girare il vecchio software o un pc che non fa girare comunque il vecchio software :D non mi sembra una cosa molto sensata quella che ho letto

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.
Sign in to follow this