Sign in to follow this  
MACBUK

Un apple IIGS in TV a colori: divertimento puro (dal 1986)

Recommended Posts

Il progetto del cavo è impreciso e non basato su misurazioni in campo reale. Ho fatto un'altra misurazione su un Trinitron 25" che monta lo stesso chip ed al piede 11 col resistore da 270 ohm consigliato dall'autore del progetto si hanno 5 V: credo un po' troppi. Sostituito con 1 kohm ho ottenuto 3.2 V: dato che questi chip effettuano il "fast switch" da composito a RGB anche con un solo volt ritengo più valido adottare un resistore da 1 kohm al posto dei 270 ohm del progetto originario che fa switchare senza esitazioni tutti i 3 televisori di casa mia.

In effetti, fai attenzione a non superare i 3V. Ad ogni modo, non dovrebbe esserci bisogno di un gran segnale.

VEhhehehe, hai perorato la causa di Voltaggio più volte in questo forum e non avrei motivo per prendermela, riconosco che Voltaggio è un termine improprio anche se di uso comune. :P:p

Già, però sai com'è... io sono un elettronico e certe cose fanno male al cuore :)

In merito allo zener non è piccolino da 3.3? dal cavo SCART escono 11 V e diventano inferiori 3 al piede del chip solo grazie alle resistenze in parallelo all'interno dei TV color. A me questa cosa non piace tantissimo perchè immagino sollecitata la sorgente di questi 12 V (già di per se precaria perchè gli alimentatori del IIGS sono fragili). Tuttavia ho notato che se costringo il pin 16 ad una tensione inferiore a 8 V circa i TV color non switchano. Quindi credo che il diodo debba essere un po' più grande...

Ah, strano.

Ad ogni modo, c'è qualcosa a questo proposito nella pagina in inglese di Wikipedia relativa alla presa SCART:

http://en.wikipedia.org/wiki/SCART

Pin 16, the blanking signal pin, carries a signal from the source that indicates that the signal is either RGB or composite.

0 V–0.4 V means composite.

1 V–3 V (nominal 1 V) means RGB only.

The original specification defined pin 16 as a high frequency (up to 3 MHz) signal that blanked the composite video. The RGB inputs were always active and the signal 'punches holes' in the composite video. This could be used to overlay subtitles from an external Teletext decoder.

0 V–0.4 V means composite with a transparent RGB overlay.

1 V–3 V (nominal 1 V) RGB only.

Il fatto che sul piedino sia ammesso un segnale fino a 3MHz giustificherebbe la scelta di un'impedenza di 75 Ohm, contrariamente a quanto pensavo in precedenza.

Cmq davvero grazie per avermi assistito in questo processo di troubleshooting non mi resta che studiare come si testa un transistor :D.

Qui il neopartitore resistivo Posted Image

Divertente il partitore...

Per testare un transistor si può incominciare a testare il funzionamento delle giunzioni per poi passare alla misura dell'amplificazione di corrente in regime statico o dinamico. l più delle volte, una semplice prova statica delle giunzioni permette di rendersi conto che qualcosa non funziona.

P.S. in tuo onore, ho rimesso in funzione l'SE/30. Non avevo ancora avuto il tempo di tirarlo fuori dalla scatola in cui l'avevo messo da quando ho traslocato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oh sono lusingato :-). L'SE30 è una gran bella macchina: credo che provvederò, forte della mia nuova esperienza in saldature smd, a sostituirne i condensatori per vedere se riottengo l'audio. Il mio lo uso prevalentemente come macchina di servizio perchè a me i mac senza colore non piacciono particolarmente...

Lo SCART, connettore di "peritelevisione", l'euroconnettore :-). Ricordo ancora quando comincio' ad affermarsi in italia.

Una idea davvero geniale: RGB monodirezionale e composito, Svideo e audio bidirezionali, tutto sommato poco rumoroso e poco costoso. Anche se la quasi totalità delle apparecchiature di uso domestico lo hanno usato per scambiare il segnale video composito la possibilità di introdurre RGB analogico in apparecchiature domestiche come un televisore era geniale negli anni 80.

Il wiki dice che quasi tutti i DVD player oggi escono RGB sulla scart, ne ero completamente allo scuro. Proverò a vedere che tensione esce sul loro pin 16 giusto per verificare il problema degli 8 volt.

Ho trovato originalissima questa possibilità di generare l'overlay con il pin 16 switchando ad alta frequenza le due modalità. Certo ormai le connessioni tenderanno ad essere sempre più digitali, inoltre l'audio è ormai a 6,8,10, 30 canali :-(.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oh sono lusingato :-). L'SE30 è una gran bella macchina: credo che provvederò, forte della mia nuova esperienza in saldature smd, a sostituirne i condensatori per vedere se riottengo l'audio. Il mio lo uso prevalentemente come macchina di servizio perchè a me i mac senza colore non piacciono particolarmente...

Non mi ricordo come sia amplificato l'audio sull'SE/30. Non è detto che il problema siano i condensatori.

Lo SCART, connettore di "peritelevisione", l'euroconnettore :-). Ricordo ancora quando comincio' ad affermarsi in italia.

Una idea davvero geniale: RGB monodirezionale e composito, Svideo e audio bidirezionali, tutto sommato poco rumoroso e poco costoso. Anche se la quasi totalità delle apparecchiature di uso domestico lo hanno usato per scambiare il segnale video composito la possibilità di introdurre RGB analogico in apparecchiature domestiche come un televisore era geniale negli anni 80.

Il wiki dice che quasi tutti i DVD player oggi escono RGB sulla scart, ne ero completamente allo scuro. Proverò a vedere che tensione esce sul loro pin 16 giusto per verificare il problema degli 8 volt.

Negli anni 80, mi ricordo che trovavo impressionante il fatto che ci fossero così tante connessioni necessarie nella presa di peritelevisione (sul mio TV si chiamava proprio così). Si, i DVD attuali si connettono in RGB.

Mi spiace che alcune connessioni analogiche stiano lentamente sparendo. Se da un lato gli standard digitali offrono un'indubbia qualità più elevata, il segnale video (mettiamo pure quello di luminanza) era abbastanza comprensibile e trattabile con elettronica "umana".

Ho trovato originalissima questa possibilità di generare l'overlay con il pin 16 switchando ad alta frequenza le due modalità. Certo ormai le connessioni tenderanno ad essere sempre più digitali, inoltre l'audio è ormai a 6,8,10, 30 canali :-(.

Che vuoi... il progresso :)

Quello che mi spiace un po' è il vedere lentamente sparire un certo savoir faire. Ho riparato di recente un magnetofono del 1967 che riusciva a realizzare un amplificatore audio con soli 5 transistor (due al silicio e tre al germanio), uscendo con quasi 1W sull'altoparlante. L'amplificazione complessiva era di 60-70 dB. In registrazione, uno di questi transistor veniva "riciclato" ed utilizzato per generare il segnale a 30 kHz necessario per assicurare una buona linarità sul nastro, dato che i transistor necessari per amplificare il microfono erano solo tre. Molto istruttivo.

Siamo andati un po' OT, mi sa... :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted Image

In questi giorni ho "ripreso" in maniera rudimentale il IIGS in attività ed ho cominciato a "buttare" alcuni video su youtube creando una playlist . Ho scelto il gsos, le applicazioni ed i giochi che meglio sfruttano le capacità della macchina, il software che più prende le distanze dall'eredità degli apple II e che più "protende" la macchina nel mondo dei 16 bit. Col tempo le case produttrici proporranno software in grado di sfruttare le capacità più o meno evidenti della macchina al prezzo di un unico vero requisito minimo: quel mega di ram senza il quale molto software non girerà. Diverso il discorso per le macchine con oltre 4 mega di ram, l'hd e il transwarpGS che guadagneranno l'opportunità di gestire giochi con ambienti vettoriali e il TCP IP.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oggi con straordinaria puntualità è arrivata dall'america la motherboard 03 dell'apple IIGS, un apple 3.5 disk drive e un altro drive. Il pensiero di provarla e il sospetto di trovarla rotta erano tanto intensi da provarla poggiata sul tappeto ee...Funziona! Si procede pertanto all'assemblaggio al posto della rarissima e castrante "rom 0" che farà parte della collezione ma è poco utile in termini di entertainment.

Posted ImagePosted ImagePosted Image

La differenza evidente è 1 megabyte di "fastram" on board in luogo di soli 128 k (sono 8 chip in due schiere da 4) mentre rimangono inalterati i 128k di ram a diretto accesso. Visibile è il battery holder (niente batteria saldata). All'accensione in calce alla schermata compare la dicitura "ROM 3" al posto di "ROM 1". Nelle primissime e ormai rarissime ROM 0 non compare nulla.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posted ImagePosted Image

Quindi in sintesi le differenze fondamentali tra la rom 3 e la rom 1 sono:

- Rom di capacità raddoppiata (256 k) in due eprom DIP 28 contenente i toolset del GSOS (tempi di boot e ram occupata inferiori)

- Ram incrementata complessivamente da 256 k a 1125 k

- batteria contenuta in un holder, chip sonoro e video non più "sockettati".

- nuovo controller adb che introduce: sticky keys per facilitare gli shortcut e keyboard mouse per muovere il puntatore con i tasti)

- maggiore fruibilità e flessibilità degli slot interni

- minore assorbimento complessivo di corrente, stampato con piste maggiorate, circuiti audio ora più isolati.

Il lato negativo è che viene meno la compatibilità con del software (almeno 8 nella mia collezione): la più grave delle quali (già sufficiente a farmi vedere la rom3 di malocchio) al momento è il mancato riconoscimento del mouse nel famoso "shufflepuck cafe'" (la versione IIgs colorata del quale avevo ripreso con una rom 01 su youtube).

Oggi mi è stato recapitato un "UNIDISK 3.5" il famoso "drive intelligente", perfettamente funzionante ed anche in eccellenti condizioni estetiche (del colore bianco del IIC): l'unico che consenta al IIC di leggere dischi 3.5 formattati in prodos 800k. Prima che io mi affezioni se qualcuno vuole proporre scambi intelligenti... altrimenti sarò costretto a comprare un apple IIC. :P:D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il lato negativo è che viene meno la compatibilità con del software (almeno 8 nella mia collezione): la più grave delle quali (già sufficiente a farmi vedere la rom3 di malocchio) al momento è il mancato riconoscimento del mouse nel famoso "shufflepuck cafe'"

Non funziona il mouse con Shufflepuck café??? Terribile :D

(grande quel gioco, è il mio preferito sull'SE/30)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this