calibrazione display - tool in confronto


bleak
 Share

Recommended Posts

apro questa discussione poichè mi trovo nella situazione di dover acquistare un dispositivo di calibrazione. Credo sia difficile trovare qualcuno che abbia testato personalemente le diverse apparecchiature ma un'opinione che avete maturato sulle vostre è più che gradita.

ho letto alcune recensioni riguardo i prodotti datacolor, e ce ne sono molte discordanti: a mio avviso, ora che è in commercio la terza versione spyder, la scelta migliore sia per la versione 'elite' che offre opzioni di calibrazioni meno ristrette.

http://www.datacolor.eu/index.php?eID=tx_cms_showpic&file=fileadmin%2Fdatacolor%2Fimages%2Fproductimages%2Fcomparison.JPG&width=1024m&height=768m&bodyTag=%3Cbody%20style%3D%22margin%3A0%3B%20background%3A%23fff%3B%22%3E&wrap=%3Ca%20href%3D%22javascript%3Aclose%28%29%3B%22%3E%20%7C%20%3C%2Fa%3E&md5=5d9691e8866783fb0a98e5a2ef6f242a

in questo link a questa immagine si può avere una pamoramica delle diverse versioni.

controllando la terza pagina di questo pdf

http://www.colorvision.com/pdfs/Spyder3Elite_QuickTour.pdf

sembra (ai numeri) che i prodotti x-rite siano comunque meno performanti dei prodotti colorvision anche se ho letto opinioni che eleggono i prodotti x-rite come migliori rispetto ai colorivision.

alla fine ci sono i prodotti pantone - huey che sembrano i più commercializzati o sponsorizzati non saprei dire.

A questo punto voi come vi trovate con i vostri?

Link to comment
Share on other sites

Io uso colorimetri e spettrofotometri da 15 anni.

Al momento ho uno spettrofotometro i1 Pro della X-Rite ed un colorimetro DTP94 sempre della X-Rite ma passato alla Quato come distribuzione.

Ho usato anche lo Spyder2 Pro che non mi sembra proprio a livello di altri prodotti di pari prezzo, come ad esempio l'i1 Display.

Lo Spyder3 sembra migliorato, ma non l'ho mai usato personalmente.

Il Pantone Huey mi sembra proprio il minimo indispensabile.

Se la tua necessità si limita alla calibrazione del monitor, ti basta un colorimetro come l'i1 Display od il DTP94, che trovi da Widegamut o in rete.

Entrambi sono compatibili con iColor, il sw della Quato, che è uno dei migliori che mi sia mai capitato di vedere.

Queste sonde dovrebbero trovarsi fra i € 200 ed i € 300.

Se invece devi calibrare anche la stampante allora devi passare ad uno spettrofotometro, molto più costoso.

L'i1 Pro che ho io è venduto in diverse configurazioni sw, da ca. € 1000 fino a oltre € 3.000.

Un'alternativa meno costosa potrebbe essere il Datacolor 1005 di cui ho letto bene e che trovi anche in bundle con lo Spyder3.

Per quanto riguarda il sw, i prodotti della X-Rite, i1 Display e i1 Pro, sono forniti con Eye-One Match, prodotto completo ma da diverse prove che ho fatto, per quanto riguarda la calibrazione dei monitor, è meno preciso di iColor della Quato che viene fornito con il DTP94 (forse anche a parte, non so).

Fra l'altro iColor permettere la creazione di profili a LUT oltre che a matrice ed ha il sistema di certificazione UGRA incorporato.

Ma se vuoi una soluzione sw molto più completa e professionale devi rivolgerti a ProfileMaker, di cui non ti dico il prezzo per non spaventarti.

Sui siti xrite.com, quato.com, widegamut.it, espresso.it, aproma.it, oltre a quelli Datacolor che già conosci, trovi altre info su tutti questi prodotti.

Ciao.

Link to comment
Share on other sites

grazie per l'avviso in effetti la mia necessità al momento senza pensare troppo al futuro è quella di calibrazione del solo display.

seguendo la tua considerazione, mi sembra che i prodotti pantone siano si economici ma rendono ovviamente meno rispetto ai prodotti di fascia superiore.

ho guardato le specifiche e controllato le recensioni e devo dire che sempre su carta lo spyder3 elite riporta un indice di accuratezza di 0.0025 link

mentre l'i1Display della x-rite, suo diretto avversario a mio avviso, riporta un indice di accuratezza dello 0.004 link

Ma i numeri dicono tutto e niente quindi leggendo questa recensione si può comprendere la differenza di prestazioni tra i due

http://www.photographyblog.com/reviews_spyder3elite.php

è un'articolo riguardo lo spyder3 elite ma in fondo riporta una considerazione tra i due

"I compared the results from the Spyder3Elite to the profile I created with X-Rite's i1Display 2 and EyeOne Match software. Both tools produced excellent profiles with slight differences. I found that EyeOne Match gave me warmer tones and a slightly brighter display than the Spyder3 did, while the Spyder3 gave more neutral grays and slightly better shadow detail. The differences are too slight to see reproduced here, but they are visible."

questa l'immagine che mostra le differenza di calibrazione tra i due

Posted Image

senza unità di misura è difficile comprenderne l'essenza ma giusto per rendere un minimo l'idea.

Link to comment
Share on other sites

ho guardato le specifiche e controllato le recensioni e devo dire che sempre su carta lo spyder3 elite riporta un indice di accuratezza di 0.0025

Lascia perdere i dati dichiarati.

In questa fascia di prodotti il controllo qualitativo è fatto a campione e già fra pezzi diversi dello stesso modello ci possono essere differenze molto maggiori di quelle dichiarate fra modelli diversi.

Se vuoi dei prodotti certificati devi andare almeno sull'i1 Pro che vieni testato pezzo per pezzo ed ogni pezzo viene corredato dal risultato dei test di certificazione.

Il problema è che costa molto.

Tornando ai colorimetri più economici, la mia personale classifica, fra prove dirette e indirette, sarebbe questa:

Quato/X-Rite DTP94

i1 Display

Spyder3

Spyder2

(le diverse versioni variano solo per il sw in bundle)

Ciao,

Link to comment
Share on other sites

dopo diverse letture sono in linea con la tua classifica.

Quato/X-Rite DTP94

i1 Display

Spyder3

Spyder2

dopo aver letto alcune recensioni riguardo i prodotti pantone mi sono ricreduto: per avere un risultato amatoriale ed in carenza di budget è da dargli un'occhiata.

parlando dei prodotti più professionali questo è un ottimo test tra svariati sistemi e display link

che da come vincente il dtp94 in bundle con il software di integrated-color color-eyes display.

i prodotti della quato con iColor display propongono in bundle il silver haze pro che sembra essere un dtp94 sotto altro nome.

sembra a leggere la recensione (primo link) del color-eyes che sia un pò ostico per i principianti della calibrazione.

"The ColorEyes Display software is powerful, but has an unfinished feel. The user interface is non-intuitive, difficult to navigate, and distinctly designed for those both already familiar with monitor calibration and profiling. The flow through the software is not well thought out."

ma tra otto testati rimane il sistema migliore.

è un peccato che non non abbia trovato nulla che faccia una comparazione di prestazioni tra l'icolor della quato ed il color-eyes della IC. in ogni caso essendo un dtp 94 in tutti e due le opzioni credo sia possibile intercambiarne il SW senza problemi.

Link to comment
Share on other sites

  • 4 weeks later...

Io uso colorimetri e spettrofotometri da 15 anni....

Vista la tua esperienza, vorrei farti una domanda in merito ai software. Come strumento ho un eye one display 2 (240 € lo scorso anno...) e mi trovo benissimo, anche perchè è supportato praticamente da tutti. Ho avuto modo di provare diversi software, ma ritengo che il migliore in assoluto sia basiccolor display, che è possibile scaricare e provare per 14gg dal sito . Sul mio mbp sto usando eye one match 3.6 (gratuito, lo danno con la cellula), che non è malvagio per le mie esigenze. Ho però avuto occasione di vedere anche coloreyes display pro. Mentre gli altri software però richiedono una profilazione agendo sui controlli rgb dell osd, per poi impostare il processo di calibrazione in base a queste regolazioni, questo non chiede nulla. Si impostano pochi fondamentali valori (D65, L*, 2.2 per gamma ecc..), e poi parte con la calibrazione. E il settaggio rgb come avviene? Se io dal mio menu osd non faccio nulla (neanche per il contrasto/luminosità) e parto ad esempio da una configurazione di fabbrica, è il software che interviene per tutto il resto?

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

è un peccato che non non abbia trovato nulla che faccia una comparazione di prestazioni tra l'icolor della quato ed il color-eyes della IC. in ogni caso essendo un dtp 94 in tutti e due le opzioni credo sia possibile intercambiarne il SW senza problemi.

Appena ho tempo, scarico il demo e provo a fare un confronto, anche se l'iColor si integra con l'hardware del monitor (Intelli Proof 260 Excellence) mentre il ColorEyes credo di no.

Ciao.

Link to comment
Share on other sites

…ritengo che il migliore in assoluto sia basiccolor display, che è possibile scaricare e provare per 14gg dal sito .

Ciao Stefano e scusa se rispondo solo ora, ma impegni di lavoro mi tengono lontano dal forum.

Conosco Basiccolor solo per averne letto e per aver provato una vecchia demo da un mio collega.

Vedo se c'è la demo dell'ultima versione per studiarla.

Sul mio mbp sto usando eye one match 3.6 (gratuito, lo danno con la cellula), che non è malvagio per le mie esigenze.

Anche perché visti i limiti dello schermo del MBP non vale la pena spendere soldi per sw più sofisticati.

Comunque ti confermo che Eye One Match non va male. Sul mio MBP ho provato sia con quello che con iColor con entrambe le mie sonde e le differenze, a favore dell'accoppiata iColor + DTP, sono inferiori al dE 1, max dE 1.5, su tutta la gamma riprodotta.

Mentre gli altri software però richiedono una profilazione agendo sui controlli rgb dell osd, per poi impostare il processo di calibrazione in base a queste regolazioni, questo non chiede nulla.

Non te li chiede perché impostando la calibrazione di un laptop viene scelta una ruotine più limitata, dato che i monitor dei portali solitamente non hanno controlli.

Ma se provi ad impostare la calibrazione di un LCD vedrai che anche Eye One Match ti chiede di agire prima sui controlli del monitor, perché sarebbe la cosa più giusta.

E il settaggio rgb come avviene?

Semplicemente non avviene. I valori RGB vengono rilevati così come sono e basta.

Se io dal mio menu osd non faccio nulla (neanche per il contrasto/luminosità) e parto ad esempio da una configurazione di fabbrica, è il software che interviene per tutto il resto?

Sì, il profilo viene creato lo stesso, ma rileverà i parametri del monitor non regolato e non è certo la situazione migliore.

La luminosità ed il contrasto vanno sempre impostai, quando possibile.

Nel caso del MBP puoi solo agire sul contrasto e la luminosità la potresti modificare solo con un sw di calibrazione che te lo permetta, come l'iColor ma anche altri.

Non vorrei sbagliarmi, ma credo che che il sw della LaCie, compatibilie con l'Eye One Display, sia liberamente scaricabile da qualche parte sul sito della casa e credo che permetta di impostare la luminosità minima via sw.

Ciao.

Link to comment
Share on other sites

Carlone in effetti non sono stato chiaro...ho scritto "sul mio mbp" ma non intendevo dire che effettuo la calibrazione su questo monitor. Ho un HP LP2065 che per prezzo/prestazioni è fantastico (ha un pannello S-IPS). Mentre con altri sw di calibrazione in fase di profilazione imposto i valori anche dell' rgb, con coloreyes display pro non mi chiede proprio nulla. Immagino che intervenga direttamente tramite un'opzione che, se settata, controlli e tari tutti i valori via digitale (se necessario posso essere + preciso ma dovrei vedere sul sistema di che opzione si tratta), se il modello lcd è predisposto.

Link to comment
Share on other sites

Ci sono alcuni monitor, per lo più di fascia alta, che permettono di effettuare una calibrazioni hardware, cioè di modificare direttamente i parametri del display tramite i controlli del sw di calibrazione.

Per fare questo ci deve essere la predisposizione del monitor al dialogo con il sw di calibrazione.

Per questo i sw di questo tipo sono sempre proprietari, come nel caso di LaCie, Eizo, Quato, Barco, ecc….

Nel caso del tuo HP e di Coloreyes Display dubito che cio' avvenga.

Molto più probabilmente la routine di calibrazione di Coloreyes Display non prevede il rilevamento di certi parametri per la modifica ma solo, in automatico, per la profilazione.

Ad ogni modo il rilevamento dei valori RGB a cui ti riferisci, dovrebbe essere solo quello relativo all'impostazione del punto di bianco, che è un'operazione che può essere fatta anche tramite l'impostazione del profilo.

Le differenza fra un punto di bianco calibrato tramite i controlli RGB del monitor e quello impostato da profilo sono fondamentalmente due.

La prima è che via hardware puoi mantenere la massima luminosità possibile del display, mentre via sw la luminosità potrebbe essere più bassa del massimo possibile a causa delle maggiori correzioni da apportare. Va però detto che la luminosità massima, di un moderno LCD, solitamente va ben oltre i valori a cui è consigliabile lavorare, dalle 100cdmq alle 150 cdmq.

La seconda è solo estetica e la noti all'avvio del computer.

Se il bianco è calibrato via hardware non noterai alcuna differenza nel colore delle schermate d'avvio.

Se invece il bianco è impostato solo tramite profilo e se vi è un certo divario fra il bianco hardware e quello software, tu vedrai che ad un certo punto il colore del monitor cambia. Questo capita nel momento in cui viene caricato il profilo del monitor.

Ciao.

Link to comment
Share on other sites

Ci sono alcuni monitor, per lo più di fascia alta, che permettono di effettuare una calibrazioni hardware, cioè di modificare direttamente i parametri del display tramite i controlli del sw di calibrazione.

Per fare questo ci deve essere la predisposizione del monitor al dialogo con il sw di calibrazione.

Per questo i sw di questo tipo sono sempre proprietari, come nel caso di LaCie, Eizo, Quato, Barco, ecc….

Ci sono anche modelli NEC che avevo "puntato", ma i prezzi sono inarrivabili soprattutto se lo si fa per hobby!

Nel caso del tuo HP e di Coloreyes Display dubito che cio' avvenga.

Molto più probabilmente la routine di calibrazione di Coloreyes Display non prevede il rilevamento di certi parametri per la modifica ma solo, in automatico, per la profilazione.

Infatti. Anche con gli altri sw parlavo di profilazione.

Le differenza fra un punto di bianco calibrato tramite i controlli RGB del monitor e quello impostato da profilo sono fondamentalmente due.

La prima è che via hardware puoi mantenere la massima luminosità possibile del display, mentre via sw la luminosità potrebbe essere più bassa del massimo possibile a causa delle maggiori correzioni da apportare. Va però detto che la luminosità massima, di un moderno LCD, solitamente va ben oltre i valori a cui è consigliabile lavorare, dalle 100cdmq alle 150 cdmq.

Anche qui mi chiarisci un piccolo dubbio, sul fatto che i risultati finali davano un valore di luminosità sensibilmente più basso, malgrado avessi impostato il contrasto al 100% e la luminosità a 80%. Al massimo arrivo ai 170 cdmq a fronte dei circa 300 teoricamente possibili.

La seconda è solo estetica e la noti all'avvio del computer.

Se il bianco è calibrato via hardware non noterai alcuna differenza nel colore delle schermate d'avvio. Se invece il bianco è impostato solo tramite profilo e se vi è un certo divario fra il bianco hardware e quello software, tu vedrai che ad un certo punto il colore del monitor cambia

Infatti è proprio così...

Comunque, per tornare all'inizio della discussione, la profilazione automatica non è che mi faccia impazzire... Rimango dell'idea che Basiccolor display sia il migliore di tutti quelli provati, anche cone verifica finale del profilo .

Ciao, grazie x le info!!!

Link to comment
Share on other sites

Ci sono anche modelli NEC che avevo "puntato", ma i prezzi sono inarrivabili soprattutto se lo si fa per hobby!

Il NEC Spectraview Reference 21" credo sia uno dei migliori, forse il migliore, LCD in commercio.

Ma il prezzo è inarrivabile anche per molti che lo userebbero per lavoro :(

Al massimo arrivo ai 170 cdmq a fronte dei circa 300 teoricamente possibili.

A 300 cdmq ti abbronzi :D.

Io lavoro a 120 cdmq e già mi sembrano troppi.

Ciao.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share