Powerbook


Recommended Posts

ciao a tutti! scusate l'intrusione... ok il condizionatore

e il tavolo in acciaio, che sono entrambi invenzioni

bellissime, ma un portatile si chiama portatile perchè

è fatto per essere portato in giro!!!

per quanto mi riguarda Apple deve ancora lavorare

molto su questo!!!

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 8.5k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Abbastanza chiaro un corno... ci sono troppi punti in cui si lascia alla discrezionalità, o peggio al difetto di conformità...

In sintesi si ribadiscono i concetti da me semplificatamente espressi...la garanzia è di 26mesi complessivi, cioè 12mesi+12mesi+2mesi necessari a denunciare un difetto riscontrato entro un giorno prima della scadenza dei 12mesi+12mesi...

Purtroppo la direttiva Europea sembra una direttiva Italiana, lasciata troppo vaga e senza precise ed inconfutabili indicazioni di cosa è in garanzia, come lo è e quali sono le condizioni...molto probabilmente per la enorme vastità degli oggetti racchiusi in questa direttiva.

Nella stessa direttiva in sintesi sono abbracciati articoli che vanno dall'automobile, al computer fisso e portatile, ai cellulari, agli elettrodomestici...etcetc...

Apple come molte aziende è nei termini di legge, e li interpreta al meglio delle sue considerazioni...piaccia o non piaccia non si può accusare Apple di essere fuori legge o scorretta o furbacchiona...lo sono più o meno tutte le case prodruttrici...

Non vi va bene? non compratela, più semplice di così...Andate da Acer e comrpate Acer contenti delle condizioni di Acer...salvo poi "scoprire" che su di un qualsiasi portatile la garanzia "omnicomprensiva" non "comprende" la batteria se non per 3mesi...ed altre liete sorprese...

Mickey

Link to comment
Share on other sites

Tenere presente, poi, che i due anni valgono per i privati. Se il bene viene fatturato nisba. E questo per computers, anelli da naso, stuzzicadenti, battelli a vapore, etc......

Link to comment
Share on other sites

DA ADICONSUM E CODACONS.......

GARANZIA: DUE ANNI PER OGNI PRODOTTO

UNA CIRCOLARE ORA FA CHIAREZZA

(08/04/2004) Che la nuova garanzia sui beni di consumo procedesse con più di un intoppo, in Italia ce ne eravamo accorti da tempo. Ad esempio, era già stato denunciato più volte il comportamento di molte aziende di informatica che limitavano il periodo di copertura a un anno invece dei due previsti dal decreto legislativo 24/02 entrato in vigore il 23 marzo 2002. Una situazione talmente paradossale da coinvolgere perfino il ministero delle Attività produttive, costretto a diramare una circolare per chiarire i dubbi e limitare le liti tra consumatori e produttori.

Nessuna eccezione

La prima - e forse più importante - precisazione dei tecnici di Marzano riguarda proprio i prodotti interessati dalla garanzia di due anni. O meglio, le esclusioni previste solamente per i contratti di somministrazione di energia elettrica, acqua e gas (questi ultimi quando non si tratti di quantità determinate, come potrebbero essere quelle delle bombole), e le vendite forzate fatte dall’autorità giudiziaria (le aste, per esempio). Niente altro.

Nessun dubbio, dunque: computer e componenti hardware rientrano a pieno titolo tra i prodotti coperti da garanzia di due anni. Con buona pace di tutte le aziende che continuano a indicare la garanzia di un anno, cioè la gran parte dei produttori di materiale informatico che stentano a prendere atto di una legge che oramai ha due anni di vita. Dalla precisazione, inoltre, nasce un’ulteriore considerazione: al consumatore non serve alcuna assicurazione per avere una copertura di due anni (alcuni rivenditori propongono polizze a pagamento).

La circolare del ministero, interviene direttamente anche sui costi delle riparazioni, escludendo nella maniera più categorica che possano essere addebitate al consumatore spese per spedizione, mano d’opera e materiali. A carico del venditore (o del produttore), dunque, ci sono tutti gli oneri relativi al trasporto, all’eventuale invio di un tecnico, all’intervento, ai pezzi necessari per la riparazione.

Sul versante della durata della tutela del bene da vizi o non conformità, il ministero conferma che ai 24 mesi vanno aggiunti due mesi, concessi all’utente per denunciare il difetto.

I pezzi di ricambio

Altro dubbio che assilla spesso i consumatori, e produce di continuo liti con i rivenditori, riguarda la durata della garanzia su un ricambio. Il dubbio, generalmente, è il seguente: se un pezzo del bene di consumo viene sostituito in garanzia, su quella parte è attiva una nuova copertura e per quanto tempo?

Anche in questo caso la circolare è assai chiara. Non solo ribadisce che qualunque ricambio è soggetto a garanzia legale, ma ne specifica anche la durata. Nel caso l’intervento sia stato fatto mentre il prodotto era in garanzia, il periodo di copertura non ricomincia da capo, dunque tutto il bene (anche il ricambio) continua a essere protetto per 24 mesi dal momento della prima consegna del prodotto. Se, invece, la riparazione viene fatta extragaranzia (dunque a pagamento) sul ricambio la copertura è di due anni.

Anche l’usato

E se comperiamo un prodotto usato in un negozio? Anche in questo caso cercare un po’ di trasparenza da parte del venditore è impresa vana. Normalmente, infatti, la tutela di eventuali vizi viene esclusa categoricamente o, quando va bene, viene spacciato come una speciale concessione ciò che invece è imposto dalla normativa. Il decreto legislativo 24/02, infatti, assicura una salvaguardia legale anche in questi casi. Ed è esattamente quanto ribadisce la circolare del ministero che ricorda come per i beni usati il periodo sia ridotto a un anno e la garanzia sia valida solo per i difetti non  attribuibili all’uso normale dell’utente, considerando tutta la vita del prodotto. Le eventuali coperture commerciali, precisano dalle Attività produttive, possono allungare la durata della tutela dell’acquisto ma debbono essere assolutamente gratuite.

CHI LO HA SCRITTO NON E' L' ULTIMO ARRIVATO, IL GRUPPO DI AVVOCATI DELLE VARIE ASSOCIAZIONI DI CONSUMATORI.....

CHI DENTRO QUESTO FORUM LAVORA PER APPLE !?????

Link to comment
Share on other sites

Roberto scrivi in maiuscolo per dare più forza alla tua tesi? non c'è ne bisogno.

Bene se quello che citi è vero come mai la direttiva non è stata diffusa a livello nazionale in ogni dove? come le aziende non lo hanno ancora recepito?

Se non ho capito male, la tua citazione, dovrebbe essere una integrazione alla interpretazione della direttiva europea? scritta dal ministero (quale?) o dal ministro (quale?) o dagli avvocati delle varie associazioni di consumatori?

Per quanto riguarda l'ultima tua frase/domanda, cosa intendi?

Cioè è una domanda legittima o è facile ironia che ti puoi tranquillamente risparmiare? e se si nei confronti di chi ?

Mickey

Link to comment
Share on other sites

la pubblicazione della circolare leva parecchi dubbi !!!!!!

per... donvito...

se apple rispetta la legge nel suo spirito ( due anni in modo totale )... non vi è motivo di comprare altro... la garanzia di un anno è una beffa...

liquidare dicendo... comprate da acer o altri è un modo per concludere senza approfondire l' argomento e dare chiarezze a chi le chiede !!!!! è a quanto si vede non sono pochi !!!

E' possibile che un sito che ha rilevanza nazionale sui prodotti apple, non chieda ad apple una risposta chiara e concisa ??????

lo scopo del forum è, o non è, di parlare , discutere e trovare soluzioni ????? il tuo NON VI VA BENE ! NON COMPRATELA !

non è una risposta ,a mio parere , esaudiente....

Link to comment
Share on other sites

Roberto se puoi non chiamarmi per cognome, grazie.

Non so quanto tu sia assiduo a leggere questo forum, se lo fossi stato in alcuni periodi passati avresti anche tu letto/partecipato (se lo hai fatto non me lo ricordo) a discussioni ad hoc riguardo questo argomento, e nonostante fiumi di parole e di ricerche alla fine la certezza della legge non si evinceva da nessuna parte.

E sopratutto all'epoca la posizione di Apple era assolutamente legittima.

L'ultima evoluzione o meglio precisazione che hai citato probabilmente dovrebbe mettere la parola fine, probabilmente, ma ci credo poco.

Roberto i personalmente sono macuser da anni, molti anni, ne ho lette e dette di tutti i colori, ma sinceramente mi sono rotto i maroni delle lamentele di alcuni utenti sul comportamento di Apple.

Bada bene non delle critiche legittime, ma proprio delle lamentele nei confronti di una azienda, che per non si sa per quale motivo dovrebbe avere un comportamento quasi di beneficienza verso alcuni suoi utenti.

Si organizzano petizioni per evitare di pagare una nuova versione del SO, si organizzano petizioni e proteste per ritardi di disponibilità di alcuni prodotti hardware annunciati, e si protesta vivacemente, gridando spesso allo scandalo, per prodotti disponibili prima in USA e poi nel resto del mondo...

Ci sono ancora oggi urla di dissenso nei confronti del prezzo del Mini iPod e degli iPod...i prodotti più venduti da Apple nella sua storia, con copertura di vendita per almeno 3mesi avanti...

In buona sostanza di protesta su tutto...

Se mi avessi letto con maggiore attenzione, avresti letto che una AppleCare a 200€ invece che a 400€ mi farebbe enorme piacere, che una certezza di 2anni di garanzia su tutti i prodotti indipendentemente da chi li vende mi renderebbe soddisfatto...ma alcune cose non sono così ma se ritengo mi servono adesso, adesso decido di procedere all'acquisto accettando le condizioni attuali.

Ho comprato il mio Titanium due anni fa pagandolo 4000€ tondi tondi, dopo meno di 3mesi il modello equivalente era sceso di 1.000€ e passi euro...ci furono proteste anche li, bestemmie ed indignazioni...credi che mi avrebbe creato disturbo un costo di acquisto di 3.000€ invece di 4.000€??

Se la precisazione del ministro/ministero aiuterà a imporre indistintamente una garanzia di 2anni su tutto, bene sarò contento, altrimenti non starò qui a bestemmiare contro Apple.

Mickey

Link to comment
Share on other sites

Hai sicuramente ragione Simona.

Il discorso pero' e' un po' piu' complicato di quanto sembri. Tutti i portatili attuali, anche non Mac, devono confrontarsi con il problema "temperatura". Alcuni lo superano tenendo delle ventole piu' o meno sempre accese, con implicazioni negative sul fronte consumi e confort. Altri, come i portatili Apple, puntano di piu' sul fronte dispersione naturale del calore, con case in alluminio per esempio. In questo caso, il maggior confort acustico, per citarne uno, si paga (purtroppo) con un peggior confort tattile. Posted Image

Link to comment
Share on other sites

Io concordo con tutti gli esempi, le diatribe e le presunte bestemmie che hai citato, non ci sarebbe motivo di portarli avanti, passi anche il fatto dei 1000€ (su cui ci sono passato anche io), ma questo è un caso proprio diverso...

Qui ci sarebbe da discutere eccome...

Mi sembra ridicolo continuare a difendere una strategia di mercato del genere, portare alle stelle l'assistenza e negare l'anno di garanzia obbligatorio. Hai parlato tanto, ma alla fine io sono un privato che compra senza fattura da un rivenditore che opera in Italia (applestore) e quindi dovrei comunque rientrare nei tuoi 12+12+2...

Non sempre si gradisce una risata in faccia da parte dei consulenti apple quando si chiede una cosa legittima...

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share