Powerbook


Recommended Posts

Se fosse solo un problema di soldi, di velocità, di processore, di HD, di Ram ecc ecc penso che in molti opterebbero per un Pc.

Ma chi usa Mac (mi sembra di avere capito che tu non lo usi ancora) ha altri parametri comparativi.

Certo, quando leggo certe prestazioni, anche io storco il naso, ma dura sempre per pochi attimi. Mi risiedo alla scrivania e accendo il mio PowerBook 667, che mi permette ancora di fare ciò che mi serve: Pro Tools e Final Cut Express su tutti. Certo, il mio uso non è professionale ma credimi non mi mancherebbe nulla (come attrezzature intendo)!!!

In 7 anni di mac ho avuto 1/1000 dei problemi che hanno avuto i miei amici picisti!!!

E tre di loro, negli'ultimi 4 mesi, sono passati a Mac.

Secondo voi tornerebbero indietro?

Ciao ciao

michele.

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 8.5k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Io sono passato a Mac solo da luglio, con un bel PB 17" e da un po ho smesso di paragonare le specifiche tra PC e Mac.

Mac è meglio punto e basta e non tornerei ai PC neanche morto!

e questo è quello che pensano praticamente tutti quello che fanno lo switch

...ci sarà una ragione.

Link to comment
Share on other sites

Uhm...dove sta andando Apple? difficile dirlo...

Cosa sta provocando nel mondo informatico con l'accoppiata iPod+iTunes? una macello mai visto...

E di oggi la notizia che Microsoft ha ammesso essere vicina ad un accordo con Sony per il mercato della musica digitale(sito CfnCnbc)...

Hai hai hai...adesso credo che siano volatili per diabetici....

Mickey

Link to comment
Share on other sites

i vostri pareri confortano la mia epidermica simpatia per apple. non è però una mia invenzione che parte dell'utenza pro sia emigrata altrove.

10, 15, anni fa, tutti i grafici usavano il mac. oggi, no.

video, settore che conosco un pochino poiché ci lavoro. i software citati da settimio sono ottimi, e il g5 è una buona macchina. ciònonostante, il 90% delle televisioni e delle case di produzione utilizza come prodotto base per l'editing avid. quando si crea uno standard è difficile mutarlo, anche se ci sono in giro cose teoricamente migliori o più avanzate.

il sintonizzatore integrato in un portatile, senza scatolette aggiuntive, potrebbe fare comodo, ma è pur vera l'incertezza sulla tv prossima futura. sul masterizzatore sono d'accordo, volendo lo si cambia. sullo slot per pc card un po' meno: può servire eccome, e non capisco perché privarcelo. comunque, finché ci sarà gusto, ci sarà apple...

un caro saluto a tutti.

Link to comment
Share on other sites

Sergio

<FONT COLOR="ff0000">i vostri pareri confortano la mia epidermica simpatia per apple. non è però una mia invenzione che parte dell'utenza pro sia emigrata altrove.

10, 15, anni fa, tutti i grafici usavano il mac. oggi, no.</FONT>

Di solito chi ha iniziato con il Mac non cambia, non credo ci sia tantissima migrazione ad altre piattaforme, quanto persone che nascono già su altre piattaforme. E qui il problema è sempre il solito la scuola.

Detto questo, c'è anche un sacco di gente che si mette a fare il grafico senza conoscere o saper usare lo strumento opportuno ... se ne vedono tanti in giro ... ma non su questo forum Posted Image

Link to comment
Share on other sites

<FONT COLOR="119911">il pc ha un mpdem esterno con una entrata ethernet disponibile...</FONT><FONT COLOR="000000">

Si tratta di un roter ADSL?

Se si, basta connetterlo al PB con un cavo ethernet, quindi configurare preferenze di sistema>network>ethernet integrata con l'indirizzo IP della porta relativa del router; se il router gestisce gli indirizzi DHCP basta selezionare in "configura IPV4" la dizione: utilizzo di DHCP.

Comunque per maggiori informazioni consulta questo sito: http://homepage.mac.com/marco_coisson/xMacintosh/index.html, scarica il 1° numero di X come Macintosh dove l'argomeno reti miste è trattato benissimo dall'amico Marco Coisson.

Ciao

Piero</FONT>

Link to comment
Share on other sites

10,15 anni fa...

si vero ma il mercato grafico è esploso negli ultimi 5anni...credo che la posizione Apple sia ancora molto forte, in percentuale decisamente minore rispetto a 10,15anni fa, ma numericamente maggiore...

Insomma sono aumentati i grafici, non sono diminiuti i grafici sotto MacOS...

Se consideriamo anche che anche le copisterie adesso si mettono a fare lavori di "grafica", cosa praticamente impossibile 10anni fa...capirai l'espansione del mercato.

Probabilmente è quello che accadrà al mercato della musica digitale, se oggi ci sono 10.000.000 di utenti che ascoltano la musica da un lettore digitale e 100.000.000 di utenti che la acquistano via internet, circa il 60% di questo mercato misto è in mano ad Apple...

Fra 10 anni probabilmente avremo 150.000.000 di utenti che ascolteranno la musica con un lettore digitale e 1.000.000.000 di utenti che la acquisteranno via internete, circa il 15% di quel mercato misto sarà in mano ad Apple, che pur avendo calato la sua % globale, ha incrementato i suoi numeri in modo esponenziale... Posted Image

Mickey

Link to comment
Share on other sites

sergio » <FONT COLOR="0000ff">non è però una mia invenzione che parte dell'utenza pro sia emigrata altrove.

10, 15, anni fa, tutti i grafici usavano il mac</FONT>

Beh non c'è dubbio, ma è che la situazione di 10-15 anni fa era completamente diversa da quella attuale.

E' vero che Apple ha avuto una emorragia di utenti in nicchie che dominava quasi totalmente, ma lo stesso è accaduto a tanti altri produttori di nicchia: da Atari e Amiga nell'audio e nella grafica low-end, a SGI, Sun e DEC Alpha nelle workstation e nei server...

Il punto è che quindic'anni essere "di nicchia", rispetto alla diffusione della piattaforma x86, voleva dire quasi sempre rivolgersi a un settore in cui con un IBM/compatibile era impossibile lavorare.

Nel 90 con un Mac potevi fare DTP tranquillamente, con un PC con Win 3.0 penso ti potevi sparare nelle palle, ci credo che quasi tutti i grafici usavano il Mac... lo stesso valeva per l'audio economico con l'Atari, la grafica digitale con l'Amiga, il 3d e la progettazione professionale con le workstation, eccetera.

Da allora c'è stata una vera e propria rivoluzione con un'espansione enorme del mercato informatico, e tutta una serie di processi di standardizzazione, aumento di prestazioni, abbattimento dei costi, economie di scala, stravolgimenti vari che alla fin fine hanno favorito molto la piattaforma "generalista" più diffusa, appunto quella x86/MS, con la quale oggi si fa di tutto, dalle console ai server di fascia alta.

Di buono c'è che il mercato si è ingrossato così tanto che anche se ti rimane un quarto della diffusione precedente il giro d'affari è comunque cresciuto.

Però molti produttori di nicchia ci sono rimasti secchi. Apple alla fine è uno di quelli che ne è uscito meglio. Un po' perché era forse più versatile, aveva bene o male vari tipi di utenze, dai professionisti agli utenti casalinghi alle scuole, e un po'... perché era un'azienda fuori di melone con un sacco di clienti ancor più fuori di melone B^D

Oggi Apple sembra essersi orientata più sul cosiddetto consumer, ma secondo me è solo un'apparenza.

Secondo me Apple negli ultimi cinque - sei anni ha fatto degli sforzi enormi per stare al passo dei cambiamenti del mercato informatico, in maniera penso bilanciata fra il versante consumer e quello professionale.

Il fatto è che nel consumer si è inserita bene con prodotti nuovi in settori nuovi, che in parte ha anche contribuito a creare, e ha raccolto tanto "facilmente". Dall'iMac originale in poi ci sono stati vari colpi, fino all'iPod e all'iTMS che hanno percentuali bulgare; di consenguenza gran parte dell'hype è su di loro.

Nel professionale in senso lato, invece, si è praticamente dovuta reinventare daccapo sul software, e ha dovuto fare i salti mortali per risolvere vari handicap sull'hardware, in un mercato già stramaturo e ultra competitivo.

Il che vuol dire fare un'enormità di sforzi solo per non perdere le proprie quote, e far digerire un sacco di cambiamenti all'utenza e trovarsela spesso scontenta (a proposito, Gennaro, mica vero che di solito chi ha iniziato con il mac non cambia... penso che molti abbiano cambiato intorno al 95 e al 2000...).

Però insomma gli sforzi sono stati tanti, e probabilmente si spera che cominceranno davvero a pagare. Insomma, Apple è una compagnia che a un certo punto non aveva neanche un server a listino e ora vende server blade eccellenti e ha appena rilasciato un file system SAN; era ai margini del settore video e ha tirato fuori Final Cut e s'è comprata Shake; perdeva terreno nell'audio e s'è comprata e-magic; era praticamente tagliata fuori dallo sviluppo web e ora è la piattaforma preferita da un sacco di web designer; era vista proverbialmente come LA piattaforma chiusa e ora ha un OS che è la variante UNIX desktop più installata; era vista malissimo in ambito aziendale e ora ti può pure capitare di vedere un amministratore di rete con un PowerBook...

Insomma io dico che l'impegno in ambito pro c'è ancora, eccome...

Link to comment
Share on other sites

Guido:

»<FONT COLOR="0000ff">Devo acquistare un portatile a tempo breve (parto per studi)</FONT>

Che studi sono? Se puoi accedere allo sconto studenti il 15" 1.5ghz viene 2300 euro.

»<FONT COLOR="0000ff">La mia domanda è: ne vale ancora la pena? Vale la pena di spendere quasi 600 euro in più per un powerbook "vecchio" di 9 mesi?</FONT>

Beh, dipende dalle inclinazioni personali. Per quanto mi riguarda, io non ho mai posseduto un portatile, ma ne ho visto parecchi sia Mac che PC... personalmente non avrei dubbi, potendo spendere quei 600 euro in più prenderei il PB.

E se non li potessi spendere... all'Acer preferirei comunque il PB 1.33 ghz senza DVD-R che costa più o meno uguale.

La piattoforma centrino è ottima, i Pentium M sono più potenti dei G4 e l'autonomia spesso è superiore. Però trovo che l'ergonomia e il comfort dei portatili Apple sia di un'altra categoria. E poi c'è l'OS...

Guarda, io non mi sento pro-Apple per forza, uso sia PC che Mac, e se dovessi comprarmi un desktop ora come ora probabilmente opterei per un PC. Ma un portatile è diverso... non so, tutte le volte che ho avuto l'occasione di portarmi in giro un notebook Apple mi sono trovato sempre a mio agio, con i notebook PC mai.

»<FONT COLOR="0000ff">Sapete dove posso vedere delle comparazioni tra le prestazioni di un centrino e di un G4 su applicazioni come Illustrator, Photoshop e Flash</FONT>

Guarda, ora come ora benchmark sottomano da linkare non ne ho, comunque penso di non sbagliare se ti anticipo che vince il centrino su tutte e tre. Il Pentium M è più potente dei G4, anche a parità di Mhz, fine della storia. Però non è che la differenza sia abissale, e su applicazioni come quelle che hai citato, che sono sì pesantucce, ma senza esagerare, credo che la differenza nell'uso quotidiano non si noti.

Voglio dire, sia col G4 che col centrino Photoshop gira tranquillamente, qualche secondo in più o in meno nei benchmark non credo possano rappresentare una discriminante. Perlomeno, di nuovo dipende dai punti di vista, secondo me nell'uso quotidiano sono più discriminanti altri fattori, come la facilità d'uso e manutenzione, la solidità dell'ambiente operativo, ecc... OSX per dire ha un'ottima gestione del multitasking e della memoria virtuale, e nella mia esperienza è meno tendente ad andare in ginocchio con tante applicazioni aperte rispetto a Windows. Il DTP e la grafica, poi, credo siano ancora un terreno d'eccelenza del Mac. La gestione dei profili colore, dei font, ecc... dovrebbe essere superiore. Perlomeno, a me sembra, però faccio quasi solo grafica per il web e non sono quasi per niente professionalmente esperto sulla stampa.

Considera poi che Photoshop e Illustrator sul Mac sono di casa. Io mi ci sono sempre trovato meglio che su PC.

Su Flash, no, onestamente lì il discorso è inverso, ma di nuovo, dipendesse da me non scambierei certo un PB con OSX per un Acer con Windows solo perché ci gira un po' meglio Flash.

Boh, insomma, vedi te, il PB è un ottimo portatile, mantiene parecchio il valore sull'usato, l'hanno appena ribassato di prezzo e puoi star certo che almeno fino all'estate non esce il G5.

Secondo me vale la pena di prenderselo adesso, poi però vedi te, come ho detto è una questione di inclinazioni.

Se davvero non ha mai provato un Mac, l'unico consiglio vero che ti posso dare è di farci un giro su e vedere come ti sembra. Meglio, se hai la possibilità, da qualche amico che te lo lascia provare per un po' piuttosto che in qualche negozio per pochi minuti.

Ciao

Link to comment
Share on other sites

<FONT COLOR="ff0000">uops... avevo lasciato il mio messaggio a metà e poi l'ho postato senza aver visto quello di Mickey.

Praticamente, ehm, volevo solo dire quello ha già detto lui :^)</FONT>

Si però l'hai scritto meglio... Posted Image

Mickey

Link to comment
Share on other sites

Unica cosa sulla quale mi sento all'altezza di esprimere un'opinione, anche se così facendo vado decisamente off topic: l'editing video.

Final Cut ha prestazioni pari a quelle dell'Avid, ma sta di fatto che il secondo è il più usato e oltretutto ha una grafica più intuitiva. Una volta che un software del genere si impone è difficile che si cambi direzione. Piuttosto ho notato che appena cinque anni fa poche sale montaggio si azzardavano ad utilizzare una piattaforma Windows per Avid (questioni di stabilità, si diceva), mentre adesso la cosa è frequente, quasi normale. Evidentemente Win ha fatto passi avanti. O Apple passi indietro?

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share