Sign in to follow this  
Guest

DearOldMac - vecchie discussioni

Recommended Posts

Risposta alla domanda "king size" di Cixxo.

Sì, anche stasera stessa.

Domani piazzerei un ordine per un powerbook biprocessore G4 (indispensabile per far girare MacOS, anche OSX se mai sarà sufficientemente messo a punto) + Athlon o simili (indispensabile per far girare altro software e accedere pacificamente a cd-rom monostandard e simili).

In un computer solo, il meglio di due standard.

Riprenderei a comperare prodotti nuovi Apple.

Share this post


Link to post
Share on other sites

(Doctorzup) > penso che sia un errore di battitura ma 800 non è esattamente la metà di 1000....

mi dispiace, ma qualunquismo è paragonare ppc e x86 i base ai MHz, la loro architettura è diversissima, e quindi offrono prestazioni diverse, il tutto stà a programmare per bene, ma di questo le uniche responsabili sono le sh, alle quali vi dovreste rivolgere se non vi sembra che facciano un buon lavoro. il ppc richiede una gran mole di dati da processare contemporaneamente, esegue i calcoli in virgola mobile più velocemente ecc, cioè il contrario degli x86....

per quel che riguarda il problema che ha avuto la motorola nella produzione dei g4, forse alla intel avrebbero risolto la cosa in un mese, ma loroo in un mese vendono quanto motorola in un anno. inoltre, specialmente per gli x86 l' aumento di frequenza non corrisponde ad un aumento proporzionale di velocità....

su os x ho ancora un paio di punti:

1) aqua > è in parte una questione di gusti, ma agli sviluppatori di luna ha fatto prendere un colpo....

2) quarz > fornire uno strato comune pdf a tutte le applicazioni, è una trovata che mi ha sempre entusiasmato, e che se ben sfruttata da programmi e utenti, sarà un bel passo avanti nel dtp

3) la parte audio di os x è semplicemente sensazionale. per un musicista si aprono possibilità che con os9 non erano tecnicamente possibili....

imac> nell' imac c' è: g4, hd, firewire, sch video ( buona) , sch audio, firewire, 2 canali (da 128 periferiche l' uno) usb, superdrive, monitor lcd, tastiera, mouse ottico, ethernet 10/100, software vario. che altro ci volete aggiungere? e per cosa lo volete usare? qualche gioco, internet, scrivere un paio di lettere (o un libro, lo spazio c' è) montare i filmini delle vacanze, stampare un paio di foto, ascltare un po' di musica e magari farsi il cd da auto (quello per pomiciare...) cioè digital hub!

se poi trovate i wintel più economici, più pratici e più veloci, potete comprarne quanti volete, ma non spammate qui!! (qualunquismo, tsè...)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Scusate se mi intrometto, ma non pensavo di scatenare con una serie di domande che volevano essere molto operative un dibattito cosi esteso. Mi fa comunque piacere vedere la reattivita'e l'animo con cui la comunita' discute su questi argomenti, con senso critico e con spirito di competizione (talvolta troppo acceso, a mio parere). Per quanto mi riguarda ho posseduto un Powerbook 160, un iMac, possiedo ora un Cubo e un iBook, unitamente a tutta una serie di altre macchine Unix e Win2K che uso per il mio lavoro. Effettivamente tornando in contatto con una macchina cosi vecchia (l'LC II) mi ha colpito la coerenza del system, ma OS X e' un'altra cosa. Negarne i valori fondanti, cosi come la validita' della applicazioni del digital hub, la intrinseca robustezza del nuovo kernel, che non e' paragonabile a qualsiasi system precedente, mi sembra pretestuoso. I progressi fatti con il passaggio da 9 a X non possono essere messi in discussione, poi ciascuno e' libero di continuare ad usare il System 6, se vuole (per inciso anch'io su Intel continuo ad usare WinNT).

Per Franco, se riesci a mandarmi il system che hai sui floppies mi farebbe molto comodo, alla mail [email protected] , non e' che per caso hai anche le applicazioni che lo corredavano (o che comunque ci girano sopra?)

Grazie in anticipo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

cixxo>

<FONT COLOR="ff0000">RIPONDETE?</FONT>

Ripondo, ripondo....Posted Image

Scherzi a parte: sinceramente non lo so, cixxo.

Una volta qualcuno qui aveva spiegato la differenza fra tecnologia CISC e tecnologia RISC, e mi era parso di capire (non so praticamente nulla di hardware e di semiconduttori...non e' il mio campo) che i RISC (i nostri, no?) sono superiori. Passare ad Athlon o -- peggio ancora -- a Intel solo per risolvere una questione di carenza di GHz, mi pare che finirebbe per snaturare la piattaforma. Ma, ripeto, non ho sufficienti elementi per giudicare...

Qualcuno, sempre qui, aveva fatto l'elogio degli SPARC della Sun, che sono anch'essi RISC se non erro.

Ecco, torno a ribadire la mia sega mentale dell'altro giorno: se il problema e' Motorola che non e' piu' in grado di fornire microprocessori con sufficiente dotazione di GHz, perche' Apple non prova a rivolgersi a Sun Microsystems, pensando anche magari in prospettiva ad una joint-venture duratura o addirittura ad un merging? Con quel po' di massa "di mercato" in piu' che ne trarrebbero, entrambe reggerebbero meglio la concorrenza e forse ne potrebbe derivare qualche razionalizzazione di processo o qualche ulteriore innovazione di prodotto. Mi pare che cosi' la piattaforma si snaturerebbe di meno....

Ma questo e' comunque il parere di un dilettante non molto informato.... Posted Image

Franco>

si', in parte hai ragione. E poi tu rientri proprio in una di quelle classi di utenti del cui parere probabilmente Apple dovrebbe tenere maggior conto. Tu, non certo io.

E infatti, non credere che non la veda, la situazione.... e non credere che mi sfugga la correttezza delle tue argomentazioni....

Soprattutto, non pensare che io non tenga in considerazione il rischio che Apple questa volta l'abbia fatta fuori dal vaso e vada davvero a rovinarsi....

Tuttavia, l'ultimo passo che ha fatto -- a differenza di XP per Micro$prot -- mi pare (lo dico da esterno, come un profano che X l'ha visto tre volte girare su macchine in negozi) davvero un tentativo di innovare, di mettere semi per il futuro. Sicche' mi dico: stiamo a vedere....

Sono comunque abbastanza ottimista.... ;)

Vabbeh....il grande assenteora direbbe che questo e' un tipico intervento alla Angelone....

Come avrete capito, mi trovo in una delle mie "fasi logorroiche".... Posted Image

Share this post


Link to post
Share on other sites

Marco>

<FONT COLOR="ff0000">Per quanto mi riguarda ho posseduto un Powerbook 160, un iMac, possiedo ora un Cubo e un iBook, unitamente a tutta una serie di altre macchine Unix e Win2K che uso per il mio lavoro.</FONT>

Oohh!!!...appunto.

Ossia, se posso interpretare e tradurre in una metafora: si puo' far trainare una roulotte ad una BMW Z8? Non credo. Chi ha la Z8, e pure la roulotte, delle due l'una: o si accatta pure una bella Volvo vintage di quelle di una volta, che trainavano anche intere economie nazionali fuori da periodi di recessione ("ma dove caz... le trova queste?"); oppure rinuncia alla roulotte.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sephiroth> No, intendevo dire che già mille euro non glieli davo Posted Image

punti: 1. non mi pronuncio

2. appunto, se ben sfruttata. Vedremo

3. mi fa piacere, ma chi non fa il musicista che fa? fischia?

Sulla piattaforma mac non esiste un software di dettatura vocale in lingua italiana, finora usavo viavoice tramite vpc, ma tramite osx la cosa si rallenta tanto da essere improponibile.

Tutte le banche dati giuridiche, giuffré, cedam, eccetera non girano sotto mac, e manco gli passa 'pa capa di fare un porting; non parliamo di MedLine, il cui software Mac non viene aggiornato da oltre tre anni. Idem con patate per dizionari come il DeMauro, i Garzanti, i DeAgostini, e anche il CastiglioniMariotti se vi piace il latino.

Il principale software per la ricostruzione calcolata di incidenti stradali (PC-Crash) gira solo sotto windows, e non ne è previsto il porting né per mac né per unix.

Apple sbaglia a sottovalutare il problema della compatibility; è lì il grosso del problema, non nel clock dei processori di cui ti accorgi sì e no. Può essere più produttivo cambiare poltroncina e lampada da tavolo che cambiare computer, ma sul computer deve girare, e bene, tutto ciò che il mondo software ti offre per lavorare.

Hai fatto un buon ritratto dell'iMac lcd: un giocattolo costoso. L'anno prossimo ne prenderò uno di seconda mano a meno di metà prezzo.

Qui nessuno spamma, stiamo scambiando idee per valutare quale sia la soluzione meno dolorosa per un utilizzo professionale del mac, quale alcuni siamo sempre stati abituati a fare, e recentemente con difficoltà sempre maggiori.

Marco> Più tardi ti mando il system 6, che ho su due floppy da 1.4, copiato da un cd dell'assistenza Apple. Software dell'epoca ne ho, ma starei di meno a mandartelo in una scatoletta che a copiarlo.

Andrea> Appartengo alla categoria di chi bada poco a quello che c'è sotto il cofano, ma bada di più al risultato finale. Spero proprio di cambiare idea su OSX nelle prossime release, ma se seguite anche forum statunitensi sapete che esistono bugs impegnativi che riemergono nelle release successive come un fiume carsico. L'impressione del sottoscritto, che è lungi dall'essere un tecnico informatico ma nemmeno è un passive consumer, è quella di un tessuto molto, molto rappezzato, dal comportamento tuttora soggetto a sorprese e a cui non sogno nemmeno di affidare la mia operatività professionale.

Al di là della lentezza, che in sé può essere accettabile in cambio d'altro, ma se è dovuta a ricercatezze grafiche è nient'altro che una solenne presa in giro.

Fine del coffibrecco, buona serata.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

In teoria (e spesso anche nella pratica) processori basati su tecnologia RISC sono a parità di Mhz molto più performanti (se ben gestiti naturalmente) dei "rivali" CISC.

Mai il problema è che ormai da parecchio tempo la differenza in termini di Mhz è così sproporzionata che dire si il mac a parità di Mhz è il doppio veloce non ha più senso.

Per rispondere a Cixxo anch'io sottoscriverei in pieno una virtuale petizione per convincere Apple ad usare processori diversi dal PPC. Forse più che guardare ad Intel/AMD guarderei agli Sparc utilizzati dai SUN, che se non sbaglio sono prodotti dalla Texas. Però se Apple vuole puntare decisamente sul sistema a base UNIX, la deve far finita con le macchinette tipo il nuovo iMac, deve abbracciare pienamente anche il multiprocessing, dare 4 processori sulle macchine pro e 2 su quelle "entry". Mi dispiace ma OS X non gira bene su quasi nessun mac oggi in circolazione (se escludiamo il dual G4 1000Mhz). Questa tesi ricordo la propose Hany un pò di tempo fa, ed al tempo ricordo anche di non esser stato d'accordo. Però ormai il balzo è fatto e se proprio non si può fare a meno di OS X, si prendano scelte opportune in maniera tale da rendere una buona scelta il nuovo OS!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

motivi per cui apple non passa a Intel,AMD(CISC ma con core RISC) ma neanche a SPARC o POWER3 di IBM:

-perche' riscrivere tutto il sistema da zero per un'altro processore sarebbe da incubo e richiederebbe altri due anni, come minimo.

-perche' passando a IA32 (o64, supponendo adotti le Itanium) porterebbe il Mac ad essere facilmente 'portabile' sui PC assemblati. basterebbe emulare il sottosistema mentre la parte piu' pesante, il processo e le schede video che ormai son la stessa dei PC, non avrebbe bisogno di emulazione. risultato, Apple perderebbe quote di mercato, cosi' come accadde con i cloni, e chiuderebbe, visto che CAMPA DALL"HARDWARE.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Riscrivere il sistema operativo, vediamo un pò.... ma Darwin, la base di OS X già esiste per Intel o sbaglio? Allora le tecnologie chiave....ma anche quick time esiste su Intel, così come anche il PDF! A parte gli scherzi ci sarebbe si un gran lavoro, ma forse molto meno di quanto si possa pensare.

Per rendere poi il Mac non emulabile, negli anni scorsi in fondo il motivo principale per cui il mac non era emulabile erano le famose ROM, non si potrebbe ricorrere ad un espediente del genere?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

darwin e' poco piu' del kernel... se i darwinisti continuano ad implorare la Apple di portare il resto di X su intel, mi sa che non e' cosi' semplice, non credi? altrimenti, sarebbe gia' sorto un progetto open source a proposito... ma i paladini della GPL hanno gia' il loro giocattolo...

rigurdo le ROM, le potresti prendere dal tuo vecchio computer, e a quel punto installarle su un chip adatto nella tua nuova scheda madre... senza contare che lapirateria esiste, e chi si procura una chiave d'attivazione pirata di XP non credo si farebbe tanti problemi a copiare le ROM... in ogni caso, sarebbero computer venduti in meno per Apple. i motivi per cui il Mac non e' emulabile stanno anche nella differente architettura. decomporre le istruzioni CISC in RISC e' possibile , mentre l'inverso non e' cosi' semplice. e anche riuscendoci, staresti sprecando una gran parte di risorse(tutti quelle operazioni fondamentali CISC che non corrispondono a nessuna serie di istruzioni RISC. con in piu' il fatto che emulare un registro a 8 bit con uno a 64 e' possibile, l'inverso e' un incubo...

insomma, il motivo per cui gli emulatori di mac non esistono e' perche' le prestazioni son sadenti, ma leva la parte difficile (il processore differente) e ne vedrai fioccare...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Sicuramente è facilissimo copiare le rom, però non credo sia altrettanto semplice venderle legalmente. Quindi non so quanto grande sarebbe il danno provocato ad Apple da parte di mac clonati.

Non direi comunque che Darwin rappresenta poco più di un kernel. Ci ho lavorato un pò su, ed è possibile renderlo un sistema operativo "completo". In fondo non è ne più ne meno di tutto quello che puoi fare tramite terminale di OS X.

Il problema, come giustamente dici tu è che i paladini della GNU hanno già il loro giocattolino, e se non hanno interesse in Darwin figurati quanto possono averne in OS X!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cixxo: Dalle tue parole devo concludere che Apple fallirà per colpa di OS?

La mia opinione in merito alle sorti economiche di Apple già la conosci: se fallirà sarà a causa della natura dell'informatica, che premia che è in vantaggio, a scapito di chi insegue, aumentando i divari.

Se oltre a questo scenario "scientifico" poi Microsoft ha pure abusato di posizione dominante lo dirà il giudice, che oggi conta più di 10000 programmatori con le contro palle.

Apple è, da un punto di vista informatico, una nullità assoluta, poco più che una curiosità per reduci.

I 25 milioni di Mac in giro (un peto di colibrì dentro la galleria del vento) saranno posseduti sì e no da 10 milioni di persone, perchè il Mac è anche oggetto di collezione, e si accumula nelle case dei suoi collezionisti.

Facci caso: qui ognuno ha 2 o 3 Mac.

Nessuno più dice (in Italia, almeno): ha bisogno di un Mac per lavorare. Perchè tutto quello che fa il Mac lo fa anche un PC, generalmente meglio e a costo inferiore. Certo, il PC fa 100000 cose, per cui non è detto che l'amico tuo che smanetta sappia come si masterizza il DVD o si installa il driver. Mentre le 3 cose che fa un Mac sono note a tutti, ma ciò nonostante Apple riesce ormai sempre più spesso a farle funzionare male.

E allora siamo tutti rincoglioniti?

No. Bisogna prendere atto che ormai ci stiamo riducendo ad un manipolo di gente che segue queste strade

1) Ama il design, e non trova un equivalente di Apple nel mondo PC

2) E' un taleban del MacOs, per cui qualunque cosa è meglio della fede altrui

3) Non sopporta Microsoft al punto di far di tutto per non comprare i loro prodotti

4) Vuole un elettrodomestico e non un computer

5) E' pieno di pilla al punto da sbattersene (questi hanno anche N PC, ovviamente)

Si tratta tutte di posizioni di natura abbastanza ideologica, atte a spaventare i Camillo ed i Franco, che invece sono più propensi ad un atteggiamento "laico" verso il computer e sono più benevoli verso Microsoft.

Quanto all'OS, Apple doveva e poteva cambiare OS molto prima: gli spruzzi di palta di cane calda che hanno obnubilato il cervello ai manager (con le tasche piene di formaggio, ovviamente, perchè acca nisciuno è fesso) sono inziati nel 95. Che MacOs tradizionale interessasse ai programmatori come a Miss Italia possa interessare l'alito fetente di Ferrara è limpido come il piscio di un angelo. Lì ciurlarono nel manico mostruosamente, chi facendosi la villetta, chi una pippa sul desktop.

Oggi meno male che sono andati su Unix. L'alternativa era proprio succhiare la forfora di Ziobill. Almeno su Unix la morte ritarda.

E, come diceva Bettino Craxi, primum vivere.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this