Sign in to follow this  
Mario

Mi serve mettere sotto pw il Mac all'avvio

Recommended Posts

Ma perchè deve intervenire il salvaschermo? Quando il boot è terminato ci si troverà davanti alla login window.

Oddio non ci capisco più niente... ma se si crea uno script da inserire negli startupitems, quelli mica si disabilitano tenendo premuto shift all'avvio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giusto, è vero. Però rimane lo stesso il problema dei 3 minuti dopo il boot, tempo che ci mette ad intervenire il Salva schermo. Comunque credo che sia possibile abbassare questo valore, sarà pur salvato da qualche parte! :)

buona idea. Ora chiedo in giro ...

M

Share this post


Link to post
Share on other sites

credo che la soluzione per la pwd all'avvio sia quella dell'open firmware, come del resto, per fare un parallelo, nel mondo server PC queste password sono gestite a livello di BIOS.

Personalmente non metterei mai in piedi un servizio essenziale su un server senza che appunto parta come servizio, senza richiedere un login utente.

Un login automatico, per quanto seguito immediatamente dal blocco screensaver, espone sempre a più rischi rispetto a un servizio o un demone.

Credo che un'applicazione server ben scritta debba partire anche senza login utente.

Almeno questa è l'esperienza fatta in anni di gestione di servers Win 2000 e Firstclass.

Share this post


Link to post
Share on other sites

A proposito sull'argomento (da http://www.accomazzi.it/TarticoliI1226.html):

Più inquietanti e molto meno noti sono i problemi di OS X che riguardano le sue prestazioni. Chi passa da OS 9 a OS X nota immediatamente che il nuovo sistema operativo è molto più efficace e scattante quando deve lavorare con i file sul disco. Meno evidente ma perfettamente misurabile è la perdita di prestazioni nel sistema di rete. Per rendere OS X compatibile con le macchine multiprocessore, Apple ha inserito nel nucleo del sistema operativo due “kernel funnelâ€: uno sul sistema di rete e uno sul resto del nucleo. Il funnel è un collo di bottiglia che obbliga i programmi a “mettersi in fila indiana†quando chiedono qualcosa al sistema. Nell’uso normale il funnel non si nota, ma per alcuni utilizzi comporta una notevole perdita di prestazioni. Per esempio, una macchina attiva su Internet deve tradurre ogni nome (come www.apple.com) in un numero IP (come 17.254.0.91) prima di accedervi; in alcuni casi si dimostra molto efficiente la scelta di cercare di risolvere molti nomi in parallelo anziché scandire sequenzialmente la lista. Un XServe, per esempio e di conseguenza, è inefficente come sistema di posta elettronica ad alte prestazioni: quando deve spedire diecimila e-mail si dimostra francamente lento. Glen Anderson, il papà di Eudora, documenta il problema nelle note tecniche del suo programma. Il suo apprezzato programma Eudora Internet Mail Server a tutt’oggi non è ancora disponibile in versione definitiva per OS X perché Anderson ha deciso di riscrivere di sana pianta una gran parte del codice di rete di OS X per aggirare il problema. Analogamente, cercare di impiantare un sito web molto frequentato su una macchina OS X è sconsigliabile se, come spesso accade, vogliamo tenere traccia di tutti i visitatori deducendo (a fini statistici) dalle loro richieste la nazione e il provider da cui arrivano.

Prova al cronometro

Gli specialisti che hanno deciso di mettere alla prova -- cronometro alla mano -- un sistema Mac OS X Server si sono spesso scontrati con risultati deludenti. Normalmente si tratta di esperti Unix che ignorano la questione funnel e pertanto non si capacitano dei risultati, com’è accaduto a Moshe Bar, giornalista di Byte, che ha documentato la superiorità di una installazione Linux su OS X, pur usando lo stesso hardware Macintosh (vedere “Per saperne di piùâ€). Non a caso Steve Jobs, che ama mettere a confronto i Mac e i PC durante le sue presentazioni, si è sempre concentrato sulle prestazioni dei filtri e delle azioni Photoshop: solo quando lo vedremo vantarsi delle prestazioni in rete ci convinceremo che Apple ha messo casa in ordine...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Personalmente uso xserve con accoppiata cyrus&postfix da tre anni, ho una 50 di utenti che si collegano al server esclusivamente via imap (quindi niente posta in locale ma tutto sul server), archivio di posta sta raggiungendo 10 GB, alcuni utenti hanno in INBOX un paio di migliaia di messaggi, ma nessuno si era mai lamentato della lentezza del server.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per la posta (quasi tutta POP) anche il mio vecchio Mac blu con os9 andava bene. Il sito web pero' era lento specialmente quando leggeva il catalogo filemaker via un CGI. Ora con il nuovo mac e Filemaker server la risposta web e' quasi istantanea e ovviamente la posta non da' problemi (anch'io ho una cinquantina di utenti, una mailing list)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this