Sign in to follow this  
felix7

OpenOffice 3.0 nativo per Mac [Finalmente]

Recommended Posts

Come riportato in uno dei miei post precedenti, in openoffice 3 ho degli errori di visualizzazione delle formule presenti nei file .doc. Queste presentano dei caratteri strani quando vengono visualizzati nel file di testo, ma una volta aperte (cliccando due volte) sono mostrate correttamente e sono anche modificabili.

Qualcuno verifica lo stesso problema? può essere aggirato impostando qualcosa nelle preferenze? Per inciso, il problema di visualizzazione si propone sia che sia attivata la funzione di importazione delle formule in Math o meno. L'unica differenza è ovviamente nell'editabilità una volta aperte.

Share this post


Link to post
Share on other sites

felix, se non sbaglio è il .docx - usato da Office 2007 per Windows e Office 2008 per Mac - a essere diventato standard ISO, quindi "pubblico", il .doc è tuttora un formato proprietario.

Comunque non si può giudicare un programma da come interpreta i file non suoi... Se una persona scambia spesso e volentieri file con utenti di MS Office, allora si compri anche lui Office e viva tranquillo. Per tutti gli altri, Openoffice è un ottima suite di programmi per la produttività, sia personale che da ufficio, così come lo è iWork, sul quale sono d'accordo con iJeeg: è il migliore, quantomeno per un utilizzo "casalingo" e SOHO!

basterebbe un bel RTF! ;):D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Felix, quanto hai ragione... rtf permette un sacco di formattazioni (quantomeno tutte le più importanti per chi vuole solo scrivere "in bella forma") ed è compatibile praticamente con tutti i programmi di videoscrittura.

Peccato che un paio di volte che ho mandato a qualcuno un documento in rtf, mi ha risposto chiedendomi se potevo rimandarglielo in doc perché lui usava word e non sapeva che programma servisse per aprire i file con quella strana estensione. Ovviamente non aveva nemmeno provato a fare un semplice doppio click sull'allegato! :(

Share this post


Link to post
Share on other sites

Felix, quanto hai ragione... rtf permette un sacco di formattazioni (quantomeno tutte le più importanti per chi vuole solo scrivere "in bella forma") ed è compatibile praticamente con tutti i programmi di videoscrittura.

Peccato che un paio di volte che ho mandato a qualcuno un documento in rtf, mi ha risposto chiedendomi se potevo rimandarglielo in doc perché lui usava word e non sapeva che programma servisse per aprire i file con quella strana estensione. Ovviamente non aveva nemmeno provato a fare un semplice doppio click sull'allegato! :(

This is pure and real ignorance! :D

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest MacOsK

Per me Pages e iWork sono sempre i migliori, ma se ci fosse il bisogno(fino ad adesso mai avuto) punterei sicuramente su NeoO o Oo, MAI su Word e Office.

Perchè scusa? Sei allergico ad Office? Io la trovo un'ottima suite, e se hai bisogno di esportabilità al 100% oggi è ancora una scelta obbligata. PDF a parte, le suite concorrenti non sono ancora in grado di sostiuire office.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Perchè scusa? Sei allergico ad Office? Io la trovo un'ottima suite, e se hai bisogno di esportabilità al 100% oggi è ancora una scelta obbligata. PDF a parte, le suite concorrenti non sono ancora in grado di sostiuire office.

Forse nell'ottica “suite†e se si da rilevanza ad Exell, ma come WP, grafica e Presentazioni iWork lo surclassa … e non solo per stabilità. L'esportabilità al 100% implica l'abituarsi ad escludere le funzioni che creano conflitti e stimolano la ricerca di soluzioni alternative. I soldi a Microsof mi scocciano e basta, ma è ovviamente personale.

Intervengo sul thread di OO, scusandomi per l'esordio OT, perché vorrei schiedere se qualcuno sa come lanciare il sorteggio dei numeri casuali sul foglio di calcolo che ora mi riesce di fare solo cancellando le caselle interessate e poi tornando indietro con z. Ma se queste sono parecchie e sparse non riesco a farlo contemporaneamente e devo reimpostare tutta la tabelle per averle raggruppate in una porzione facilmente selezionabile. L'alternativa è cancellare tutto il documento e quindi tornare indietro … sempre col panico di perdere qualcosa del contenuto delle altre caselle.

In Exell è più facile (ma vedi sopra) ed in Numbers c'è il problema che ricalcola spessissimo e +o-quando vuole lui.

Grazie.

Share this post


Link to post
Share on other sites

buonasera,

vorrei non aver sbagliato

il luogo per inserire la mia faq:-)

vengo al problema: ho installato la versione ultima 3.0

di openoffice,

tutto regolare nell'installazione, ma,

non mi apre i pps e non stampa,

mi da "errore di scrittura".

dato che anche "bean" piccolo applicativo di editor testi,

mi da qualche problema del genere in caso di stampa..

sapete dirmi se ho qualche settaggio malmesso sul mio iMAC

e come posso venir fuori da questo problema?

molte grazie:-)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Perchè scusa? Sei allergico ad Office? Io la trovo un'ottima suite, e se hai bisogno di esportabilità al 100% oggi è ancora una scelta obbligata. PDF a parte, le suite concorrenti non sono ancora in grado di sostiuire office.

Beh sì sono molto allergico ad Office: troppi problemi, crash, pesantezza, ecc.

come praticamente TUTTI i software microzzoz e questo non è un luogo comune, ma solo frutto di anni di esperienza d'uso.

Per quanto riguarda il 100% di compatibilità, purtroppo hai ragione, ma solo per il fatto che microfrost usa formati proprietari (vedi .doc, .xls, ecc.) e che purtroppo sono usati dalla magior parte della gente, quindi non è colpa dei software concorrenti ma di microzzoz che non usa i formati standard.

Tutto ciò è frutto di una stregia ben precisa che punta al monopolio nell'informatica.

Io penso che non sia corretto da parte degli utenti Mac usare Office, non lo dico per Mac-Talebanesimo, ma perchè credo che per continuare ad avere una "democrazia informatica" e quindi continuare ad avere dei formati standard non proprietari bisogna usare quei software che li usano veramente come NeoOffice, OpenOffice (e Pages).

Stessa cosa avviene nella creazione delle pagine web fatte per WinExplorer, ma per fortuna grazie soprattutto al successo Firefox (ma anche di Safari) la situazione è migliore.

Meditate gente meditate............queste parole

... se hai bisogno di esportabilità al 100% oggi è ancora una scelta obbligata...

descrivono perfettamente la mia preoccupazione

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest MacOsK

Per quanto riguarda il 100% di compatibilità, purtroppo hai ragione, ma solo per il fatto che microfrost usa formati proprietari (vedi .doc, .xls, ecc.) e che purtroppo sono usati dalla magior parte della gente, quindi non è colpa dei software concorrenti ma di microzzoz che non usa i formati standard.

Eh bhè questo lo si sapeva, non ho detto che è colpa degli altri software, ma se hai bisogno di lavorare non puoi metterti a fare proseliti sull'open source. :D

L'esportabilità al 100% implica l'abituarsi ad escludere le funzioni che creano conflitti e stimolano la ricerca di soluzioni alternative.

Certo, ma l'escudere funzioni implica il rinunciare a qualcosa inevitabilmente. Se poi l'autore del documento non sei tu, ma un tuo collega, che te lo manda per elaborarne i contenuti se ti metti a rifare anche tutta la menata delle funzioni al tuo datore costi il doppio e rendi la metà.

Lasciamo stare iWork please, non siamo nemmeno nella stessa galassia. Numbers è ridicolo, serve giusto per fare i conti della spesa, diverso il discorso per Pages ma di WP ottimi open source e gratis è pieno il Web. L' "alternativa" naturale a MS office è Open Office.... il resto è fuffa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

MacOsK, non credi di essere un po' troppo drastico, quando dici "il resto è fuffa"? Io credo invece che ci siano tantissime valide alternative a Office, soprattutto per quanto riguarda il word processor, ma non solo. Con iWork mi trovo molto bene e Numbers è meglio di ciò che credi, ovviamente a condizione di non cercare di fare le cose come si fanno in Excel. Quanto a Keynote, è decisamente meglio di Powerpoint e almeno altrettanto professionale. E per l'elaborazione testi, beh, Pages, Nisus Writer, Mariner Write, Mellel sono solo le prime applicazioni che mi vengono in mente che possono essere paragonate a Office sia per la redazione testi "di base" che per le funzioni più avanzate. L'unico indiscutibile vantaggio di Office su tutto il resto è... la compatibilità con Office, "funzione" per la quale non esiste nessuna vera alternativa, nemmeno Openoffice.org.

Ciò detto, ritengo comunque che Office sia un'ottima suite da ufficio, tant'è vero che l'ho acquistata e che la utilizzo quotidianamente. Insomma, diciamolo, se devo scrivere un testo, creare un foglio di lavoro o preparare una presentazione, mi viene istintivo lanciare Word, Excel o Powerpoint, pur avendo installato anche iWork e Openoffice. E questo non solo perché so che in questo modo chiunque potrà, se necessario, accedere al mio lavoro, ma anche per una semplice questione di abitudine, cosa che non credo vada sottovalutata. Office esiste praticamente da quando esiste l'informatica e il suo "modus operandi", modificatosi pochissimo durante gli anni, è così radicato in qualsiasi utente di computer che alla fine risulta il più immediato. Insomma, con iWork o Openoffice - che comunque mi piacciono molto - spesso mi trovo a cercare di capire come devo fare una certa cosa, con Office la faccio e basta, perché so sempre come muovermi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

…Certo, ma l'escudere funzioni implica il rinunciare a qualcosa inevitabilmente. Se poi l'autore del documento non sei tu, ma un tuo collega, che te lo manda per elaborarne i contenuti se ti metti a rifare anche tutta la menata delle funzioni al tuo datore costi il doppio e rendi la metà.

Lasciamo stare iWork please, non siamo nemmeno nella stessa galassia. Numbers è ridicolo, serve giusto per fare i conti della spesa, diverso il discorso per Pages ma di WP ottimi open source e gratis è pieno il Web. L' "alternativa" naturale a MS office è Open Office.... il resto è fuffa.

Non sono d'accordo, un programma si usa se gli si è dedicato il tempo minimo per inquadrarne l'uso ed il metodo per avere risposte ai quesiti (?) altrimenti si è dei praticoni!

Sembra che tu sappia poco o niente di iWork: Keynote è semplicemente “molto†meglio, Pages non ha differenze sostanziali tranne la “maggior facilità d'uso†e “più stabilità†(molta!) e definirlo semplicemente un WP e oltremodo inappropriato, Numbers è “diversoâ€, ed in questo caso il tempo per impratichirsene è decisamente essenziale.

L'unico indiscutibile vantaggio di Office su tutto il resto è... la compatibilità con Office, "funzione" per la quale non esiste nessuna vera alternativa, nemmeno Openoffice.org.

…

Office esiste praticamente da quando esiste l'informatica e il suo "modus operandi", modificatosi pochissimo durante gli anni, è così radicato in qualsiasi utente di computer che alla fine risulta il più immediato. Insomma, con iWork o Openoffice - che comunque mi piacciono molto - spesso mi trovo a cercare di capire come devo fare una certa cosa, con Office la faccio e basta, perché so sempre come muovermi.

In sostanza l'unico vero “pregio†di Office è che da assuefazione.

Preferisco la fatica gratificante di “To be differentâ€.

Scordavo …

… nessuno sa niente del lancio dei numeri casuali in Calc?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this