Ho punito Steve


vittorit2
 Share

Recommended Posts

Nel decennio "maledetto" Apple non aveva più una guida che sapesse dargli una strategia per affrontare la concorrenza e il futuro.

Hanno vissuto di rendita, e parecchio, sul Macintosh fino a quando, con l'aborto Copland, si sono resi conto che erano in brache di tela!!

Anche l'immagine era stata compromessa da un "board" che bruciò miliardi di Dollari per produrre di tutto ( l'importante era appunto vendere qualcosa col marchio della mela )... dalle macchinette fotografiche digitali al Newton, dalle stampanti alle consolle da gioco ( altro aborto )... senza rendersi conto che Apple aveva bisogno di un degno erede del Macontosh.

Steeve Jobs ha diversi difetti, parecchie volte è istrionico, ma ha il grande merito di aver ridato una "visione" ad Apple e di rifondarsi!!

Ha capito e ribadito, come nel 1984, che essere "l'alternativa" era appunto la carta vincente.... recuperando il nocciolo della filosofia Apple del 1984. Un prodotto differente come filosofia, uso e anche bello da vedere: iMac!!

Nonostante tutte le vicissitudini passate dalla presentazione del primo iMac ad oggi, credo che Apple non abbia ancora tradito quello spirito!

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 155
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

… perché si dovrebbe mettere una HDMI (IN)?

Tutti gli standard più noti e diffusi lo sono diventati dopo essere stati concepiti ed applicati, non prima. DisplayPort ha una genesi antitetica e, in soldoni, in contrapposizione all'UDI (Unified Display Interface) della Intell.

Perché mettere un ingresso audio/video della potenza e velocità dell'HDMI? Per “Pensarla Diversamente†da USB3; FireWire 3200; PCExpress, eSata ecc. andando incontro ad esigenze e “parco acquisti†degli utilizzatori.

La scheda di cui hai messo il collegamento - che mi sembra un ottimo prodotto - costa 250 dollari …

Quello è un prodotto di nicchia e complesso che ha funzioni, sia OUT che IN, analogiche e digitali.

Privato degli aspetti analogoci e ridotto alla sola funzione IN (quella OUT è propria della scheda video) il dispositivo prodotto in migliaia di esemplari come porzione di una scheda logica non avrebbe un costo troppo differente da quello dei cip FW. Un costo comunque cui corrisponderebbero possibilità che appunto solo un “pensiero avanti†può al momento ipotizzare. A me ad esempio fornire la chance di acquisire “anche†flussi FHD non compressi sul portatile (magari piccolo ed al bisogno a tracolla) direttamente da una telecamera parrebbe un buon “servizio†per l'utenza audiovideo martoriata da acquisizioni e conversioni bibliche. Ma perché porre limiti alla fantasia? Chi sapeva dell'esistenza dell'USB quando usci l'iMac privo di floppy e di ogni possibilità d'espansione? Chi produceva periferiche con quella porta? Al contrario oggi l'HDMI è già universalmente presente in tutto ciò che può collegarsi ad un computer ed ha a che fare col multimedia.

Io collegato al Mac mini ho un box Miglia per l'acquisizione da TV e videoregistratore …

Appunto, hai una periferica che soffre delle limitazioni della connessione lenta. Io ho un decoder FastWeb con uscita HDMI che sono costretto a indirizzare ad un EyeTV e quindi ad una USB per avere un risultato degradato quando voglio registrare una trasmissione digitale (doppia conversione D/A ed A/D ed eventuale UP o DOWN scaling). Se ci fosse stata un HDMI-IN nei miei Mac anche gli Europei li avrei visti via Computer invece che dovendo andare direttamente sul Videoproiettore e perdendo la chance di registrarmi in HD quel che mi pareva.

Non si tratta di competere o non competere con il video via rete, le due cose cono perfettamente complementari, lo dimostra il fatto che Apple fa parte del consorzio che ha finanziato e spinto il blu-ray.

Potrei riempire una pagina di link a discussioni in cui si sostiene il contrario in mezzo mondo. Ovviamente chi vivrà vedrà, come si suol dire.
Link to comment
Share on other sites

… Nonostante tutte le vicissitudini passate dalla presentazione del primo iMac ad oggi, credo che Apple non abbia ancora tradito quello spirito!

Diciamo che con delle sane critiche costruttive in tanti ci si propone di aiutare Apple a reggere alle lusinghe, ed ai rischi, di un mercato più ampio e meno fidelizzato.

Link to comment
Share on other sites

Sem, non per insistere, ma allora ogni utente potrebbe "richiedere" la connessione che gli fa più comodo... Per te è HDMI, per qualcun altro sarà USB3, per altri ancora Firewire o eSata o chissà che altro... Sono notebook, devono avere la connessioni essenziali, per il resto si usano dei desktop (magari Pro) con le necessarie schede aggiuntive... Malgrado ciò che dici, io sono convinto che la connessione HDMI-IN sarebbe vapprezzata solo da una piccola nicchia di utenti... mentre il prezzo in più (salato o meno, non sta a noi deciderlo) lo pagherebbero tutti gli utenti.

Almeno, io la vedo così.

Link to comment
Share on other sites

Guass, c'è chi ti mette HDMI (non -IN ma c'è), porta VGA, un paio di USB in più, una firewire (mini ma c'è), un lettore di schede SD, la ethernet (air docet), a prezzo inferiore ed in taluni casi con spessori e pesi identici...

casso persino un eeepc ha più connessioni di un macbook fra poco...

Link to comment
Share on other sites

PowerRoss, mi sembri quelli che si lamentavano perché l'iPod non ha la radio, il contapassi e altre millemila cavolate inutili... La parola d'ordine di Apple è sempre stata "minimalismo" e vivaddio continua a esserlo. Posso capire le lamentele per la firewire sparita dal Macbook (tanto più che fw è una tecnologia praticamente inventata da Apple), ma se ti servono più porte usb attacchi un hub (4 euro in qualsiasi centro commerciale), di porta video ne basta una sola (e DisplayPort pare lo standard emergente) poi ci sono gli adattatori. Quanto ai lettori di schede sd integrati, sono antiestetici e piuttosto inutili, visto che qualsiasi dispositivo ha un cavo usb per collegarlo al computer (ed esistono lettori multischede esterni da pochi euro). Ah, per la ethernet, non esistono portatili sottili come l'air che ce l'abbiano (anzi, non esistono proprio portatili sottili come l'air) e tutti gli altri Mac sono provvisti di una gigabit (mentre molti pc hanno ancora schede 10/100).

Insomma, è il solito vecchio discorso trito e ritrito: c'è chi preferisce il telecomando con 200 pulsanti - il 90% dei quali inutili per il 90% delle persone nel 90% dei casi - e chi invece apprezza quello Apple, con quattro pulsanti che ti permettono di fare tutto. Il mercato ci permette di scegliere quello che è meglio per ognuno di noi... Apple oggi non è più di nicchia, ma pur essendo per molti, ancora non è - per fortuna - per tutti. Io apprezzo Apple proprio per la filosofia che sta dietro alla creazione dei suoi computer (e delle sue "periferiche"), ma non è obbligatorio che tutti la debbano apprezzare.

Link to comment
Share on other sites

(...) è inutile e noioso che tu (inteso in senso generico) vada su un forum a frignare perché la Apple ti ha tolto questo o non ti ha dato quest'altro (...)

Questa è solo la TUA opinione... dopodiché ognuno è libero di esporre le proprie idee o lagnanze sui prodotti. Se a te dà fastidio leggere questi post sei libero di non leggerli.

ciao

Link to comment
Share on other sites

Mah io ho sempre sentito lamentele sulle scelte di Apple.

Sempre. Almeno da 5 anni.

sono sempre stato un estimatore dei prodotti apple.

Ma il MBP a specchio mi ha deluso fino al punto di comprare il vecchio modello.

E questo mi conferma di aver fatto bene:

La luna di miele tra Apple e il suo pubblico sembra definitivamente finita. All'aumentare della popolarità dei suoi prodotti, crescono anche le aspettative dei clienti in materia di libertà di utilizzo di quanto acquistano: una faccenda che sembra infastidire l'ufficio legale di Cupertino e che scatena crociate anti-protezionistiche in Rete. Tutto questo proprio mentre si riaffaccia qualche problemino al comparto video dei laptop Apple.

...

Il comparto video, comunque, sembra proprio il nodo cruciale della nuova generazione dei MacBook. A nulla sembra essere servita l'apertura (per il momento ufficiosa) in materia di DRM musicale: al centro delle polemiche resta il discusso limite agli schermi utilizzabili collegati alla DisplayPort, tanto da spingere Free Software Foundation a piazzare i laptop di Cupertino al primo posto di una insolita classifica dei prodotti da boicottare durante gli acquisti natalizi.

Defective by design, così viene definito il nuovo MacBook: "Apple si è spinta oltre con il suo DRM con l'uscita dell'ultima revision dei suoi laptop" sostengono quelli di FSF, ponendo in primo piano il diritto dei consumatori di usufruire appieno dei propri beni. Una tematica simile a quella portata avanti dai frequentatori del sito Bluwiki, impegnati in un progetto denominato iPodhash: un tool sviluppato con l'obiettivo di consentire la sincronizzazione di un iPod con il database di iTunes senza passare necessariamente per l'applicazione sviluppata da Apple. Peccato che ora si trovino impegnati a controbattere a una diffida partita da Cupertino, e sorretta dal DMCA (Digital Millennium Copyright Act).

http://punto-informatico.it/2488924/PI/News/apple-itunes-quella-maretta-sui-macbook.aspx

Link to comment
Share on other sites

Questa è solo la TUA opinione... dopodiché ognuno è libero di esporre le proprie idee o lagnanze sui prodotti. Se a te dà fastidio leggere questi post sei libero di non leggerli.

ciao

Estrapolare completamente una frase dal suo contesto per commentarla, distorcendone il senso, non è ne furbo ne onesto... Ti prego di evitare di farlo, in futuro... almeno con quanto scrivo io!

La mia era solo una risposta a una frase di un altro utente in cui mi diceva che non dovevo "colpevolizzare" gli utenti, o qualcosa del genere, infatti avevo precisato "sulla falsariga di quanto scrivi tu" (cosa che ti sei ben guardato dal riportare)! Se io non ho il diritto di colpevolizzare gli utenti, allora un altro non ha il diritto di "colpevolizzare" Apple... Ovviamente, io ritengo che si abbia il diritto di colpevolizzare chi si vuole, visto che si parla di pareri personali, a condizione di rimanere nel limite della buona educazione e del rispetto altrui.

PS: Ma perché devo perdere 10 minuti di prima mattina per spiegare qualcosa che era evidente già tre pagine fa?

Edited by guass
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share