Il pantone, questo sconosciuto


Wildwind
 Share

Recommended Posts

E un'altra cosa che i giovani ignorano: l'ODORE dei Letraset!

Vi ricordate le zaffate che uscivano dai cassetti-raccoglitori dove erano impilati decine di fogli di trasferibili Letraset più o meno usati?

E le imprecazioni che volavano perchè mancavano sempre alcune lettere?

Tipicamente le A, le I, le M, perché erano catalogate sulla base dell'alfabeto inglese che contiene molte E, mentre noi latini usiamo di più le A?

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 75
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Usa(va)te il box o il cartone di protezione oppure free: fuori dalla finestra?

Un pò fuori dalla finestra e un po' nella scatole, che finivano per avere delle incrostazioni da grotta del presepio..la spray mount è qualche anno che non la utilizzo più..la usavo per fermare le varie parti di illustrazioni ad aerografo per farle poi fotografare (quando ancora l'aerografo si usava...)

E che dire di quel fantastico curvilinee dinamico

L'ho visto in azione ma non mi ha mai convinto perché mi tornava difficile fargli mantenere la posizione..

E le imprecazioni che volavano perchè mancavano sempre alcune lettere?

Riguardo i Letra credo che attaccarli correttamente ed integralmente necessitasse del possesso di un'oscura virtù che sospetto si acquisisse tramite percorsi iniziatici e sacrifici di piccoli animali.
Link to comment
Share on other sites

Usa(va)te il box o il cartone di protezione oppure free: fuori dalla finestra?

Da noi il capo aveva preso l'aspiratore, risultato: c'era più puzza che a fare fuori dalla finestra e si impasticciava di colla più dello scatolone.

L'ultimo e poi più: ho ancora in bella vista il tavolo luminoso in legno a mano da un vecchio prozio, con ancora l'interruttore a peretta

Link to comment
Share on other sites

Mi piace questo ricordare i nostri attrezzi, per un certo verso li rimpiango ...

visto che si e' citata la reprocamera, qualcuno ricorda il rosso indiano per spuntinare le pellicole al tratto che inevitabilmente presentavano qualche buchino/peletto.

Per i trasferibili eravamo arrivati ad acquistare l'attrezzatura per realizzare direttamente i loghi a colori necessari per abbigliare i vari Mock-up ... tutto in cantina

Link to comment
Share on other sites

… qualcuno ricorda il rosso indiano per spuntinare le pellicole al tratto che inevitabilmente presentavano qualche buchino/peletto.…

Eccome, quel tuo “qualche†era un'eufemismo nel sotterraneo in cui lavoravo … e chi ha trafficato in camera oscura ricorda il ferricianuro di potassio con cui si spennellavano le pellicole per equilibrare una dominante o sfumare dei particolari?

Link to comment
Share on other sites

Eccome, quel tuo “qualche†era un'eufemismo nel sotterraneo in cui lavoravo … e chi ha trafficato in camera oscura ricorda il ferricianuro di potassio con cui si spennellavano le pellicole per equilibrare una dominante o sfumare dei particolari?

E come non avere un piccolo pensiero solidale per chi aveva camera oscura e bagno assieme....;)

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

Visto che siamo in tema "PANTONI", vi dico una cosa è mai possibile che la trasformazione in quadricromia sia differente da software a software?

Freehand, illustrator ed ArtPro, 3 conversioni diversissime !!!

certo che è possibile, per quanto mi fidi poco delle conversioni automatiche direi che sarebbe meglio che ti basassi almeno sulle conversioni di Adobe ;)

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share