Sign in to follow this  
Jules Winnfield

Leopard (Mac OS X 10.5): Cosa si sa?

Recommended Posts

pare che l'abbia scritta gennaro, pari pari...

Oh, facciamo flic&floc... Quando oggi ho letto il primo paragrafo ho pensato la stessa cosa... :D

"Though the marketing terms later changed, back when Apple took over NeXT... (or the other way around depending on your perspective), the company utilized colored box naming conventions to describe the OS's various means of compatibility."

(il grassetto è mio)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Looking Glass è 'na cacata.

Mi ha detto mio cuggino che quella roba l'ha inventata Tom Cruise, se l'ha copiata Sun può copiarla anche Apple (e anche Microsoft).

Tra 3 anni saremo tutti figli di Tom Cruise.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Già, avevo letto anch'io che Tommy sta andando fuori di testa.

Comunque nella presentazione di Looking Glass mi sembra di vedere un qualcosa di familiare...

"Can you see it?"

Posted Image

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oh, facciamo flic&floc... Quando oggi ho letto il primo paragrafo ho pensato la stessa cosa... :D

"Though the marketing terms later changed, back when Apple took over NeXT... (or the other way around depending on your perspective), the company utilized colored box naming conventions to describe the OS's various means of compatibility."

(il grassetto è mio)

ma non solo: è tutta la tesi generale, e cioè che Apple sia per Jobs solo uno strumento per perseguire il suo ideale informatico universale, cioé quello che era Next, e che per farlo egli abbia scambiato il neonato nella culla, trasformando Macintosh in Next...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, ricordiamoci però che l'ideale informatico universale di Jobs era nato con il Mac... Quindi, in fondo, per il buon Steve, Next era una continuazione naturale del progetto iniziale del Macintosh, da cui secondo lui Apple si era allontanata, perciò è anche normale che quel progetto sia continuato con il ritorno di Jobs a capo della Apple. L'evoluzione "jobiana" (aaagh!) dell'informatica in questo senso potrebbe così essere Macintosh (1984) --> Next --> MacOS X. E, a ben guardare, in effetti non è difficile trovare una specie di percorso ideale che lega questi tre progetti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

per me invece è molto difficile trovare una linea comune...

posto che per dirla con gennaro Mac OS X è incontestabilmente figlio più di NeXT che del classico Mac (e credo che la "X" stia lì a dimostrare proprio questo, a dispetto dell'aspetto di facciata...) a me pare che la filosofia di base sia radicalmente diversa.

Jobs è passato dal Vecchio Testamento (Macintosh 1984) al Nuovo (X generation) con un drastico capovolgimento dell'impostazione di base.

la concezione del S.O. come toolkit, lo sganciamento dalla piattaforma hardware proprietaria e altri simili sono concetti che Apple sta cercando di imporre ad una clientela che fa molta fatica a digerirli, e sono concetti che non hanno mai fatto parte del DNA del Mac e che sono stati recuperati dalle ceneri delle esperienze extra Apple di Jobs.

una volta hanno fallito; forse sotto le insegne della mela questo programma visionario avrà più successo...

non possiamo che augurarcelo!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, eorl, ma questo concetto di "sganciamento dalla piattaforma hardware proprietaria" è una tua visione, io non ho affatto questa impressione. Apple vive sulla vendita di hardware e questo jobs lo sa bene... Così come sa bene che oggi una concorrenza con Microsoft su piattaforma pc comune è impossibile... Non solo Next ha fallito miseramente in questo, ma anche tutti gli altri progetti simili sono finiti nel nulla (OS/2, BeOs, ecc.). E persino Linux - un progetto completamente diverso da tutti gli altri per la sua idea di "gratuità" e di "comunità" - rimane comunque un OS di nicchia.

Troppa gente, mi pare, vede oggi il passaggio a processori Intel come un "calarsi le braghe" e uno spostarsi verso un sistema hardware comune a tutti. Apple, almeno per il momento, non ha nessuna intenzione di trasformarsi in una software house. Il MacOS X continuerà a essere installabile solo sui Mac e le applicazioni prodotte da Apple continueranno a girare solo sotto MacOS X (tranne iTunes, che però è una storia a parte). FORSE sarà possibile - magari grazie a un Virtual PC che girerà finalmente a velocità accettabile - installare Windows sui futuri Mac x86 ma DI SICURO rimarrà completamente preclusa la possibilità di fare il contrario, cioé installare OS X sui normali pc.

Apple rimarrà l'unica azienda consumer al mondo a produrre un sistema informatico completo, al contrario di tutti gli altri che producono o l'hardware oppure il software. E' infatti solo il fatto di essere l'unica a fare quello che fa che ha permesso alla società di Cupertino di sopravvivere ai monopoli e agli stravolgimenti dell'ultimo ventennio informatico! Tant'è vero che, se ci pensi, Apple ha applicato il suo concetto di piattaforma globale anche al business della musica, infatti propone agli utenti un sistema completo formato da negozio online (iTMS) + software (iTunes) + codec (aac) + player (iPod). E il successo ottenuto - quando tutti gli altri competitor arrancano - è la prova che questa formula è quella vincente. Non ci sarebbe quindi alcun motivo di abbandonarla nel settore dei computer!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this