Home Hi-Tech Android World Sensore impronte nel vetro: Samsung non ce la fa e molla l'idea...

Sensore impronte nel vetro: Samsung non ce la fa e molla l’idea per il Galaxy S8

[banner]…[/banner]

Galaxy S8, sempre che le foto e i filmati apparsi fino ad oggi in rete saranno confermati dalla presentazione ufficiale, ha una parte posteriore che suscita qualche perplessità, con un sensore di impronte digitali posizionato in modo strano. Il perché di questa scelta potrebbe essere dovuto al fatto che Galaxy S8 è stato progettato “all’ultimo minuto” a fronte delle difficoltà tecniche che sono intercorse nella implementazione di una tecnologia più sofisticata: la lettura mediante un sensore di fatto invisibile. È The Investor, un sito finanziario coreano, a presentare questa ipotesi.

La soluzione che prevede un lettore integrato direttamente nel vetro, è stata cullata a lungo da Samsung che ha pompato nel progetto grandi risorse in collaborazione con Synaptics. Ma nonostante il denaro profuso e gli sforzi compiuti dal partner, i risultati sarebbero stati molto deludenti. In pratica il sistema non funzionava come avrebbe dovuto. Di qui  la decisione di ripiegare su una soluzione più tradizionale, quella di un sensore classico, che all’ultimo minuto ha potuto trovare spazio solo sulla parte posteriore, accanto alla camera, in una posizione bizzarra. Questo perchè, evidentemente, ormai la parte frontale del telefono era stata progettata stilisticamente e funzionalmente come un “tutto schermo” e la parte posteriore aveva già anch’essa una sua identità in fatto di collocazione delle componenti.

galaxy s8 innovazione

In effetti, la posizione del sensore, parecchio in alto rispetto alle scelte dei competitor, sembra non essere stat troppo apprezzata dal pubblico. Certo, Galaxy S8 non è stato ancora presentato, ma non sembrano esserci dubbi sul fatto che il Touch ID sulla versione finale faccia apparizione proprio in quella posizione, che per molti risulterebbe strana, e quantomeno insolita. Certo è una posizione molto scomoda e problematica anche per il sensore della macchina fotografica che potrebbe facilmente essere sporcato.

E’ anche vero che Samsung potrebbe decidere di spostare l’attenzione sul riconoscimento dell’iride e sul “riconoscimento facciale avanzato”, così da dare meno importanza al sensore di impronte digitali. Si tratterebbe di una scelta simile a quella avanzata con Note 7, che permetterebbe di sbloccare il dispositivo in meno di 0,01 secondi.

Il sensore integrato nello schermo sarebbe, lo ricordiamo una delle peculiarità di iPhone 8. Se Apple riuscisse a rivelare una simile funzione sarebbe in grado di fare un importante passo avanti rispetto alla concorrente in termini di immagine e di tecnologie. In realtà alcuni osservatori manifestano scetticistmo rispetto alla possibilità che Apple sia in grado di arrivare dove Samsung non è giunta. Sensori trasparenti e le componenti adatte a creare questo tipo di lettori, sono in corso di sviluppo e sono state presentate al Mobile World Congress, ma si parla ancora di prodotti non commerciali. «Se queste tecnologie fossero pienament sviluppate saremmo di fronte ad un grande balzo in avanti per tutta l’industria degli smartphone», scrive The Industry.  In realtà quel che The Industry sembra non tenere in considerazione è che Apple ha un enorme patrimonio di tecnologie e che ha, sopratutto, molto più tempo di Samsung. Il nuovo iPhone 8 sarà rilasciato a settembre, forse ottobre, otto mesi dopo il lancio di Galaxy S8.

 

Offerte Speciali

Super sconto su MacBook Pro 13″ 16/512 GB: risparmio da oltre 400 euro

Su Amazon è in forte sconto il nuovo MacBook Pro 13" in versione 16 GB RAM / 512 GG HD SSD. Lo pagate oltre 400 euro meno del prezzo Apple.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,835FansMi piace
93,818FollowerSegui