Home MacProf Emulazioni, virtualizzazione, Mac e Windows Gran Bretagna: "I bimbi? Basta che videogiochino e va tutto bene"

Gran Bretagna: “I bimbi? Basta che videogiochino e va tutto bene”

Sia negli Stati Uniti che in Europa i video games hanno un rating. Vengono cioè divisi per fasce di età , come i film, sulla base dei contenuti e della violenza. Vietati ai minori di 14, 16 o diciotto anni. Ma, secondo uno studio pubblicato dalla Bbc, i genitori non prestano alcuna attenzione a questo tipo di informazione, mentre i figli preferiscono i giochi che dovrebbero essere vietati.

Gli elementi che determinano il rating dei videogiochi sono essenzialmente il grado di violenza e la presenza di immagini o azioni particolarmente violente, sanguinose, offensive. La ricerca effettuata dall’Elspa, Entertainment and Leisure Software Publishers Association (per quanto riguarda il mercato britannico) tuttavia indica due dati particolarmente significativi.

Da un lato la maggior parte degli adolescenti preferisce e acquista giochi esplicitamente riservati ai maggiori di 18 anni. Dall’altro, i genitori acconsentono tranquillamente all’acquisto, non facendo alcun tipo di eccezione di fronte al rating riportato per legge sulla confezione dei giochi stessi anche in Italia.

“I genitori – dice un analista, Jurgen Freund – percepiscono il rating come una guida, una indicazione, non come un effettivo divieto all’acquisto”.

Offerte Speciali

Apple Watch 6 Cellular 44mm al minimo storico: solo 449 euro

Apple Watch 6 al prezzo del Prime Day: risparmiate fino al 16%

Apple Apple Watch 6 Cellular scende al prezzo più basso, pari a quello del Prime Day. Ribasso fino al 16%
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,767FansMi piace
90,955FollowerSegui