IBM, un software per intensificare la lotta contro Zika

Il virus Zika trasmesso per mezzo di alcune tipologie di zanzare è stato documentata in Africa, nelle Americhe, in Asia e nel Pacifico. Tecnologie che sfruttano cloud e analytics utili per aiutare gli scienziati, i servizi sanitari nazionali e le agenzie umanitarie nella lotta contro il virus.

Zika

IBM ha annunciato che sta intensificando il suo impegno pro bono in termini di risorse, tecnologia e competenze per aiutare gli scienziati, i servizi sanitari nazionali e le agenzie umanitarie nella lotta contro il virus Zika.

L’azienda fornisce tecnologia e le competenze alla Oswaldo Cruz Foundation (Fiocruz) in Brasile, Istituto di ricerca affiliato al Ministero della Salute brasiliano e uno dei più importanti Istituti scientifico-tecnologici dedicati alla salute in America Latina.

Fiocruz contribuirà a rintracciare la diffusione di Zika utilizzando tecnologia sviluppata da IBM, con l’obiettivo di analizzare indizi che vanno dalle osservazioni aneddotiche rilevate da ciascun individuo attraverso i social media, ai dati ufficiali circa i viaggi della popolazione.

Rricercatori dei laboratori di ricerca a San Jose, in California e in Brasile insegneranno agli scienziati di Fiocruz ad utilizzare STEM (Spatiotemporal Epidemiological Modeler), un software che modella e visualizza la diffusione delle malattie infettive. STEM può aiutare i funzionari della sanità pubblica e gli epidemiologi ad analizzare gli effetti delle diverse reazioni che tengano conto di fattori come la geografia, la metereologia, il trascorrere del tempo, i modelli di viaggio, le strade e gli aeroporti.

La piattaforma di modellazione STEM, sviluppata da IBM e donata alla Fondazione Eclipse, che amministra tecnologia open source, è stata utilizzata per studiare e aiutare a prevedere la diffusione di malattie infettive come l’influenza e l’Ebola, e le malattie trasmesse dalle zanzare come la malaria e la febbre dengue.

Nell’ambito del programma Impact Grant, l’azienda lavorerà con Fiocruz per identificare e comprendere le preoccupazioni dei cittadini, attraverso l’analisi dei tweet in lingua portoghese che discutono l’incidenza di Zika, dengue e Chikungunya, così come la comparsa della zanzara Aedes aegypti, la specie principale responsabile di queste malattie.

Dopo che Fiocruz avrà definito i parametri di ricerca, il Research Lab n Brasile utilizzerà la tecnologia di sentiment analytics basata su cloud per raccogliere e interpretare i dati in modo anonimo. Il report consentirà ai responsabili della sanità pubblica di formulare raccomandazioni attuabili. I ricercatori hanno applicato una tecnologia simile durante la 2014 World Cup in Brasile, analizzando quasi 60 milioni di messaggi sui social media. I ricercatori hanno sviluppato sofisticati algoritmi per analizzare grandi volumi di informazioni sui social network in tempo quasi reale.

Per stimolare l’aiuto da parte della comunità dei programmatori, IBM promuove una hackathon in Brasile il prossimo autunno, in cui si cimenteranno circa 70 sviluppatori con l’obiettivo di mettere a punto app dedicate alla salute. Queste potrebbero includere delle app che consentano agli utenti di identificare più facilmente o segnalare la presenza di larve di zanzara, o che aggiornino i responsabili della sanità pubblica di un’epidemia di virus locale, o altre questioni relative alla salute.

IBM Research sta collaborando con il “Cary Institute of Ecosystem Studies” nella raccolta e studio dei dati biologici ed ambientali provenienti da zanzare e primati. Il team costruirà algoritmi cognitivi in grado di determinare quali primati sono portatori del virus Zika. Queste informazioni permetteranno alle organizzazioni governative ed ambientalistiche di identificare e indirizzare al meglio quali siano i primati candidati alla sorveglianza e alla eventuale gestione del virus.

https://youtu.be/NkMGFVsL5Lc