Tomb Raider IV
The Last Revelation
di Filippo Ciarlora

Confezione
Sulla copertina della confezione c'é una Lara in splendida forma (come sempre del resto....). All'interno della scatola oltre al Cd c'é la scheda di registrazione da inviare per posta ma non e' obbligatorio spedirla.
Il manuale si trova all'interno della classica custodia in plastica ed é in inglese; anche se le pagine sono solo 17 vengono spiegati tutti gli aspetti principali del gioco in modo sintetico e chiaro.
Sul retro della confezione e' segnalato il sito della casa che ha sviluppato Tomb Raider 4: www.aspyr.com.
Voto: 4 su 5

Storia e scopo del gioco
Per spiegare meglio la trama di Tomb Raider IV bisogna fare un salto indietro al 1984, anno in cui la sedicenne Lara decise di fare parte di un tour archeologico attraverso l'Asia. Il suddetto tour era stato organizzato da un noto archeologo, il Professor Werner Von Cry. L'avventura pero' ebbe fine con un tragico epilogo per il Professore (questo lo vedremo subito nel primo livello di allenamento!) per cui in tutti questi anni Lara lo credera' morto.
Passiamo ora ai giorni nostri: ci viene affidato un nuovo e delicato incarico, cioe' esplorare una tomba in Egitto nella localita' di Karnak.
Durante l'esplorazione Lara trova la tomba di Seth (dio dei morti), imprigionato alcuni millenni fa dal fratello Horus (dio della luce). Inconsapevolmente libererà il suo spirito maligno (togliendo l'amuleto che teneva intrappolato Seth nella tomba); ben presto Lara scopre che per porre fine alla maledizione deve far tornare in vita Horus, sfruttando il momento in cui la costellazione di Orione si trovera' allineata.
Da questo momento in poi dobbiamo vagare tra le varie localita' egiziane e trovare tutti gli oggetti che ci servono per rievocare Horus.
Non sara' un'impresa semplice anche perche' nella trama si inseriranno altri elementi come il ritorno del Professore Werner Von Croy (posseduto dal dio Seth) che cerchera' in tutti i modi di sbarrarci la strada. Possiamo contare anche sull'aiuto di un vecchio amico di Lara, Jean Yves che ci dara' un'aiuto nelle situazioni piu' critiche.
Tomb Raider IV e' totalmente ambientato in Egitto e precisamente in cinque localita' principali:
1) Karnak
2) Cairo
3) Giza
4) Alessandria

5) La valle dei Re
I luoghi che dovremo esplorare saranno tombe, templi, piramidi, paesaggi rocciosi e sabbiosi, un livello é ambientato addirittura su di un treno in corsa! Il tutto é condito da una storia gestita al meglio grazie anche ai filmati (veramente tanti) organizzati in modo da dare unità e logica alla trama.

Voto: 5 su 5

Grafica e audio
Anche in questo quarto capitolo la grafica non e' stata stravolta ma migliorata e rivista nei dettagli, infatti il motore grafico e' rimasto quello di Tomb Raider 3.
Ora e' supportato il bump mapping (cioe' una particolare tecnica di sovrapposizione delle texture), le texture sono abbastanza curate anche se non sono il massimo. Mi sono piaciute in particolare le bellissime le colonne decorate, i dipinti e tutte le decorazioni presenti all'interno delle varie tombe e templi. In generale mi sembra che le texture siano leggermente piu' curate (a parte qualche eccezione) rispetto al capitolo precedente.
A mio avviso é migliorata di molto la gestione e la dinamica delle luci con i riflessi che dipendono dal tipo di materiale riflettente, questo lo si nota subito quando accendiamo un bengala e quando ci troviamo in prossimità dei raggi di luce che provengono da finestre o fessure. Mi e' piaciuto l'effetto ombra e penombra sul corpo di Lara che in questo quarto episodio e' stato rimodellato e arrotondato togliendo gli spigoli piu' evidenti.
Altre piccole aggiunte grafiche degne di nota sono le goccie che cadono dal corpo quando si esce dall'acqua e le scintille sulle pareti provocate dai colpi delle armi.
Per quanto riguarda l'audio ora c'é una maggiore presenza di suoni e rumori di sottofondo che sottolineano in maniera ottimale le varie fasi di gioco, le musiche servono a farci distinguere i momenti di calma da quelli piu' agitati. Tutto ciò aumenta il livello di suspense e l'atmosfera all'interno dell'azione di gioco.
Voto: 3 su 5

Giocabilita'
Chi ha gia' giocato alle precedenti avventure non avra' nessun problema per quanto riguarda i controlli perche' sono invariati. Per chi si trova invece ad avere a che fare per la prima volta con Tomb Raider ci vorra' un po di pazienza ma niente paura; il primo livello di gioco che dovremo affrontare é di allenamento percio' impareremo fin da subito a gestire i movimenti di Lara.
Mi soffermo sul primo livello di allenamento: essendo parte integrante dell'avventura lo dobbiamo per forza giocare. Si tratta di un livello molto divertente in cui vedremo Lara quando era sedicenne (molto meno sexy di oggi!) alle prese con il Professor Werner Von Croy durante la spedizione, il quale ci insegnera' le mosse e le varie funzioni che ci serviranno durante il gioco vero e proprio.
I livelli da affrontare sono una quindicina circa, sono vasti ma non saremo costretti a girare per chilometri e chilometri come in Tomb Raider 3. Ad esempio quando troveremo una chiave la relativa porta si trovera' in un luogo abbastanza vicino; lo stesso discorso vale quando azioniamo una leva o facciamo scattare un qualsiasi meccanismo. In pratica sembra che sia data prevalenza agli enigmi che non alle doti acrobatiche di Lara.
Sono stati aggiunti nuovi movimenti, adesso possiamo arrampicarci sulle corde e usarle come liane (proprio come Tarzan), arrampicarci sui pali, aprire le porte con un movimenti naturali (alcune vengono sfondate con un calcio) e girare gli angoli mentre siamo aggrappati; in generale tutte le movenze di Lara sono state addolcite.
Abbiamo ora a disposizione due nuovi veicoli: la Jeep e una moto Side-Car che ci serviranno per spostarci da una localita' all'altra.
Per quanto riguarda le armi avremo le classiche pistole, il fucile, un revolver (che sostituisce la Desert Eagle), pistole uzi, lanciagranate ed una precisissima balestra che può usare freccie esplosive o avvelenate e sulla quale possiamo montare un mirino al laser. Non c'e' piu' il lanciarazzi ma sono disponibili diversi tipi di munizioni per ogni arma. In dotazione abbiamo anche un'utilissimo binocolo e la visione ad infrarossi.
Migliorata l'intelligenza artificiale, ora i nemici sono piu' difficili da eliminare (alcuni non possono proprio essere uccisi come le mummie) e ce ne accorgeremo ben presto già nel terzo livello. Infatti saremo subito attaccati da beduini armati che ci spareranno senza fare tanti complimenti e dovremo usare gli ostacoli naturali per nasconderci e proteggerci dai loro colpi.
E' stato abbandonato il classico menu scorrevole ad anello in favore di uno piu' pratico che ci permette di usare (binocolo a infrarossi, tipo di munizioni, ecc.) e combinare gli oggetti tra di loro(possiamo montare il mirino laser sulla balestra).
Altro cambiamento che migliora la giocabilita' é rappresentato dal "look mode", ora quando siamo in questa modalità il corpo di Lara diventa quasi trasparente in modo da non ostruire piu' la visuale di gioco.
In Tomb radier IV i filmati sono gestiti in maniera da rendere l'avventura piu' lineare e realistica, non una serie di livelli messi in fila come nel terzo episodio.
Non esiste il multiplayers in quanto Tomb Raider non è stato concepito per la rete, anche quest'ultima avventura tiene fede a questa regola.
Voto: 5 su 5

Interesse
Difficile dire quanto tempo ci voglia per finire tutti i livelli del gioco perche' dipende dalle doti del giocatore: abilita', pazienza e colpo d'occhio. Certamente anche i piu bravi ci metteranno ore ed ore per ultimare l'intera avventura. Una volta che avremo completato la missione se ritorniamo a giocarci non sara' piu' entusiasmante come la prima volta; ma questo del resto é una cosa normale.
Non c'é la possibilita' di giocare in rete, anche perché Tomb Raider é un gioco che mal si presterebbe a questa modalità. Questo titolo comunque saprà regalarci molte ore di gioco.
Voto: 4 su 5

Pregi
- Ambientazioni e luoghi suggestivi
- Trama lineare e curata
- Scene video organizzate in modo da dare l'idea di vivere l'avventura
- Maggiore interazione ed enigmi

Difetti
- Grafica non al passo con i tempi

Considerazioni finali
Eccezionale, quando cominci una partita non smetteresti mai di giocarci!!! Secondo il mio parere Tomb Raider IV é il migliore episodio uscito fino ad ora.
Questo perchè riesce a combinare in maniera ottimale gli enigmi con la trama della storia, i livelli sono vasti ma al tempo stesso relativamente semplici e piacevoli da girare. Inoltre in questa quarta avventura c'é una maggiore interazione con gli oggetti (cannocchiale, mirino al laser, ecc.).
Anche la giocabilità é ottima, per cui Tomb Raider IV può essere acquistato tranquillamente anche da chi non ha mai giocato alle precedenti avventure.
Vale la pena acquistare questo titolo anche se non siamo dei fan di questo gioco, I più accaniti invece possono collegarsi al sito ufficiale di Tomb Raider all'indirizzo:
www.tombraider.com.
Voto: 5 su 5


Nome Gioco Tomb Raider 4: The Last Revelation
Produttore e Sito Aspyr Media
Distribuito in Italia da: Melaeffe
Prezzo al Pubblico £.110.000 (indicativo)
Requisiti di sistema - Processore a 233 Mhz o superiore
- Scheda acceleratrice 3D
- 32 MB di memoria Ram
- CD Rom 4x
- Mac OS 8.1 o successivo
Provato con questa configurazione: iMac DV 400 Mhz, 64 MB di Ram, ATI RAGE 128 con 8MB VRAm
Pagina del Forum f=67"> per raccontare le proprie esperienze di gioco, scambiarsi trucchi e informazioni...
Eta' dei giocatori Per Tutti
Confezione Multipiattaforma NO

Leggi le altre recensioni di giochi apparse su "ilmioMac"
/messages/4161/767.shtml?1013444990">Partecipa al Forum di ilmioMac dedicato ai giochi su Mac con trucchi e scambio di opinioni