Tomb Raider: Chronicles
di Filippo Ciarlora


Confezione
Anche per il quinto episodio dell'eroina videoludica più famosa del mondo é stata scelta stessa confezione usata per i DVD.
La custodia in plastica rigida con apertura a quaderno é meno ingombrante ed é molto piu' pratica della classica confezione in cartone.
La copertina raffigura il volto di Lara e come sfondo c'é un cielo tempestoso attraversato da fulmini. La sua espressione é misteriosa e minacciosa al tempo stesso.
Sul retro della confezione c'e' una breve introduzione alla storia di questa quinta avventura, alcune schermate di gioco e le richieste di sistema.
All'interno della confezione troviamo due CD, uno contiene il gioco e l'altro contiene un potente editor per costruire i propri livelli personalizzati. Il manualetto di venti pagine é in inglese e c'é anche la scheda postale per chi vuole registrare il prodotto.
Per ulteriori informazioni riguardo al prodotto possiamo collegarci al sito della software house Aspyr.
Voto: 4 su 5

Storia e scopo del gioco
Nel precedente episodio: "The Last Revelation" Lara Croft é rimasta intrappolata sotto le macerie del Tempio del dio Horus. Tutte le ricerche effettuate per recuperare Lara sono risultate vane e del suo corpo non si trova più traccia.
Cinque giorni dopo il terribile fatto Lara viene data ufficialmente morta, tutti i giornali e le televisioni ne parlano.
Una volta concluso il commovente funerale l'amico Jean Yves, il maggiordomo Winston e Padre Dunstan si ritirano nella tenuta di Lara Croft.
Una volta entrati nella villa si dirigono tutti e tre nello studio e si siedono davanti al camino, Winston versa da bere ai suoi ospiti e ad un certo punto l'amico Yves inizia a raccontare la prima impresa compiuta da Lara.
Ognuno di loro avrà così delle avventure da raccontare riguardo alle gesta di Lara, ogni racconto in pratica serve da introduzione per i vari livelli che andremo ad affrontare nello svolgimento del gioco.
Questo quinto episodio é ambientato in quattro locazioni principali: Roma, il sottomarino tedesco, l'isola paurosa e la Tower Block.
Roma: i suoi tre livelli sono ambientati tra le tortuose ed intricate stradine, le vie dei mercati Traiani ed il Colosseo.
Il sottomarino tedesco: altri tre emozionanti livelli che oltre al sottomarino e la base ci vedranno alle prese in pericolose immersioni negli abissi del mare.
L'isola paurosa: in questa parte di avventura ci troviamo con una Lara ancora sedicenne intenta ad indagare in merito a degli eventi misteriosi che accadono sull'isola in questione.
Tower Block: l'ultima avventura vede una Lara (vestita con una tuta nera attillatissima) muoversi furtivamente attraverso le basi militari degli ultimi tre livelli.
Voto: 4 su 5

Grafica e audio
La grafica di Tomb Raider Chronicles e' rimasta pressoché invariata rispetto al precedente episodio di "The Last Revelation". Il motore grafico infatti é sempre lo stesso ed ormai comincia ad accusare il peso degli anni.
Le texture che rappresentano le ambientazioni esterne come gli edifici sono sufficientemente dettagliate anche se un po' piatte. Buone e decisamente riuscite alcune pavimentazioni in pietra naturale ed alcune decorazioni murali.
Anche la gestione e la dinamica delle luci é rimasta quasi inalterata: sono presenti i riflessi sull'ambiente circostante provocati dalla luce dei bengala o dai raggi di luce che provengono da finestre e fessure. In generale però ci sembra di poter affermare che in questo quinto capitolo sia stato fatto un maggiore uso di luci colorate ed ombre rispetto ai capitoli precedenti. I movimenti del corpo di Lara sono fluidi e naturali, anche in questo caso nessuna novità di rilievo.
Migliorato e rivisto l'effetto dell'acqua; ben fatte le onde concentriche e gli spruzzi provocate da tuffi, salti e movimenti del corpo di Lara. Gli effetti grafici migliori, a nostro avviso, sono i riflessi dell'acqua che si rispecchiano sulle pareti degli ambienti chiusi in cui c'é uno specchio d'acqua (ad esempio all'interno di una grotta).
Rimangono inalterati alcuni effetti grafici come le goccie che cadono dal corpo quando si esce dall'acqua e le scintille sulle pareti provocate dai colpi delle armi.
Le musiche di sottofondo sono molto d'atmosfera grazie alle melodie molto soft e leggermente malinconiche. Le stesse musiche inoltre variano di ritmo e sonorità a seconda della situazione: ad esempio se sta per accadere qualcosa di poco piacevole la melodia cambia di tono e di ritmo in modo da avvertirci dell'imminente pericolo.

I consueti effetti audio sono rappresentati dal rumore dello sparo delle armi, apertura di porte, ingranaggi che si muovono, l'acqua che scorre e così via.
Voto: 3,5 su 5

Giocabilita'
Il sistema di controllo é sempre uguale perciò chi ha già giocato alle precedenti avventure non avrà alcuna difficoltà. Anche chi non ha mai giocato con Tomb Raider non dovrebbe avere eccessive difficoltà, ci vuole un po' di allenamento e pazienza per la necessaria confidenza con i controlli. Per fortuna il primo livello prevede anche una zona di allenamento (la prima porta a sinistra di Lara!), ottima per chi non ha confidenza e vuole familiarizzare con i controlli.
I livelli da affrontare sono dodici in totale (divisi nelle quattro locazioni precedentemente accennate) e sono meno vasti e labirintici rispetto alle precedenti avventure. Non ci troveremo quindi a girare a vuoto per ore ed ore, persi tra cunicoli e luoghi che si assomigliano tutti. Non ci sono neppure enigmi troppo difficili da risolvere, questo quinto episodio Tomb Raider: Chronicles é sicuramente più semplice e lineare rispetto agli ultimi due (Tomb Raider 3 e Tomb Raider 4: The Last Revelation). Ci sono certamente alcuni punti abbastanza impegnativi ma non si tratta mai di una difficoltà esagerata.
Sono stati aggiunti nuovi movimenti: adesso possiamo camminare in equilibrio su una fune ed effettuare roteazioni (e successivo salto con capriola) sulle parallele.
Come nel precedente capitolo possiamo ancora arrampicarci sulle corde e girare gli angoli mentre siamo aggrappati.
Non ci sono veicoli, tranne che per una sorta di tuta da palombaro motorizzata da usare negli abissi marini.
Per quanto riguarda le armi avremo il ritorno della pistolona Desert Eagle, una balestra ad arpioni, un fucile da cecchino e il cloroformio per addormentare le guardie. Non mancano le classiche pistole, i mini mitragliatori uzi, il mirino al laser da montare sulle armi ed il binocolo.
Invariato anche il menu scorrevole che ci permette salvare la nostra posizione in qualsiasi momento e di combinare gli oggetti tra di loro.
Per il resto si tratta sempre di esplorare i luoghi alla ricerca di oggetti, di chiavi per aprire le porte chiuse, sparare ai nemici, evitare le trappole e risolvere gli enigmi che ci verranno proposti.
Voto: 4 su 5

Interesse
I dodici livelli non sono difficili ne lunghissimi da completare (certo, alcuni punti sono più impegnativi e richiedono un pochino di impegno per essere superati). Questa quinta avventura é più breve delle precedenti sia come livelli sia come durata effettiva di gioco. Si tratta comunque di un titolo che richiede parecchie ore di gioco per essere completato, se poi decidiamo di cercare di scoprire tutte le zone segrete la durata aumenta ulteriormente.
Tuttavia possiamo dire che giocando con Tomb Raider: Chronicles le ore scorrono via velocemente ed il divertimento é assicurato
Come é ormai di consuetudine nella saga Tomb Raider l'implementazione multiplayer é completamente assente.
Del resto in Tomb Raider i concetti di esplorazione e risoluzione degli enigmi, uniti al meccanismo di movimenti e acrobazie non sono molto adatti per essere giocati in rete.
Nel secondo Cd che troviamo nella confezione c'é un potente editor, cioé un programma con il quale creare nuovi livelli e quindi nuove avventure (anche se non é semplicissimo da usare).
Sempre sul Cd dell'editor c'è anche una applicazione che permette di convertire le mappe create con la versione per PC del gioco.
La possibilità di costruire (e scambiare con altri) nuove avventure dovrebbe garantire una buona longevità al prodotto.
Voto: 4 su 5

Pregi
- Requisiti di sistema base relativamente bassi
- Molto divertente e scorrevole da giocare
- Viene incluso l'editor con cui creare livelli personalizzati

Difetti
- Grafica non al passo con i tempi
- Nessuna novità tecnica di grande importanza

Considerazioni finali
Anche in questa sua quinta avventura la saga di Tomb Raider continua a suscitare nei giocatori un notevole fascino ed attrazione. E' sempre presente nelle zone alte delle classifiche di gradimento, merito anche di una fama consolidata a livello mondiale che si estende al di fuori dell'ambito videoludico.
Questo Tomb Raider Chronicles non porta niente di nuovo rispetto alle precedenti avventure (il motore grafico é rimasto indietro con i tempi) ma é assai divertente e scorrevole da giocare.
Sicuramente gli appassionati della serie saranno molto soddisfatti di Tomb Raider: Chronicles per cui ne consigliamo l'acquisto se ci sono piaciuti gli episodi precedenti.
La relativa semplicità e la trama lineare rendono Tomb Raider: Chronicles un prodotto adattissimo anche per chi non ha mai giocato a questa fortunata serie.
Voto: 4 su 5


Nome Gioco Tomb Raider: Chronicles
Produttore e Sito Aspyr
Distribuito in Italia da: MelaEffe
Prezzo al Pubblico  
Requisiti di sistema - Processore PowerPC G3 a 266 mhz o superiore
- 32 MB di memoria Ram ( raccomandati 64)
- Scheda video con almeno 4 MB di Ram o superiore
- QuickTime 4 o superiore
- MacOS 8.6 o successivo
- Drive cd-rom 4x
Provato con questa configurazione: iMac DV 400 Mhz, 384 MB di Ram, ATI RAGE 128 con 8MB VRAm MacOS 9.1
Eta' dei giocatori Dagli 11 anni in su
Confezione Multipiattaforma NO


Leggi le altre recensioni di giochi apparse su "ilmioMac"
/messages/4161/767.shtml?1013444990">Partecipa al Forum di ilmioMac dedicato ai giochi su Mac con trucchi e scambio di opinioni