fbpx
Home Macity Hardware Apple iMac, figlio di iPod

iMac, figlio di iPod

Un parallelismo spesso ripetuto in queste ore che hanno seguito la presentazione della nuova macchina e che colpisce nel segno dando più di qualche indizio sulla linea ideale seguita da Apple nell’elaborare non solo il design, ma anche l’orientamento tecnologico della macchina di Parigi.

“Quando vedete un iMac – ha detto a Macitynet Tom Boger, Director Worldwide product Marketing – appare subito chiaro che chi ha costruito questo computer è anche chi realizza l’iMac. Certo non è un caso. Il rapporto è cercato e coltivato, non solo dal punto di vista del design, ma anche per i contenuti, la filosofia e il funzionamento della macchina. Si tratta di un prodotto che vogliamo orientare al grande pubblico, a quello che usa il computer per accompagnare la vita di tutti i giorni, per i momenti liberi e per l’uso personale, ma che nello stesso tempo richiede qualità , potenza, esclusività . Lo stesso pubblico di iPod, insomma”.

Il richiamo ad iPod è anche “materiale”, nel senso più stretto del termine, come sottolinea ancora Boger. “L’iMac è realizzato in policarbonato – ci ha detto ancora Boger – la stessa plastica estremamente resistente ai graffi e soggetta ad un invecchiamento molto lento, che impieghiamo negli iPod. Grazie a ciò siamo riusciti a realizzare un prodotto che conferisce subito un senso di qualità  e che richiama in maniera esplicita proprio il nostro lettore di musica digitale. Ma anche la maniera con cui il computer interagisce con l’ambiente e con l’utente richiama la stessa filosofia. Il design minimalista, la purezza delle linee, l’assenza di cavi, specie se si usano tastiera e mouse Bluetooth, abbinati all’uso del G5, il più potente dei processori, contribuiscono a creare un insieme che chi apprezza iPod non potrà  non riconoscere come parte del suo modo di vivere”.

Continua su questa pagina di MacityNet

Offerte Speciali