HandpSpring Treo 270: Palmare o Cellulare?
di Settimio Perlini
01-09-2002

dscn0002 1+1=1
Mettete insieme un palmare con sistema operativo Palm, un cellulare multifunzionale con GPRS e otterrete il Treo 270 con l'integrazione delle funzionalita' e molto volume in meno.
Le vostre tasche avranno più spazio per altro...
dscn0004 Lo spessore del Treo non e' alla pari dei modelli di Palmare piu' recenti di Palm, Sony e della stessa Handspring ma lo sportello di protezione, la batteria e l'alloggiamento per le Sim contribuiscono a renderlo un po' piu' "cicciotto" con dimensioni paragonabili anche con quelle dei cellulari piu' recenti.
dscn0003 Qui vediamo lo spessore a confronto anche con il Palm IIIc
dscn0010 Vista dall'alto: da sinistra l'antenna fissa, il tasto di accensione e attivazione cellulare, la spia di funzionamento e stato di carica, lo switch per disattivare la suoneria
dscn0011 Il retro con un particolare della rotella di selezione e il jack per la cuffia
dscn0009 Vista laterale/alto per valutare la proporzione tra sportello e corpo del Treo
dscn0012 Ecco dove viene montata la SIM del vostro operatore telefonico: lo sportellino sul retro.
dscn0029 La cuffia/microfono in dotazione
dscn0017 Ecco dove trovate il potente speaker utile anche per il vivavoce.
dscn0018 Lo schermo in modalita' di composizione delle chiamate... se la tastiera vi sembra piccola valutate le dimensioni dei bottoni sul touch screen!
dscn0022 Navigare anche sulle normali pagine web e' facile... con il browser Blazer 2.0 incorporato abbiamo effettuato una ricerca con parola chiave "palmpipede"...
dscn0025 Non solo business, una grande disponibilita' di applicazioni, oltre 11.000, tra cui non mancano tanti giochi vecchi e nuovi... qui siamo nella schermata finale di Galax, un "clone" del glorioso Galaga.
I 4.000 colori e lo schermo da 160x160 pixel permettono al treo di competer anche con Gameboy e affini!
dscn0032 Un accessorio indispensabile per chi usa Treo e computer insieme: il cavo per la sincronizzazione USB che permette anche la ricarica del PDA/cellulare.
dscn0033 E per chi vuole portare il Treo alla cintura ecco una bella custodia imbottita!

ƒAbbiamo potuto provare per qualche settimana il modello a colori della serie Treo di hanspring con funzionalita' telefoniche.
Ecco un report dettagliato delle carettateristiche base della macchina e del suo utilizzo in combinazione con il Mac.
Dopo il successo del modello a livelli di grigio 180 che ha trovato ottima accoglienza anche nel nostro paese, non poteva mancare una versione a colori del palmare diventato telefono di Handspring.

Diciamo palmare diventato telefono perchè si tratta di una trasformazione in atto dei PDA, Personal Digital Assistant che cercano di operare una convergenza tra modalita' d'uso e di riunire in un solo apparecchio diversi dispositivi digitali.
Dall'altro lato infatti abbiamo cellulari che assumono sempre piu' le sembianze di un palmare come i Motorola Accompli o il recentissimo Nokia 7650 dotato perdipiu' di un dispositivo per foto digitali.

Ma torniamo al Treo: Handspring è il primo produttore di palmari che si dedicata alla produzione di un apparecchio telefonico integrato in un PDA: vediamolo da vicino

La dotazione
Il telefono viene venduto con la sua cuffia dedicata che dispone di un bottone ormai classico per accedere alle chiamate, il cavo per la sincronizzazione USB
(dovete dotare il Mac - con Mac OS 8.5 o superiore - di tale connessione se non e' presente oppure acquistare un adattatore seriale: in questo caso basta un sistema 7.5.3), un caricabatterie da viaggio (100-240 V) con adattatori europei, stilo in metallo, software su CD-ROM, manuale d'uso in inglese e una guida rapida in italiano.

In 153 grammi di peso e dimensioni di 11x6,9x1,8 cm Handspring ha inserito un processore Motorola Dragonball VZ a 33 MHz dotato di Palm OS versione 3.5.2H multilingua (non aggiornabile), una memoria di 16 MB, una porta infrarossi per comunicare con stampanti e dispositivi esterni (anche altri cellulari) e con il vostro computer sia per lo scambio dati e la sincronizzazione sia per funzionare come modem telefonico esterno (GSM o GPRS quando sarà disponibile) aggiungendo nell'ultimo caso un software da pochi dollari (trovate la segnalazione su questa pagina di Palmipede).

La tastierina QWERTY è retroilluminata e sul lato sinistro sotto il jack cuffia/microfono troviamo un "jog rocker", un selettore rotativo per lo scorrimento delle voci nelle rubriche, dei bottoni di chiamata immediata e per la selezione degli stessi con una leggera pressione.

Schermo a Colori
Il display a colori 12 bit retroilluminato con matrice 160 x 160 pixel si comporta bene quando la luce esterna non e' diretta e intensa, in pieno sole soffre del difetto di tutti i dispositivi a colori: la luce riflessa rende leggermente difficoltosa la visibilità dello schermo senza per questo inficiare la lettura dei dati.
Il fatto di avere a disposizione solo 4.000 colori non e' problematico: se si vorranno mostrare immagini e navigare sul web non si avranno problemi, occorrera' al limite predisporre le immagini da scaricare sul palmare con un numero di bit piu' basso, per noi abituati ai 256 colori del Palm IIIc e' stato un passo avanti.
La superficie dello schermo e' ovviamente scrivibile e puo' essere utilizzata sia con lo stilo, sia, in caso di necessita', con le mani per spingere bottoni, effettuare scelte, tracciare schizzi.

Sparita la superficie inferiore dedicata all'immissione dei testi con il sistema Graffiti perchè sostituita dalla tastiera qwerty, e' sempre possibile inserire testi con lo stilo utilizzando tutto lo schermo 160x160 con Jot, il software di inserimento di testi disponibile anche su PocketPC, che non vi sara' difficile imparare ad utilizzare e che vi permetterà di ovviare all'impulso irrefrenabile della scrittura con lo stilo se siete utenti Palm di lunga data.

La tastiera
Si tratta di una tastierina Qwerty retroilluminata con tasti piccoli ma ben distanziati e con funzionalita' secondarie da scegliere a seconda dell'utilizzazione.
Da rimarcare il fatto che il Treo si accende direttamente in modalita' "cellulare" e per accedere ai software della parte "palmare" occorre premere un tasto: questo per farvi capire la priorità d'uso che Handspring assegna al suo prodotto.
La tastiera, grazie all'interspazio e' maneggiabile anche da chi ha grosse dita e i tasti oppongono una discreta resistenza per evitare immissioni non volute: non abbiamo avuto difficolta' ad usarla anche con una sola mano.
La retroilluminazione della tastiera (assente sul modello 180) e' comoda in condizioni di scarsa luce ma lo schermo LCD in questo caso aiuta già a ritrovare i tasti corretti.

Nella parte inferiore, sotto la tastiera, sono presenti 6 tasti: uno per il modo telefono, uno per l'agenda, uno per il browser, uno per la messaggistica SMS e due tasti su/giù per accettare o rifiutare le chiamate in arrivo.
I tasti come nella tradizione dei Palm sono programmabili per accedere ad applicazioni specifiche.

Cuffia, Microfono, Audio
A protezione dello schermo e della tastiera c'è un flip trasparente, che contiene anche l'altoparlante, nella sua parte superiore, una volta che lo stesso viene sollevato.
Potendo utilizzare una reale modalita' "viva voce" si puo' apprezzare la potenza dello speaker interno e la sensibilita' del microfono. Con un opportuno supporto in macchina sarete in grado di utilizzarlo senza accessori aggiuntivi!
L'uso in cuffia e diretto permettono una buona qualità audio con volume da controllare attentamente se non volete far sentire agli altri le vostre conversazioni.

L'uso telefonico/interfaccia
Il modello venduto nel nostro paese, con menu completamente in italiano funziona con le frequenze per il GSM 900 e 1800 Mhz, quello denominato "World" lavora su 900 e 1900 rendendosi adatto per chi viaggia tra Italia e USA e altri paesi che utilizzano la frequenza 1900 Mhz. L'antenna è di tipo fisso.

Basta aprire lo sportello del telefono, il display si accende e siamo pronti per comporre il numero, grazie alla rotella laterale e' possibile selezionare con un rapido scorrimento uno dei 50 numeri piu' chiamati e con un clic far partire la chiamata; possiamo utilizzare i tasti basso e alto della sezione palmare oppure semplicente premere con il dito su uno dei 10 tasti che appaiono sullo schermo.

Altra possibilita' di comporre il numero e' la tastiera virtuale che presenta grossi bottoni sullo schermo sensibile, oppure potete scegliere un numero dalla rubrica strutturata come quella del palmare o, infine, scrivere direttamente il numero sul tastierino QWERTY del palmare... non c'e' che l'imbarazzo della scelta!

Il telefono e' dotato di suoneria programmabile (facilissimo con un palmare ed esistono programmi specifici per questo modello) e di vibrazione, il pulsante sull'auricolare permette di accettare le chiamate o di effettuare sull'ultimo numero disponibile.

Come abbiamo detto in qualsiasi istante durante la conversazione è possibile passare alla modalita' viva voce o a quella a 3 vie - 3 interlocutori (compare una serie di bottoni/opzioni sullo schermo).
Il palm e' da sempre dotato di una rubrica indirizzi: in questo caso l'integrazione è assoluta pontendo interagire con quella della SIM interna.

Il registro interno tiene traccia delle ultime 1000 chiamate (inviate, ricevute e perse) e con una facilita' di gestione e consultazione superiore a quella di qualsiasi cellulare che abbiamo provato finora.
Ovviamente e' presente una gestione degli SMS che potendo usufruire del display da 160x160 pixel sono comodissimi sia per la consultazione che per l'interazione, la tastiera integrata fa poi il resto evitando l'impazzimento nell'inserimento dei testi con T9 o combinazione di tasti numerici: potete utilizzare anche il copia e incolla dall'interno di applicazioni standard e aggiuntive.

Ovviamente e' possibile navigare su Internet sia attraverso programmi di terze parti sia con l'ottimo Blazer 2.0 integrato con formattazione ad hoc dei contenuti permette la visualizzazione rapida della stragrande maggioranza dei siti internet HTML e WAP.

Per la gestione della normale posta elettronica potete affidarvi al programma incluso Treo Mail o ad Eudora Mail per palmare (gratuita) ed altri software di terze parti.

Batterie e consumi
Innanzitutto parliamo della batteria: rispetto al modello 180, la durata e' passata a 150 ore di standby che nelle nostre prove sono risultate essere piu' realisticamente 110-120 e 3 ore di conversazione che nei vari test "reali" sono diventate circa 2 ore e 40: niente male comunque!

A differenza di tutti i cellulari il Treo non ha batterie separate e conta sugli accumulatori interni al litio.
Per un uso intenso di Palmare per giochi, memo, agenda, scambio dati con desktop, consultazione archivio office combinato con il medio uso telefonico l'autonomia del Treo e' di circa 2 giorni di lavoro medio, se usate il palmare al posto del computer per ogni attivita' puo' ridursi ad un giorno o 12-14 ore: per questo vi consigliamo di acquistare la versione plus che dispone di un caricabatteria versatilissimo che con un solo cavo e diversi adattatori permette la ricarica dalla normale corrente, dall'accendisigari e dalla presa USB del computer: comodita' non trascurabile per coloro che sincronizzano il palmare a fine sera e possono effettuare il rifornimento di energia e lo scambio dei dati allo stesso tempo.

Potendo poi disinserire a piacere la parte telefonica, si potra' dedicare la sera o i momenti di non reperibilità al cellulare concentrandosi sull'uso come palmare nei momenti di relax o di lavoro intenso in cui non si vuole essere disturbati dall'esterno.

L'uso come palmare

Con oltre 11.000 applicazioni disponibili e molte di queste freeware o shareware, il treo batte qualsiasi cellulare sul mercato per possibilita' di utilizzo e scelta: giochi, consultazione di file Office, applicazioni commerciali... tutto il mondo del software Palm può finire dentro il vostro cellulare e i 16 MB in dotazione non sono pochi vista la piccola dimensione degli applicativi Palm OS progettati per dispositivi con memoria centrale piu' ridotta.

Quello che manca forse è uno slot per memorie flash (SD o Multimedia) che consentirebbe una maggiore flessibilita' ed un colloquio con altri dispositivi come macchine fotografiche per la spedizione via web di foto ma non si puo' avere tutto!

Come abbiamo visto sopra l'alta integrazione con la parte telefonica, la versatilità del Palm in qualunque campo rendono il Treo uno dei cellulari più comodi e multiuso che possiate trovare sul mercato.

Abbinamento al Mac (questa parte sarà completata nelle prossime ore... in generale comunque non ci sono problemi)

Pro:
Integrazione completa tra palmare e cellulare, comodita' d'uso, disponibili di un parco software sterminato in tutti i campi: giochi, office, database, PDF...
Contro:
Mancanza di un slot per memoria flash nell'uso come palmare
Batteria non sostituibile nell'uso come cellulare.

Conclusioni:

Se avete nella vostra tasca un palmare (magari a colori) e un cellulare vendeteli immediatamente e passate ad un Treo. Il costo non bassissimo sarà compensato da una praticità d'uso e da un risparmio di volume a cui non potrete più rinunciare.
Se avete un cellulare, anche a colori, che vi sembra lento, non riesce a gestire la grande mole dei vostri dati, che vi costringe ad usare la tastiera numerica per inserire i vostri email e sms, che volete far crescere per funzionalita', fate un pensiero al Treo, anche quello in biano e nero, il maggiore ingombro sarà un'inezia rispetto all'efficienza che guadagnerete.



Treo 270 venduto al pubblico a 879 Euro Iva compresa ed distribuito in Italia da E-Motion, per un listino prezzi dell'intera gamma si veda questa pagina di Palmipede.

Altre immagini commentate di Treo 270 a confronto con altri cellulari e palmari sono disponibili su questa pagina di Palmipede