Un Duetto da JBL: sistema altoparlanti desktop Duet
di Redazione
22-09-2003

dscn3989Per chi ha poco spazio e non vuole rinunciare alla qualità degli speaker JBL anche sulla propria scrivania ecco il sistema Duet: senza subwoofer ma con un perfetto look Ice da abbinare ad iPod, iBook, iMac ma anche ai PowerBook e PowerMac in versione Silver.

Si chiama "Duet" l'ultima cassa dal look ancora un pò antropomorfo di JBL: dopo le creature, gli invasori e gli alieni sembra di trovarsi di fronte alle maschere di due schermidori: alla somiglianza giova la reticella metallizzata che ricopre la parte frontale degli speaker e che scende giù fino alla base fino ai led verdi che segnalano l'accensione e al potenziomentro rotante per accensione e volume.

Si tratta di un sistema di altoparlati "essenziale": nessun controllo di equalizzazione, nè regolazione di alti e bassi, magari demandata ai player come iTunes che dispongono di un proprio versatilissimo equlizzatore.

La confezione
Nella confezione di cartone troviamo i due speaker e l'alimentatore da parete.
E' tutto quel che vi serve: l'unità con il controllo di volume contiene anche l'amplificatore ed è per questo leggermente più pesante dell'altro altoparlante.

Al primo speaker arriva l'alimentazione e da qui parte il cavo che preleva il segnale dalla fonte con il minijack dalla classica colorazione verde che segnala gli speaker frontali. Al secondo speaker arriva il cavo del segnale audio ed anche l'alimentazione a bassa tensione che serve ad illuminare il led verde alla base.

Il collegamento è presto fatto: rimane qualche dubbio su quel filo nero che va all'alimentatore e che porta una targhetta verde da non rimuovere per ricordarsi che va usato solo con i duet: un cavo color bianco forse sarebbe stato più in tono con il look generale.
Ora non resta che accenderli e regolare il volume alla bisogna.
Come suonano? Sicuramente per lo spazio che occupano l'apporto delle basse frequenze è stupefacente, sarà merito della forma e comunque grazie al volume che permette di ottenere una discreta cassa armonica le Duet sfoderano una buona grinta sui bassi.

Potete addirittura portarli dietro in una borsa capace per allestire una postazione multimediale "volante" con il vostro PowerBook
E' dotato di magneti al neodimio ed ha una uscita di 12 watt per canale.

All'ascolto
JBL afferma che la tecnologia Phoenix Tangential Strain Relief (TSR) di cui è dotato permette di ottenere bassi migliori e distorsione inferiore.
E' disponibili nei colori bianco (in queste foto) e argento (si veda il servizio del Mac World San Francisco 2003) per complementare meglio i diversi look dei prodotti Apple consumer e Pro.

Giudizio d'ascolto: li abbiamo provato con CD audio ed anche con i file AAC di iTunes Music Store: con migliaia di brani messi a disposizion da quest'ultimo non c'e' che l'imbarazzo della scelta e per provare bassi e distorsione con un segnale che sarà sicuramente più "sporco" di quello degli archivi originali da cui viene compresso: il suono è frizzante quel tanto che basta con una prevalenza delle medie, naturale viste le dimensioni e configurazione degli speaker.
La distorsione anche se contenuta diventa udibile a circa l'80-90% del volume massimo e con i brani registrati a livelli molto alti

I bassi (provati anche con tutta la gamma dello strumento di Tony Levin nel CD "UP" di Peter Gabriel) sono piacevolmente presenti e non pochi amici ci hanno chiesto dove fosse il subwoofer! In realtà non si arriva all'emissione di sistemi a 3 vie come quelli prodotti dalla stessa JBL ma il compromesso tra dimensioni, prestazioni e prezzo sembra ben riuscito.


Pro: ottima resa sui bassi relativamente alle dimensioni. Look accattivante anche in abbinamento ad iPod.
Contro: alimentatore esterno e soprattutto cavo di alimentazione di dubbia estetica.

Prezzo al pubblico: 60-64 Euro circa Iva compresa
Distribuzione: American Dataline


p7160035 p7160037 dscn3987
LA versione Silver con un PowerBook 17"
La maschera da schermidore o uno speaker?
Il modello bianco: per la gamma consumer Apple e iPdo
dscn3989 dscn3993 p7160036
Un dettaglio del frontale con il tessuto, i led luminosi e l'unico controllo, quello del volume.
vista laterale e sotto: una abbondante "piedone" in gomma impedisce lo scivolamento anche sulle superfici più lisce.
Un ultimo sguardo alle casse più antropomorfe che ci sia capitato di provare.