fbpx
Home Macity Futuroscopio iTunes Music Store: tantissime novità  tra presente e futuro (aggiornato)

iTunes Music Store: tantissime novità  tra presente e futuro (aggiornato)

Musica da hit parade, musica di tutti i generi, musica “archeologica”, musica indipendente, musica gratuita, musica personale e musica che nessuno vuole pubblicare, questo si trova già  in parte ma in futuro si troverà  sempre più iTunes Music Store.

Una visione a tutto campo che coinvolge gli “uffici musicali” della nuova sub-divisione che, certamente, si occupa dell’iPod e che forse integra anche il team di iTunes.

Come altri negozi online di musica digitale (magari non compatibili con la piattaforma Mac e certamente di minor successo) qualiRHAPSODY-Listen.com o LAUNCH citati spesso a sproposito, ma come anche Napster (appena giunto in UK) di Roxio o il nuovo Connect di Sony, anche iTunes Music Store ha, grazie ad accordi con le cinque mojor della musica mondiale, a listino gli hit più venduti.

Ma nel negozio musicale online di Apple si trova di tutto: da “Under the sea” della Sineretta di Disney a “Come as you are” dei Nirvana, da “Sansone e Dalila” di Maria Callas a “Bring the noise” dei Public Enemy + Anthrax, da “Moussoulou” di Salif Keita a “In a sentimental mood” di John Coltrane…

Si trovano anche le primissime incisioni della storica Motown, tra le prime etichette del soul nero americano.

Sono in vendita sempre a 99 centesimi di dollaro anche musicisti come Aimee Mann o John Doe che rilasciano le loro canzoni attraverso le etichette indipendenti.

Sono disponibili pure brani di artisti come Eminem che hanno fatto causa ad Apple puramente per motivazioni economiche e, proprio per le stesse continuano a permettere tali download a pagamento: “pecunia non olet”.

Fin dal giorno del suo primo compleanno su iTunes Music Store sono stati disponibili a zero dollari varie canzoni, brani di grandissimo successo, prima con cadenza giornaliera ed ora settimanale.

Certo ogni tanto, tra i 700.000 brani si verificano anche errori come “All at sea” di Jamie Cullum che, da una parte sembra essere gratuito, poi dall’altra invece ha il costo pieno, ma gli uomini di Cupertino correggono celermente.

Stanchi del fatto che nessun editore accetti le vostre canzoni?
Non abbiamo ancora trovato le canzoni del vicino di casa che strimpella nel suo garage ogni notte ma siamo abbastanza confidenti che prima o poi accada, innanzitutto perché così finalmente egli smetterà  di rovinare il sonno al vicinato con le prove con GarageBand e poi perché è stata Apple stessa (mandando una semplice email a [email protected]) a far sapere in più riprese le modalità  di upload di questo genere di musica “sommersa”, un recente libro spiega tutte le caratteristiche dell’operazione.

A confortare questa interessantissima opzione arriva proprio Alex Luke, direttore della selezione musicale e intermediario con le etichette musicali, per iTunes Music Store di Apple, che in una intervista al Los Angeles Times di settimana scorsa dichiarava di essere alla ricerca di tutto il “fuori catalogo” di maggior interesse per il pubblico. Si tratta essenzialmente di una operazione di archivio-salvataggio di musica non più disponibile ai più, una sorta mecenatismo del terzo millennio che potrebbe aumentare il già  notevole catalogo.

Ma alle attività  online corrisponde anche una attività  “sul territorio”: una delle migliori cantanti del momento, Nelly Furtado, dopo essere apparsa la notte scorsa nel talk show “The Tonight Show with Jay Leno” (filmato da 9 MB in formato WinMedia) negli studi della NBC di Burbank, oggi, si trasferirà  di soli 35 km a sud ovest verso l’Oceano Pacifico della California del sud, suonerà  dal vivo presso l’AppleStore “Third Street Promenade” di Santa Monica alle sette di sera ora locale e poi, come è già  successo per varie band di medio e piccolo cabotaggio, Apple potrebbe rilasciare su iTunes Music Store l’incisione del live acustico, una vera chicca per i fan della cantante e per i collezionisti di registrazioni dal vivo. Sempre oggi la stessa bella cantante sarà  ospite del “On Air with Ryan Seacrest” (filmato da 52 MB in formato WinMedia) della FOX, giornata piena per la venticinquenne canadese dalle origini portoghesi. Lasciateci dire che qualcuno della nostra redazione sarebbe disposto anche ad andare ad applaudirla se non fosse tecnicamente impossibile raggiungere il luogo in tempi utili…

Aggiornamento: Nelly Furtado ha cantato dal vivo nel negozio di Apple accompagnata da due chitarre acustiche e una corista le seguenti canzoni (non è dato di sapere se su iTunes saranno reperibili nei prossimi giorni, al pari dei live di Liz Phair, di Thursday & Thrice, di The Raveonettes, di Less Than Jake o di The Rising): “The Grass Is Green“,”Explode“,”Try“,”Powerless” e un accenno di “I’m Like A Bird“, la folla presente ha dimostrato molto entusiasmo per la performance live.

Cosa c’è invece in ballo nelle settimane a venire?
Si parla spesso dello sbarco di iTunes Music Store fuori dagli USA (dove attualmente funziona in modo regolare e legale) ma ci si chiede quando e come arriverà  in Europa, nell’attesa piuttosto ansiosa di essere smentiti presto sull’esclusione dalla “prima fascia” dei paesi europei dell’Italia, occupiamoci di altre aree: dopo la recente apertura di un quasi-AppleStore online in Sud Africa, il locale sito di notizie tecnologiche sud africane IT Web, ci informa che “il prossimo progetto di Apple S.A. è una versione locale di iTunes Music Store e qui il mercato richiede soprattutto compilation invece che album di artisti singoli, quindi la soluzione di Apple potrebbe essere assolutamente appetibile per questo mercato”.

Ma la visione musicale di Apple, causa dei Beatles permettendo, non si limita a quella personalmente codificata (per iPod, iPod mini o ascoltata direttamente dal Mac e pure dai PC) o a quella acquistata in USA dallo Store, per quanto possa sembrare incredibile, gli statunitensi ascoltano molto le loro radio e vogliono sempre più sentirle anche in streaming; ebbene ora pure le nostre schive radio in FM (come già  denunciato) potrebbero farsi ascoltare da iTunes oltre che dal player di Real o di Win Media: per poche ore è rimasto online il kBase # 93816 di Apple che informava qualunque proprietario di emittente radiofonica che spedendo una richiesta via email a Cupertino, poteva comparire con la sua emittente poteva comparire nella lista delle già  nutrite radio statunitensi incluse in iTunes per l’ascolto in streaming.

Ultima segnalazione inerente iTunes Music Store che vi proponiamo è l’evoluzione del concetto di editore anomalo di musica che Apple ha fatto proprio fin dallo scorso febbraio, quando ha messo a disposizione compilation virtuali, ancor prima degli iMix, ovvero le compilation degli utenti di iTunes Music Store.

Sono ora disponibili all’acquisto le compilation e non solo create dagli eleganti e trendy (oltre che costosi) alberghi W del gruppo Starwood che, in USA sono localizzati a Atlanta, Chicago (2), Los Angeles, New Orleans (2), New York City (5), San Diego, San Francisco, Seattle e Newark (California).
Nelle boutique di questi alberghi minimalisti sono in vendita CD con selezioni musicali molto particolari che sono poi quelle suonate nelle aree cocktail/drink, o più semplicemente al bar dell’hotel; dicevamo non solo i CD di W Hotels, ma anche altra musica già  disponibile su iTunes Music Store in questa occasione elencate per stesso genere musicale in una interessante selezione a tema che si aggiornerà  di volta in volta, “Wonderland Collection” (un viaggio per il corpo e la mente, il perfetto complemento per ogni stato d’animo, emozione ed esperienza).

Ecco i titoli, le prime cinque sono le compilation di W: “Sensuality”, “Fantasy”, “Relaxation”, “Intrigue”, “Romance”, “18 B Sides” di Moby, “Baby Monkey” di Voodoo Child, “Bappiwood Remixes” di Bappi Lahiri, “Club Sodade” di Césaria Evora, “Dirty Vegas” di Dirty Vegas, “Emotional Technology” di BT, “Portishead” di Portishead, “Roots” di Gipsy Kings, “Sounds of Om, vol. 4” di DJ Fluid, “Sunday 8pm (limited edition)” di Faithless, “Talkie Walkie” di Air, “The Soul Session” di Joss Stone, “Two Horizons (international version)” di Moya Brennan, “When it Falls” di Zero 7, “Aural Encounter – A Nutone Compilation”, “Bebel’s Gilberto’s Playlist, “Cocktail Dinner Party”, “Cover Songs, “Foreign Affairs”, “Ima Robot’s Playlist”, “Movie Tunes”, “Road Tripping”, “The Gentle Rain”, “The Voice – May ’04”, “Verve Remixed”, “Verve Remixed 2” e la colonna sonora del film “Moulin Rouge”, tutti questi ultimi di autori vari.

Gli alberghi W hanno avviato la promozione estiva denominata “iTunes Day“, ovvero eventi a rotazione con DJ che suoneranno iPod carichi di musica acquistata dal negozio di Apple, distribuzione di download gratuiti (anche ai clienti non statunitensi dell’albergo? ndr), accompagnati da bevande denominate “AppleiTinis” e la possibilità  di vincere prodotti Apple come iMac ed iPod.

I primi “iTunes Day” avranno luogo a Chicago, New York City e San Francisco a partire dall’8 giugno, faranno certamente “coppia fissa” con l’altra promozione (valida fino ad agosto) ad alto contenuto tecnologico della stessa catena alberghiera: “Wired Wonderland” che unisce al prezzo promozionale una collegamento al web gratuito, telefonate gratuite dalla camera, abbonamenti trimestrali alla rivista Wired e il download gratuito di tre brani da iTunes Music Store.

Offerte Speciali

Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,969FansMi piace
93,790FollowerSegui