Home News Le fiere passano, il Macworld resiste

Le fiere passano, il Macworld resiste

Il Macworld resiste all’€™erosione di presenze che colpisce tutte le fiere informatiche. La tendenza che ha segnato la fiera Mac nel corso degli anni passati potrebbe essere confermata anche quest’€™anno se i dati inerenti le preregistrazioni verranno confermate anche dalle presenze effettive. Secondo fonti vicine ad IDG Expo che cura la manifestazione di San Francisco, infatti, non si nota al momento la stessa riduzione di interesse che ha colpito altre manifestazioni.

Tra i dati citati e più significativi c’€™è quello degli espositori. Secondo IDG Expo c’€™è stata una riduzione di prenotazioni rispetto allo scorso anno, ma il calo (intorno al 15%) è essenzialmente dovuto alle incorporazioni e alle fusioni che ha ridotto il numero dei protagonisti del settore che suscita poca preoccupazione per il fatto che i più grandi tra gli espositori hanno deciso di prenotare spazi superiori lasciando inalterata la superficie destinata alla fiera.

Secondo quanto afferma il management è significativa soprattutto la presenza di nuovi protagonisti che si occupano di applicazioni professionali in campo IT cui è stata riservato un ‘€œpercorso’€, con conferenze e spazi appositi, all’€™interno della fiera. Tra coloro che appariranno alla rassegna c’€™è anche Oracle che potrebbe annunciare il supporto per la sua piattaforma Oracle Database 10G.

Grazie a queste nuove presenze il Macworld nonostante un fisiologico calo di espositori e una sensibile riduzione rispetto agli anni a cavallo del 2000, è ben distante dal vero e proprio crollo di altre manifestazioni, quale il Comdex di Las Vegas che rispetto allo stesso periodo ha ridotto pubblico ed espositori ad un quarto.

E che sia il mondo Apple, con tutte le sue particolarità , a sostenere la rassegna, lo dimostra il cauto ottimismo con cui IDG Expo, nonostante tutto, guarda alla fiera della prossima estate del 2004. La rassegna si terrà  a Boston, nel nuovissimo centro congressi della città  del Massachusetts, ed IDG Expo crede che avrà  interesse e partecipazione anche se nessuno si illude che possa avere lo stesso pubblico che aveva la manifestazione del Javits.

Contribuirà  a ridurre la presenza il fatto che, dopo lo spostamento da New York e l’€™esperimento della rassegna dedicata alla creatività  dello scorso luglio, sarà  molto probabilmente il primo MacExpo senza la presenza di Apple, ma anche le strategie di Cupertino che, Macworld di gennaio a parte che resta un indispensabile evento mediatico, e quasi rituale per il pubblico Mac, tendono a defocalizzare l’€™attenzione del pubblico dai grandi eventi per acquistare flessibilità  nell’€™introduzione dei prodotti. Non limitando gli annunci nel contesto delle fiere diviene più facile rispondere alle esigenze del mercato e presentare quello che esso chiede senza anticiparne o ritardarne l’€™introduzione solo per soddisfare l’€™attesa di media e pubblico.

Offerte Speciali

Minimo storico per MacBook Air M1 256 GB: 1037,00 €

MacBook Air M1 256 GB nei colori argento e oro torna al minimo storico: 977 euro

Il portatile più ricercato della nuova ondata di Mac in offerta con uno sconto che lo porta per la prima volta a 977 euro
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,767FansMi piace
90,957FollowerSegui