fbpx
Home News Le novita' dello Smau 2000.

Le novita’ dello Smau 2000.

Chi non e’ mai stato alla Fiera di Milano in occasione dello Smau difficilmente puo’ intuire il livello di caos che regna incontrastato da anni in quella che dovrebbe essere la seconda fiera continentale del mondo dell’informatica, tecnologia, comunicazione, etc.

Stand trasformati in sale concerti dove il watt regna sovrano (con immensa “gioia” dei vicini che non riescono a comunicare con gli avventori, ivi compresa Apple Italia, ospite della sua agenzia, Business Press, che ha pensato bene di organizzare una conferenza stampa a fianco delle cubiste della discoteca FujiFilm); altri popolati da quattrordicenni “bigiatori” (anche nelle giornate riservate ai professionisti) con zaini stapieni di qualunque gadget; in altri ancora la migliore (se non l’unica) motivazione per soffermarsi sono le standiste piu’ o meno vestite (aziende poco interessanti = standiste semi nude, aziende interessanti = standiste coi cappotti).

Quest’anno, poi, entrare nel padiglione 8 (dove gli ultimi anni Apple e/o i suoi prodottori/distributori terze parti esponevano gloriosi prodotti “think different” alla faccia di tutti gli altri padiglioni) faceva gelare il sangue nelle vene la sensazione di non trovare un solo Mac, al massimo stand di rappresentanza di ditte coreane o taiwanesi che avevano da mostrare solo i cataloghi fotocopiati… una tristezza cosmica.

Apple Italia, come anche ribadito nella conferenza di oggi, intende “obbedire” amaramente (ma questa e’ una nostra modesta supposizione) a Steve Jobs e quindi partecipera’ solo ad operazioni di co-marketing, infatti a questo Smau Apple si ritaglia dei piccolissimi angoli dove esporre le sue ultime macchine (in particolare presso Adobe e Canon).

Difficile giudicare se sia una scelta opportuna o meno, da un punto di vista non avere visibilita’ nella maggiore manifestazione italiana puo’ far dimenticare al pubblico che esiste (incredibile ma vero) un mondo diverso da quello Wintel, d’altro canto mischiarsi in questa marmaglia di “qualunque cosa” tranne che computer e tecnologia e’ un involontario scollamento per mantenersi in un campo piu’ serio e professionale.

Perche’ dunque andare allo Smau?

Potenzialmente la risposta potrebbe essere “non andiamoci”.

In fiera sono presenti alcuni dei distributori di hardware e software che coinvolgono anche la piattaforma Mac, vediamo quali novita’ hanno portato:

Silene, sotto le insegne del nuovo marchio dedicato “eMotion”, ha un banco dove ci si limita a vendere i vari modelli di Palm oltre che raccogliere i dati di chi chiede informazioni.

Iceberg, presenta il Tri-Media Reader, un lettore di floppy disk, SmartMedia e CompactFlash via USB in un unico gradevole prodotto da 299.000 lire. Da Sonnet, ci sono le schede pci Tango (2 porte FireWire e due USB) e Tempo Ultra Ata 66. Per i vecchi 7200 e 8200 puo’ essere utile la Crescendo G3 @ 400 MHz a 1 milione e 413mila lire. Le famose batterie “gialle” per portatili (coprono tutti i modelli di Apple) di Battery Technology – BTI sono finalmente distribuite anche in Italia. Tutti i tagli di Ram, ivi compreso l’1 Gb 133 MHz a 168 pin e 3,3 volts.

Turnover, fa esordire in Italia l’interessante Mimio con un prezzo di listino di 1 milione e 857 mila lire + IVA. Da Irez due modelli di microscopio USB, il primo da 790.000 lire + IVA e un secondo (con facili diverse) che al pubblico costa 2 milioni e 362.000 lire + IVA. Un TA ISDN con USB da Draytek, molto piccolo, il Mini Vigor 128, che costa 116.000 lire + IVA. Marchiato Freecom, un hard disc da 20 Gb esterno con connessioni FireWire (e iLink, ovvero la FireWire base che non alimenta la periferica) a 590.000 + IVA. La Radeon di ATI e’ proposta sia nella versione pci che agp all’unico prezzo di lire 560.000 + IVA. Un piccolo e un piccolissimo mouse ottico (con gusci colorati intercambiabili, cinque) di Macally, rispettivamente l’iOptiNet e iOpti Jr, il primo a lire 130.000 + IVA e il secondo a 118.000 + IVA.

Se avremo la fortuna di trovare altri distributori vi racconteremo delle novita’ che avranno portato allo Smau.

Offerte Speciali

MacBook Pro 16 su Amazon scontato di 213€ e in pronta consegna

MacBook Pro 16 su Amazon in sconto fino a 390 euro

Continuano gli affari su Amazon per chi desidera un MacBook Pro da 16". La versione da 512 Gb costa solo 2430 euro, quella da 1 TB costa 2911 €
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,401FansMi piace
95,094FollowerSegui