Asantè FriendlyNet Cable DSL Router serie 3000
di Settimio Perlini
01-04-2002

Condividere una connessione veloce

Con la diffusione crescente delle connessioni veloci come ADSL e la presenza in casa o in ufficio di diversi computer collegati via cavo o con possibilita' wireless il Router diventa un elemento fondamentale per la distribuzione dell'accesso ad Internet.

Esistono soluzioni software economiche ma necessitano ovviamente del lavoro di una macchina che compie il lavoro di "routing" e la presenza di una seconda scheda di rete o di un collegamento o al modem standard interno o ad un modem ADSL su USB.
Se avete gia' un abbonamento ADSL con un modem Ethernet in comodato e volete condividere la connessione con più CPU l'acquisto di un Router potrebbe essere la soluzione piu' adatta.

Asantè produce diversi modelli per tutte le esigenze e quello in esame e' il top della gamma attuale: aggiunge alla normale funzione di router via cavo anche quello di router Wireless e di Print Server: molte delle considerazioni che troverete in questa recensione sono valide anche per i modelli piu' semplici che condividono il software di controllo oltre all'estetica generale.

La scelta
La scelta di un router dipende dal numero delle macchine che dovete collegare, dal tipo di collegamento che dovete condividere e dai servizi che volete ottenere.
Un semplice router con collegamento modem o ISDN vi permette di condividere una connessione a 56 o 128K (ISDN) mentre i router Cable/DSL hanno una porta WAN (con velocita' non superiore a 10 Mbit) per il collegamento a connessioni via cavo o ADSL/HDSL.

Se gia' disponete di un Hub o di uno Switch (nella foto di apertura vedete il router "sopra" uno switch sempre di Asantè) potete collegarlo alle porte del Router e aumentare il numero di macchine collegabili fino ad un numero di 253 che e' il massimo gestibile dal server DCHP.

Wireless o non wireless?

Come abbiamo gia' detto Asante produce modelli più economici con normale collegamento via cavo come il 3004 che permette di collegare un Modem ADSL o equivalente a 4 CPU direttamente o ad un numero maggiore utilizzando Hub e Switch e costa circa 200 Euro piu' IVA.
Noi abbiamo voluto provare il modello piu' equipaggiato adatto a piccole reti casalinghe o small business che vogliono anche un collegamento wireless, oppure agli uffici più grandi con gia' la presenza di un hub o uno switch e che in piu' vogliono condividere una stampante Postscript da gestire in rete.

La confezione
Come potete notare dalle foto la dotazione consiste del Router stesso con il suo alimentatore, della scheda PCMCIA Wireless 802.11b (o Airport o WiFi che dir si voglia) che va inserita nell'apposito slot, in due manualetti in inglese semplici e chiari e nei CD Rom con i driver aggiornati e la documentazione in formato elettronico.

Collegamenti Via Cavo
Non abbiamo utilizzato assolutamente i CD di installazione: e' stato sufficiente collegare il router al nostro modem ADSL (un Alcatel SpeedTouch con contratto ADSL Telecom) con un normale cavo ethernet alla porta WAN (da 10 Mbit) e il nostro portatile ad una delle due porte Ethernet (da 10/100) tutto con cavi non incrociati.

A questo punto, seguendo le indicazioni del manualetto abbiamo lanciato il web browser sul Mac e inserendo il numero di IP del router ed una password abbiamo ottenuto accesso al comodo e ben strutturato menu di configurazione.
Le opzioni sono tante ma la configurazione di base e' semplicissima: l'importante e' conoscere bene le caratteristiche del proprio contratto ADSL.
Nel nostro caso, trattandosi di un contratto base con singolo IP da condividere, la scelta era obbligata.
Una volta stabilito il collegamento PPOE dopo l'inserimento di username e password siamo stati in grado da subito di accedere alla rete internet attraverso il router: nel Mac collegato e' sufficiente inserire "connessione via Ethernet" e "utilizza il server DCHP" e il Router si occupera' di collegarsi al provider e distribuire la connessione tra i computer collegati.

Se volete utilizzarlo con un segmento di rete gia' collegata ad un hub o uno switch dovete collegarlo ad una delle due porte Lan del Router attraverso un cavo incrociato.

Ma in questo modo il FriendlyNet servirebbe solo a fare da ponte tra due computer e il modem oppure tra uno switch/hub e la rete e non sarebbe conveniente acquistare un modello di questo prezzo solo per questa funzionalita'.
Veniamo allora ai plus...

Collegamento Wireless.
Inserendo a Router spento la scheda Wireless (una normalissima PCMCIA) e riaccendendolo si dota l'apparecchio di una nuova modalita' di comunicazione e della possibilita' di trasferire e distribuire l'accesso ad ADSL anche a macchine non collegate fisicamente con cavi.

Per il test abbiamo usato lo stesso portatile Mac, questa volta collegandolo senza cavi grazie alla scheda Airport di Apple inserita all'interno.
Ricordiamo che per l'accesso wireless i computer "client" che vogliono sfruttare la tecnologia devono essere tutti dotati o di una scheda PCMCIA o di un adattattore Wireless su USB o su scheda PCI interna.

Inutile dire che il Router e' stato riconosciuto al primo colpo selezionando nel pannello di controllo "Collegamento via Airport" e "utilizza il server DCHP": in questo modo si può viaggiare con una velocita' di oltre 11 MBps, molto superiore a quella di qualsiasi contratto ADSL o HDSL.

Abbiamo ripetuto il test anche con computer Windows portatili dotati di una scheda Digicom Palladio Wireless senza alcun problema: per esagerare abbiamo ripetuto i test inserendo la scheda PCMCIA WiFi di Digicom nel Router senza alcun problema di riconoscimento della scheda stessa e del successivo funzionamento!

Il Print Server
Un altro plus di questo modello di Asante e' la disponibilita' di un connettore di tipo Parallelo per il collegamento di una stampante Postscript: noi avevamo a disposizione la "vecchia" HP LaserJet 5 MP, non dotata di connesione Ethernet ma solo di Apple Talk Seriale e di Parallela.
Collegata con l'apposito cavo al Router abbiamo ridato vita ad una periferica che lavorava ormai sola soletta, trasformandola in un "muletto" per le stampe laser in bianco e nero gestibile da tutti i computer dell'ufficio tramite l'opzione di settaggio di stampanti LPR con proprio numero di IP.
Si tratta' di una comodita' non indifferente sia per piccoli studi sia per uffici in cui si vogliono condividere periferiche postscript magari obsolete perche' non dispongono di scheda di rete o di periferiche come le nuove fotocopiatrici digitali tuttofare (sempre che siano dotate del linguaggio di Adobe) a cui accedere senza fili da tutti i Mac e PC in dotazione

L'interfaccia
Come abbiamo accennato uno dei pregi principali di questo router e' l'interfaccia via Browser (si veda l'immagine a fianco) che mette in grado macchine dotate di qualsiasi sistema operativo di configurarlo a fondo e senza differenze di approccio da parte degli operatori: questo da valore ulteriore al prodotto e alla sua durata visto che potra' essere utilizzato sia in ambito Mac che Windows, che Linux o Unix senza alcun problema.

Protezione dagli intrusi...
Il router dispone di capacita' NAT (network access translation) che viente utilizzato come un firewall e nasconde il numero di IP del Mac collegato "dietro" il router stesso.
La gestione delle porte da "aprire" solo su richiesta e' semplicissima grazie alla comoda interfaccia online che nella modalita' "Advanced" permette di configurare tutte le proprieta' e le aree della rete accessibili dalle singole macchine.
Esiste anche la possibilta' di protezione della rete wireless con protocollol WEP ma solo a 40 bit.
Nel caso del wireless valgono comunque tutte le raccomandazioni di prudenza che vi abbiamo piu' volte illustrato nella pagina di MacProf dedicata ad Airport/WiFi.

Pro: Facile da installare e configurare, interfaccia web universale e gradevolissima. NAT incluso.
Estetica gradevolissima e integrabile con gli altri prodotti di rete della famiglia Asantè.

Contro: Avremo gradito la disponibilita' anche nel nostro paese di un modello base da aggiornare a wireless in seguito. Assente qualsiasi cavo di collegamento Ethernet.

Costo: dai rilevamenti effettuati su Internet abbiamo l'indicazione di 472,00 Euro Iva compresa che rappresentano un prezzo accessibilissimo per un dispositivo di questa dotazione e facilita' d'uso.
Se non vi interessa collegarvi senza fili rivolgetevi ai modelli piu' economici che dispongono oltretutto di un maggior numero di porte LAN e possono gestire con comodita' piccole reti di 4 computer senza ulteriori dispositivi come hub e switch.

La distribuzione in Italia è di Turnover.