Non Buttare il Vecchio Mac!

Avete acquistato un iMac nuovo fiammante, un G3, un G4, un Powerbook Lombard, un iBook e solo adesso vi accorgete che avete una quantità enorme di periferiche che non volete cambiare, vendere, permutare...
Cosa Fare?

Probabilmente avete ancora il vostro "vecchio" Mac da cui non riuscite a separarvi o un modello meno recente collegato in rete...
Non buttatelo nell'armadio!

Un Mac, anche se vecchiotto può sempre esservi utile...
Sapete gia' che iMac, iBook e G3/G4 non hanno di base il floppy, la SCSI e la seriale... tutte porte che trovate sulle vecchie serie...
Sui nuovi Mac trovate sempre e comunque una utilissima porta: quella Ethernet (10/100) che permette di collegarli in rete con i vecchi modelli sempre che questi siano dotati di tale interfaccia.

Chiaramente la porta serve anche a collegarsi a modem ad alta velocità (T1-ADSL... ma di questo parleremo nelle prossime settimane)

COLLEGARSI IN RETE
Se il vostro Mac non è delle serie LC o Performa siete fortunati... anche i modelli con 68040 (a partire dal Quadra 700) avevano di serie una porta AAUI (un standard di connessione Apple) che con un semplice adattatore (uno scatolotto chiamato Transceiver dal costo non superiore alle 60.000) puo' essere collegata con un cavo RJ45 alla presa di cui sono dotati in nuovi Mac.
Comunque se avete un modello senza interfaccia di rete (come la serie LC, la serie Performa..., i 6400/6500/5400/5500) a bordo potete sempre aggiungerla (magari su un COMM slot) con una spesa che si aggira sulle 100-120.000 L. per una scheda a 10 Mbit e qualcosa in piu' per una interfaccia 10/100.

Se le macchine sono già in rete non avete problemi.. normalmente vengono connesse ad un Hub ethernet con appositi cavi RJ45 ma se avete soltanto il vecchio e il nuovo Mac potrebbe essere utile effettuare una connessione diretta tramite un cavo Ethernet "Crossover" (per reperirlo rivolgetevi al vostro rivenditore specificando che dovete collegare direttamente due sole macchine)

A questo punto basterà settare in AppleTalk le comunicazioni attraverso Ethernet invece che attraverso la porta stampante, avviare la condivisione attraverso i comandi automatici del menu mela e selezionare nella scelta risorse, cliccando sull'icona AppleShare l'altra macchina collegata.

In questo modo potrete utilizzare la vecchia macchina per effettuare scansioni, salvare dati sullo zip o Jaz SCSI, salvare su floppy (dopo il passaggio dei file sull'hard disk della macchina collegata) e infine stampare con la vecchia laser dotata di interfaccia seriale.

Quest'ultima operazione per molti può sembrare a prima vista impossibile visto che se si attiva la stampa attraverso la porta Seriale/Modem la connessione Appletalk deve passare da Ethernet a Seriale e sembra quindi impossibile stampare direttamente da un computer a cui non sia fisicamente collegata la stampante se non attraverso un noioso trasferimento di file.

IL PONTE PER LA STAMPA
Per ovviare a questo inconveniente esiste da qualche tempo un software freeware di Apple, LocalTalk Bridge 2.1 non supportato dalla casa della mela ma pienamente compatibile con MacOS 8.6 e con stampanti Apple e HP (le piu' diffuse).

Installando il software (nel pannello di controllo) nella macchina a cui e' collegata la stampante (alla porta seriale) questo vi permetterà di vedere la stampante nella scelta risorse selezionando il driver laserwriter (ma non solo... lo vedremo piu' avanti) nella macchina a cui la stampante non e' collegata rimanendo sempre nella connessione AppleTalk via ethernet.

Occorre pero' leggere attentamente le istruzioni perche' il programma se attivato in malo modo può fare andare in crash il Mac.

- Per prima cosa bisogna installare il software con l'apposita applicazione.
- Poi e' necessario riavviare il Mac...
- andare nel pannello di controllo LocalTalk bridge e disattivarlo.
- Ora e' necessario selezionare su AppleTalk la porta a cui e' collegata la stampante e poi andare in Scelta Risorse per attivarla.
- A questo punto si puo' ritornare su AppleTalk per selezionare il collegamento Ethernet, quindi nel pannello di controllo LocalTalk Bridge e riattivarlo.
- Un ultimo riavvio vi farà trovare nella condizione di avere AppleTalk su Ethernet attiva, la stampante collegata alla seriale selezionabile sulla scelta risorse senza switchare sulle altre porte e questo anche sulla macchina a cui la stampante non e' collegata.

IL PONTE CON TUTTO IL RESTO
Ma LocalTalk Bridge é utile anche per collegare macchine (anche i vecchi Plus) che non dispongono di Ethernet con lo stesso principio visto sopra per le stampanti. E di queste macchine, anche se con notevoli limitazioni di velocità si potrà approfittare per sfruttarne le capacità in rete...

Spesso negli studi o nelle imprese si hanno vecchie reti Apple Talk che collegano macchine obsolete ma ancora efficienti, utilizzate per la gestione del mailing, come word processor, come gestori di magazzino... se non si vuole gettare l'investimento fatto in questo tipo di rete e si pensa che le macchine siano ancora funzionali é sufficiente inserire una interfaccia ethernet in una di quelle piu' recenti (se già non ne dispongono o non necessitano di un semplice transceiver).

In questo modo, grazie a Local Talk Bridge potrete affiancare la vecchia lenta rete Apple Talk alla nuova e più efficiente Ethernet senza dover cambiare tutto il vostro parco macchine e mantenendo in comunicazione vecchie e nuove macchine.

COME FACCIO AD USARE LA VECCHIA STAMPANTE SERIALE SE HO DUE MACCHINE NUOVISSIME SENZA SERIALE?
Prima di gettare la vecchia stampante seriale é il caso di verificare se sia possibile inserire una interfaccia o un adattore sul nuovo Mac.
Nel caso di G3 e G4 ci vengono incontro gPort di Griffin (distribuito da Turnover) e Stealth di GeeThree (distribuito in italia da Attiva - sponsor) che permettono di inserire nello slot predisposto per il modem una normale interfaccia seriale compatibile con Localtalk (e tutti gli altri dispositivi seriali)
Per iMac esiste iPort di Griffin che ha le stesse funzionalità e in piu aggiunge una porta video ma funziona solo con iMac revisione A e B... oppure dovete attendere la versione iMac di Stealth che arriverà presto anche nel nostro paese.
Attenzione pero' nel caso che le macchine (come i nuovi G4 e gli iMac) siano già dotate di modem, dovrete sostituirlo con la seriale.

TUTTO QUELLO CHE POTETE FARE CON IL VECCHIO MAC COLLEGATO IN RETE
Ovviamente il vecchio Mac non vi sarà utile solo per mantenere collegata la vecchia stampante... potrete utilizzarlo come...
- lettore di floppy esterno
- come macchina per effettuare scansioni (cosi' da non tenere impegnata la macchina principale)
- come macchina per inviare e ricevere fax (magari collegata al vecchio fax Modem 14400 collegato alla linea telefonica in parallelo al vostro iMac con modem)
- come connessione SCSI per Zip e Jaz
- come macchina per masterizzare (se poi dispone di un hard disk sugli 800 Mega avete un masterizzatore automatico di lusso) senza tener ferma la vostra macchina piu' potente.
- come server per una bbs casalinga
- come cpu per sperimentare con Linux (esiste anche per 680XX!)

Ovviamente la vecchia macchina richiederà un monitor ma e' sufficiente collegare quel vecchio monitor che avete in cantina o che svendono nel negozio a fianco perche' non ha la protezione dalle radiazioni...che importa? Non passerete davanti al vecchio mac che qualche minuto o secondo per accenderlo o per avviare le applicazioni che vi abbiamo descritto qui sopra...

E se un vecchio Mac non lo avete, provate a cercarlo sul mercato dell'usato: ci sono ottime occasioni di mac abbandonati al loro destino da ignari utenti che sapevano quale tesoro si nascondesse dietro quell'involucro di plastica...

I modelli piu' interessanti? Tra i piu' vecchi ed economici la serie Quadra (non il modello 630) con processore 68040 che aveva Ethernet già di serie e necessita solo del transceiver...

(La serie Quadra 700 puo' essere anche utilizzata come comodo player di presentazioni in TV... lo vedremo prossimamente...)

Settimio Perlini

Volete raccontare la vostra esperienza di un uso alternativo del vecchio Mac?
A vete commenti, suggerimenti consigli sull'argomento? Scrivete a MacProf