Eskape Labs MyTV:
Il sintonizzatore USB per il vostro Mac

di Settimio Perlini
04-11-2002 - revisione 08-12-2003

mytvfuoriok Ecco come si presenta il sintonizzatore/convertitore: abbastanza compatto e ben dotato di ingressi.
Il case trasparente lascia intravedere il sintonizzatore interno.
mytvprese Tutto quello che potete collegare: da in alto a sinistra e in senso orario: presa antenna, connettore USB che va al computer e non necessita di alimentazione, cavo videocomposito, cavo SuperVideo, ingresso audio e uscita audio per il bypass del sistema.
mytvdentro Ed ecco l'ordinatissimo interno in cui spicca a destra il gruppo sintonizzatore. Peccato non sia dotato di Televideo.
chip64 Ed ecco il "cervello" (o forse dovremmo dire il "motore"? )del MyTv è il chip di Zoran che si occupa della codifica in MJPEG e permette un flusso costante di dati di buona qualità verso la porta USB.

Abbiamo voluto provare di nuovo il sintonizzatore TV con ingresso videoComposito e SuperVideo di Eskape labs per poter sfruttare il nuovo software sviluppato dal produttore e realizzare un confronto di prestazioni con l'altro sintonizzatore-registratore di El Gato giเ visto nella prima puntata del nostro speciale sulla TV nel Mac.

Grazie all'aggiornamento del firmware e al software per Mac OS X MyTV ่ molto migliorata per facilitเ d'uso e, se utilizzata con macchine abbastanza potenti (processori da 700 Mhz e superiori) ่ in grado di fornire ottimi risultati.

La confezione
La scatola contiene la MyTV (un quadrato di ridotta altezza e dal lato di una dozzina di centimetri), una cavo USB, un cavo audio stereo mimijack-minijack un cavo audio stereo minijack-rca un cavo video RCA-RCA e 2 CD di istallazione.
Il Mytv ha un'entrata USB, l'entrata per l'antenna TV, entrata microfono, uscita audio (minijack) e un entrata videocomposito e SuperVideo.
Il collegamento e' piuttosto facile, basta collegare MyTV ad una presa USB del Mac.

Installazione
Nella nostra recensione pi๙ "recente" abbiamo provato il dispositivo con l'ultima versione del software scaricata da Internet che ่ esattamente quelle che troverete nella confezione in commercio. Con un Titanium da 1 Ghz (ma anche con macchine che seguono la raccomandazione di 700 e + MHz il funzionamento ่ fluidissimo) Vediamo a fondo pagina le schermate del software che qui sotto descriviamo.

Di tab in tab
Le preferenze dell'applicazione sono organizzate con comodi Tab.

Con il primo e' possibile regolare la sorgente (PAL-NTSC-SECAM) e le regolazioni di contrasto e luminosità.

Aprendo il secondo tab si evidenzia il fatto, peraltro dichiarato dal produttore e da noi segnalato in fase di prima analisi del prodotto, che l'Audio non passa attraverso la porta USB ma necessita di un ingresso sul computer oppure di altoparlanti amplificati esterni.

MyTv ha perciò un'uscita apposita audio che puo' essere instradata a delle casse esterne, a un amplificatore o rimandata al mac attraverso l'entrata microfono/linea.
Nel caso il Mac utilizzato (come tutti i modelli iBook non abbia questo ingress Eskape consiglia l'uso di un convertitore Audio-USB come iMic di Griffin o l'iVoice II di Macally o uno analogo di altra marca.
Per i Mac che non hanno alcuna entrata per il microfono ่ possibile sfruttare l'audio anche attraverso cuffie o delle casse esterne

Il secondo tab si limita quindi a darci la possibilita' di definire la sorgente da cui eventualmente prendere l'audio.

Altri sintonizzatori provati da noi come quello esterno SmarTV di Magnex (uno sinto/scaler che si interpone tra Mac e monitor) o quello USB di Lifeview testato da Macprof qualche anno fa ma non piu' in commercio avevano tutti un altoparlante interno.
EyeTV di Elgato fa passare l'audio attraverso USB ma non dispone anch'esso di uno speaker interno.

Nel terzo tab troviamo il sintonizzatore TV.
Estremamente veloce, ci permette di fare uno scan sui canali disponibili e di regolarne eventualmente la sintonia fine. Non e' possibile memorizzare i programmi o riordinarli ma è possibile indicare quali frequenze saltare e quali no.
In pratica passeremo da un canale all'altro in sequenza, usando le frecce della tastiera, senza possibilita' di definirne l'ordine.
L'ultimo tab serve per registrare spezzoni di filmato. I filmati sono a 384x288 per 25f/s pesano circa 30MB al minuto, sono di buona qualita' e c'è la possibilità di convertire il filmato in automatico alla fine della registrazione nei tanti formati che QuickTime (meglio se in versione PRO) mette a disposizione.

immagine2 immagine3 immagine5
ˆ Il pannello di controllo che permette la selezione delle funzioni
ˆ La sintonizzazione richiede l'impostazione del paese dove si effettua la ricezione
ˆ Ma anche del dispositivo di ingresso. Se avete un iBook, in TI della prima ora o Desktop senza ingresso audio dovete procurarvi una interfaccia USB o degli speaker esterni
immagine4 immagine7 immagine9
ˆ Qui vediamo la fase di sintonizzazione, peraltro molto rapida e precisa.
ˆ Ecco un canale appena sintonizzato: si noti nel panello in alto l'antenna selezionata e ingresso S-Video e videocomposito deselezionati
ˆ Uno sguardo approfondito alle preferenze ci permette di valutare tutte le possibilita' del nuovo software come la scelta dell'aspetto dello schermo anche su monitor "wide".
immagine10 immagine11 immagine12
ˆ Qui vediamo la possibilità di scelta dell'ingresso audio.
Nel caso il vostro Mac non ne fosse dotato dovete installare una interfaccia audio (USB o interna-PCI) oppure usare degli speaker esterni.

ˆ La registrazione avviene o direttamente senza compressione oppure scegliendo uno dei codec propri di Quicktime (semplice o Pro). Potete utilizzare anche il Dvix alla fine dell'acquisizione.
ˆ Ecco qui un esempio di settaggio per la registrazione con la scelta di Mpeg 4 e la preparazione eventuale del file per lo streaming
immagine13 immagine14 immagine15
ˆ E' possibile anche catturare singoli fotogrammi e salvarli in una cartella ad hoc. Si tratta sempre di formato mezzo pal, di qualità ma sempre piccolo formato.
ˆ E' possibile intervenire sulle caratteristiche di luminosità, contrasto, tonalità e saturazione sul segnale in ingresso dall'antenna.
ˆ Qui vediamo la comodissima gestione dei canali che possono essere o no attivati.
immagine18 immagine19 immagine20
ˆ Ovviamente possiamo rinominarli e agire, uno per uno sia sui parametri di visualizzazione che sulla sintonia fine.
ˆ Qui vediamo il programma mentre sta registrando: c'e' la possibilità anche di prefissare una durata massima in caso di poco spazio a disposizione.
ˆ Si possono acquisire anche singoli fotogrammi da registrare nel formato preferito

La qualita' televisiva e' buona, la scheda genera un segnale a 384x288 fluido a 25f/s non ci sono praticamente mai delle perdite di fluidita' guardando la tv col Titanium, e' possibile lavorare tenendo la finestra della TV aperta senza rallentamenti.
E' possibile anche mettere il filmato a pieno schermo, la qualita' resta abbastanza buona, i pixel non si vedono, l'immagine appare solo leggermente sfuocata da vicino; guardando la TV a un metro, il minimo per un "televisore da 15" quale il il TI, e' praticamente perfetta.

Un videoregistratore digitale o quasi
Per quanto riguarda l'utilizzazione come "registratore digitale": non siamo ai livelli di DVD/HD ma il prodotto di Eskape fa onestamente il suo lavoro e grazie alla compressione Mjpeg permette di registrare trasmissioni televisive con una relativamente bassa occupazione dello spazio su disco: abbiamo fatto dei test di acquisizione di una intervista da telecamera analogica della durata di 35 minuti e ce la siamo cavata con un file audio video da 1,2 GB di spazio su disco poi ridotto a 88 MB grazie alla compressione MPeg4 di QuickTime 6.
Lo stesso filmato e' stato codificato con Toast in Mpeg1 per la realizzazione di un VideoCD occupando ovviamente oltre 300 Mb ma risultando di medio/buona qualita' in visione sul DVD player casalingo.
Il risultato e' ovviamente influenzato dalla qualità del segnale originale e dalla doppia compressione (mJpeg prima e MPEg1 poi) ma è accettabile se non avete eccessive pretese.

L'acquisizione di filmati per uso didattico, per la realizzazione di prodotti multimediali che sfruttino la risoluzione mezzo Pal e' pienamente soddisfacente.Concludendo: il comportamento di MyTv è piuttosto buono, il compressore MJPEG, grazie al chip di Zoran fa bene il suo lavoro offrendo un'ottima qualita' video nonostante i limiti di USB.
Consigliato a chi ha un Mac dotato di sole porte USB. Per coloro che vogliono un prodotto Firewire (ma di spesa superiore e qualità video in Pal pieno possiamo consigliare il Formac Studio recensito qui

Pro:
Si alimenta direttamente dal portatile, qualita' di registrazione a livello VideoCD e poco spazio occupato su disco. Fluidita' e buona qualità dell'immagine con processori G3 o G4 da 700 Mhz o superiori.
Il Software su Mac OS X è finalmente all'altezza di quello un tempo disponibile per Mac OS 9.
Ottima dotazione di cavi.

Contro:
La scelta dell'audio separato puo' creare qualche complicazione e comportare una ulteriore spesa se volete acquisirlo per le vostre registrazioni e non avete il Mac predisposto. La realizzazione di VideoCD richiede un ulteriore passaggio di codifica.

Costo al pubblico 166,85 euro + IVA.

Distribuzione: ADL


Trovate altri articoli su Mac e TV, TV nel Mac nell'apposita sezione sezione di ilmioMac
Trovate una guida ai sistemi di acquisizione audio/video analogico e digitale su Mac in questa pagina di ilmioMac.

nei prossimi giorni effettueremo un test a confronto della qualità di registrazione dei vari modelli dello speciale Mac in TV.