Smart Disk VST Firefly: 5 Gigabyte nel taschino
di Settimio Perlini
14-02-2002

Una delle meraviglie tecnologiche che hanno reso possibile la nascita di iPod e'la commercializzazione da parte di Toshiba di un hard disk da 1,8 Pollici dal limitato spessore in grado di essere montato in chassis dalle dimensioni lillipuziane.

Il primo prodotto di largo consumo ed alta tecnologia a farne uso e' sicuramente il player MP3/Hard disk di Apple, ma anche VST/SmartDisk, da sempre impegnata nella realizzazione di periferiche per Mac e tra le prime a realizzare Hard disk esterni Firewire, ha pensato bene di offrire il suo FireFly a chi necessita di trasportare i dati letteralmente nel taschino.

La Confezione
Nella colorata scatola in cartone troviamo: il Firefly vero e proprio, un Cavo FireWire (IEEE 1394) 6 poli-6 poli, una custodia per il trasporto morbida, una scheda QuickStart in inglese e le istruzioni in formato PDF sul CD anche nella nostra lingua: molto dettagliate ed esaurienti, inoltre il CD di installazione contiene i driver firewire e due applicazioni: Smart Disk Tools e Copy Agent.

Lo spessore e' veramente ridotto grazie alla meccanica Toshiba da 1,8" e la parte elettronica posta in linea sul retro
Qui troviamo il connettore Firewire che oltre al trasporto dei dati fornisce anche l'alimentazione
Una volta collegato le icone di SmartDisk e quella di Firewire indicano rispettivamente l'alimentazione
e il passaggio dei dati
Eccolo a confronto dimensionale con il fratellone iPod: condividono la stessa meccanica di Hard disk ma funzionalita' e dimensioni sono diverse
Lo spessore di FlyFly e' praticamente un terzo di quello di iPod e la forma curva lo fa sembrare ancora piu' "snello"
Stessa cosa per il fianco: la rastrematura finale e la parte centrale per la "presa" rendono la periferica di SmartDisk un oggetto dal design intrigante e dall'ottima finitura.
 
 

Il software
La prima utility e' SmartDisk Tools per Macintosh usata per preparare tutte le unità
disco rigido SmartDisk FireWire e le periferiche di memorizzazione.

Le utility vengono usate per formattare e partizionare: e' possibile formattare per DOS o Macintosh e testare la periferica FireWire in dotazione oltre ad aggiungere un'estensione (driver) che consente al computer di rilevare ed usare periferiche FireWire.

L'altra applicazione e' un backup automatico per Mac, CopyAgent che automatizza le procedure di backup e consente pertanto di copiare lavori sul momento o di programmare backup automatici e senza supervisione.

Per quanto riguarda i driver: alcune precauzioni sono necessarie nel caso utilizziate Windows 98SE che non supporta completamente lo scollegamento a caldo per cui occorre installare l'ultima versione dei driver software FireWire (1394) dal sito Microsoft.

Il design e il funzionamento
Dalla lunga serie di foto che pubblichiamo qui a destra potete rendervi conto delle ridottissime dimensioni complessive e del design piacevole dell'oggetto: la superficie dall'aspetto metallico satinanato si abbina benissimo all'estetica del Titanium e dei PowerMac desktop e le aperture sul frontale forniscono un look "aggressivo" all'oggetto evitando surriscaldamenti.
L'unica presa che si puo' trovare e' quella firewire da 6 poli che permette sia il passaggio dei dati che l'alimentazione, una volta collegato l'icona di Smart Disk si illumina di un bell'azzurro e quella di Firewire lampeggia d'arancio al momento del passaggio dei dati.
Grazie alla meccanica Toshiba e all'assenza di ventole la rumorisita' e' pressoche' nulla e bisogna avvicinare il firefly all'orecchio per poter sentire il lievissimo rumore di rotazione.

Al lavoro
Qual'e' l'utilizzazione ideale per Firefly?
Abbiamo potuto sfruttarlo per piu' di un mese e in questo periodo e' diventato un compagno fedele del nostro taschino!
Per quanto riguarda la compatibilita' con i vari sistemi: con il Mac non abbiamo avuto alcun problema... Mac OS 8.6, 9.1, 9.2.2 e Mac OS X 1.1.2 e 1.1.3 riconoscono la periferica al volo senza alcuna formattazione e, con la sola preoccupazione di espellerla (trascinandola sul cestino), ne permettono la rimozione a Mac e Hard disk acceso.
A disco pieno a meta' abbiamo verificato una velocita' media di trasferimento non inferiore ai 10 MB/sec piu' che sufficiente per registrare e riprodurre Video DV senza perdita di frame.


Questo ci ha permesso di utilizzare FireFly sia come disco per l'acquisizione di video in combinazione a computer desktop con doppia presa Firewire o portatili dotati di Hub ma anche di far girare dei progetti di iDVD2 direttamente dall'hard disk esterno con grande stupore dei nostri spettatori.
Le ridotte dimensioni lo rendono ideale per chi deve avere la massima riservatezza su archivi di notevole peso: poco piu' spesso di un portafoglio, puo' davvero contenere un portfolio di dati, immagini e filmati, puo' essere un backup ultraleggero per chi gira con il portatile o per chi vuol viaggiare senza.
L'alimentazione attraverso firewire puo' essere un problema solo con i portatili che non hanno l'interfaccia gia' a bordo e non possono rispondere alle caratteristiche di assorbimento della periferica (le trovate in fondo alla recensione).


Requisiti di sistema:
Per gli utenti di Mac OS
Qualsiasi computer Macintosh con porta FireWire integrata o un Power Macintosh G3 con adattatore PCI FireWire a 6 contatti.
- Da Mac OS 8.6 a 9.x, Mac OS X 10.1 o versioni successive.
- Un'unità CD-ROM per installare il software.

Per gli utenti di PC
- Un PC compatibile con Windows con integrata una porta FireWire a 6 contatti o un adattatore PCI FireWire a 6 contatti.
- Windows 98SE/Me/2000/XP.
- Un'unità CD-ROM per installare il software.

Prestazioni dichiarate:
Capacità 5 Gigabyte - Velocità di rotazione 4200 giri al minuto
Tempo di latenza (media) 7,1 ms - Tempo di ricerca (medio) 15 ms
Velocità di trasferimento dati: (massima) 20 MB/sec - (media) 12 MB/sec
Dimensioni in mm: 62,22 x 102,86 x 12,85 mm - Peso: 110 g
Alimentazione bus FireWire da +8 a 33 V c.c. di alimentazione con assorbimento di 1,5 Watt e in attesa 0,5 Watt

Conclusioni
Se non ci interessa dotarci di un lettore MP3 da viaggio ma desideriamo avere tutta la comodita' di un hard disk di dimensioni lillipuziane, che permetta la massima riservatezza, silenziosita' e comodita' d'uso e di trasporto il FireFly e' la soluzione ideale.
Il prezzo d'acquisto, relativamente alto, paga il costo base dell'hard disk interno (fino a 4 mesi fa il costo della sola meccanica era superiore al prezzo attuale dell'intero Firefly) ma c'e' chi e' disposto a sacrificare la maggior capacita' di un disco da 2,5 pollici al minor peso e ingombro di Firefly e al fatto di possedere un gadget utile e comodo allo stesso tempo.
Se poi lo confrontiamo con i dispositivi di memorizzazione USB di dimensioni ancora piu' ridotte ma con ingenti quantita' di Flash Ram o le soluzioni ibride con Microdrive possiamo accorgergerci che il rapporto Prezzo/MegaByte e' sicuramente a tutto vantaggio di Firefly.

Pro
- Veloce, realmente plug and play, versatile e dimensioni e peso ridottissimi.
Una sorta di "iPod senza MP3" a prezzo vantaggioso

Contro
- Prezzo relativamente alto se confrontato con meccaniche da 2,5"

Firefly SmartDisk 5Gb viene venduto a
299 Euro + IVA
ed è distribuito in Italia da American Data Line