iLife 04 - Prime impressioni d'uso 1/2
di Rosario Pignatelli

Finalmente, dopo una lunga attesa (in effetti neanche troppo lunga...), siamo riusciti a mettere le mani sulla rinnovata suite della Apple dedicata al mondo digitale.
E' passato un anno dal clamoroso annuncio della prima versione della suite iLife, ma a noi affamati ed insaziabili utenti della Mela è sembrato quasi un secolo...

Ordinato sull'Apple Store il giorno dopo l'annuncio al Macworld Expo di San Francisco 2004 di inizio anno, il pacchetto iLife '04 è stato spedito il giorno 17 gennaio (come prontamente comunicato tramite e-mail dalla stessa Apple) e consegnato tramite corriere espresso TNT il giorno 21 gennaio.

La confezione
Caratterizzata dalla consueta eleganza dei prodotti Apple, la confezione è simile a quella della precedente suite ma adesso i tasselli del puzzle sono aumenti di un numero poichè ai precedenti quattro se ne è aggiunto un altro che costituisce la vera novità del prodotto: si tratta del nuovo GarageBand, una applicazione geniale che permette a tutti di realizzare con estrema facilità colonne sonore originali ed accattivanti con pochi clic del mouse.

L'elegante scatola, nell'impeccabile stile Apple, ed il suo contenuto.

La cosa che subito sorprende in positivo è che ritroviamo la stessa qualità dei prodotti commerciali di costo ben superiore. All'interno della confezione ritroviamo un CD-ROM, per gli utenti sprovvisti di lettore DVD e un DVD-ROM. Ovviamente sul CD manca qualcosa in quanto sono presenti solo gli installer dei pacchetti iTunes, iPhoto e iMovie nelle ultime versioni mentre il DVD include anche gli installer del nuovo iDVD e di GarageBand con le sue librerie di loop sonori. Inoltre sul DVD è presente anche una cartellina di oltre 300 MB contenente dei progetti dimostrativi realizzati proprio con GarageBand, giusto per far capire di che pasta è fatto l'ultimo arrivato della suite iLife '04.

Ma non è finito qui, in quanto sotto i due dischi è presente un bel po' di documentazione cartacea (per la verità molto rara negli ultimi tempi): un foglietto di benvenuto con i requisiti di sistema ed i consigli per l'installazione, un simpatico fascicoletto che riporta le principali caratteristiche di ogni applicazione della suite (non mancano le numerose ed utili illustrazioni), un altro foglietto che pubblicizza alcuni servizi a pagamento della Apple, tre coupon che costituiscono la prova d'acquisto del software e che dovrebbero assicurare i futuri aggiornamenti oltre ad eventuali offerte speciali, ed infine il fascicoletto dedicato al servizio AppleCare in cui, tra l'altro, si assicura agli acquirenti del pacchetto iLife un supporto telefonico gratuito di 90 giorni (ma una nota piccola piccola in fondo alla pagina precisa che "potrebbero esserci costi aggiuntivi per la chiamata"... il n. da chiamare inizia con 199...).

L'installazione
Essendo un fortunato possessore di un recente G4 con doppio processore da 1,25 GHz e doppia unità ottica (sia Combo che SuperDrive), introduco senza indugi il DVD di installazione.

All'avvio l'installer si accorge della presenza di una versione di QuickTime non proprio recente e mi convince ad installare la versione 6.5 e, dopo il fastidioso ma necessario riavvio della macchina, inizia l'installazione vera e propria dei vari programmi della suite. Per la verità mi si consiglia anche di registrare il prodotto, operazione che, nonostante il collegamento ad Internet attivo e funzionante, non va a buon fine con relativo messaggio di errore: "The requested application was not found on this server"...

Terminata l'installazione, seguo alla lettera i consigli riportati nella documentazione elettronica e lancio nell'ordine ben preciso le singole applicazioni (l'ordine esatto per la corretta definizione delle librerie delle applicazioni che spesso sono collegate è la seguente: GarageBand, iTunes, iPhoto, iMovie e iDVD). Tutto bene fino al lancio di iDVD che pare la stessa versione che avevo prima. Infatti è proprio la versione 3... Avvio di nuovo l'installer e, scegliendo l'opzione Ad Hoc, seleziono solo l'installazione di iDVD 4. Poi, per sicurezza, lancio le Utility Disco della Apple e riparo i privilegi di Mac OS X. Quindi ripeto l'operazione di apertura delle singole applicazioni nell'ordine consigliato ed alla fine noto con piacere che il nuovo iDVD 4 in maniera indolore ha preso il posto della precedente versione 3, ricco di nuovi temi personalizzabili.

Per scrupolo personale tento di registrare almeno iDVD 4 selezionando la voce 'Registra' dal menu iDVD ma, nonostante avessi ancora attivo il collegamento ad Internet, Safari riporta l'errore di pagina inesistente...

Le principali novità
Tralasciando per il momento i doverosi approfondimenti, oggetto magari di un prossimo articolo più dettagliato, vediamo assieme le novità che più saltano all'occhio relative a ciascuna applicazione:

Si tratta dell'unico programma che non denota modifiche di rilievo (ma mi piacerebbe essere smentito). Il numero di versione è rimasto invariato (4.2) e non si avverte alcun cambiamento. Tra l'altro sembra che iTunes resti l'unica applicazione della suite liberamente scaricabile dal sito ufficiale della Apple. Per le altre applicazioni o si acquista il pacchetto iLife '04, oppure si acquista un nuovo Macintosh che avrà già preinstallata la suite sul proprio disco rigido.


Con iPhoto, invece, già ci accorgiamo di alcune novità. Innanzitutto, il trasferimento degli scatti dalla fotocamera digitale mi è parso più rapido e, trattandosi di file con risoluzione 2048*1536 la cosa fa molto piacere. Facendo clic sul tab 'modifica' non passa inosservata la comparsa del nuovo comando 'Seppia', subito alla destra del comando 'B & N'. Con tale comando possiamo rapidamente conferire ai nostri scatti un aspetto 'storico', di vecchi ricordi.

   
Gli strumenti di editing di iPhoto col nuovo comando 'Seppia'.


Il tab 'Organizza', invece, si arricchisce dei pulsanti 'Ordina Stampe' ed 'Ordina Raccolta'. Col primo comando scegliamo le foto che più ci piacciono (magari utilizzando la voce 'La mia classifica' dal menu 'Foto' dove possiamo attribuire fino a 5 stelle di preferenza allo scatto selezionato e quindi rivedere le foto secondo la nostra classifica) ed ordinarne la stampa digitale presso laboratori specializzati.

Si tratta di uno dei servizi pubblicizzati nella confezione di iLife '04. Stesso discorso per il comando 'Ordina Raccolta' grazie a cui possiamo ordinare la stampa digitale dei nostri scatti che ci saranno restituiti in accattivanti album fotografici.

Ovviamente starà a noi organizzare al meglio i nostri scatti creando un nuovo Album e, utilizzando il tab 'Raccolta', sfruttare i numerosi temi disponibili per organizzare gli scatti in maniera interessante ed originale, magari corredati da simpatiche didascalie descrittive. Questi servizi della Apple richiedono una registrazione su Internet e un proprio ID e relativa Password. Resta da verificare l'effettiva attivazione di questi servizi anche in Europa perchè fino ad ora disponibili solo in USA e Giappone.

Altro elemento di sicuro interesse, poi, è la possibiltà di aggiungere una colonna sonora prelevandola direttamente dalla libreria di iTunes: basta tornare al tab 'Organizza' e selezionare il pulsante 'Presentazione' che aprirà la finestra omonima in cui scegliere dal pulsante 'Musica' l'opzione 'Libreria'. Già che ci siamo, dalla stessa finestra facendo clic sul pulsante 'Impostazioni' potremo scegliere nuove dissolvenze accattivanti ereditate probabilmente dal software di presentazione Keynote.

Una volta creato il nostro capolavoro di presentazione di foto possiamo anche fare clic sul pulsante iDVD per aggiungerla al nostro progetto video da masterizzare su DVD.

La finestra delle preferenze relative alle nostre presentazioni

Continua con iMovie 4, iDVD 4 e GarageBand... >>> su questa pagina