Move2Mac: per switchare da PC a Mac
di Marco Centofanti
28-11-2002


La strategia dello "switch" e viene portata avanti da Apple ormai da molti mesi, e recentemente è stata vista anche in Italia, anche se solo parzialmente (i personaggi sono, per ora, solo di lingua anglosassone) e con una campagna basata solo su internet.
In questa ottica si reclamizza il passaggio dell'utente da un sistema PC a uno Mac come soluzione semplicissima e indolore.
Nella realtà, non sempre è tutto così roseo, in particolare per certe categorie di utenti meno "smaliziati".
Proprio a questo proposito, abbiamo visto recentemente sulla home page di Apple USA la pubblicità di un pacchetto software chiamato Move2Mac, e ci siamo incuriositi. Eccone la prova.

Move2Mac è prodotto dalla americana Detto (www.detto.com), una giovane azienda di Bellevue, Washington, specializzata in soluzioni consumer per la migrazione dei dati, che è partner di Apple e di HP, e oltre al software in prova sviluppa anche IntelliMover, capace di trasferire i settaggi, files, e.mail eccetera da un PC ad un altro. IntelliMover è disponibile anche in versione Business, più adatto a realtà aziendali.

L'idea di Detto è tanto semplice quanto azzeccata: eliminare (o quantomeno ridurre) il tempo e le frustrazioni che occorrono ad un utente di capacità limitata per trasferire i dati e i settaggi da un computer vecchio ad uno nuovo.

La confezione
Move2Mac si presenta subito bene: il software è contenuto nella classica scatola cartonata, rallegrata da un simpatico disegno che a noi ha ricordato certe illustrazioni di prodotti Claris di annata... Nostalgia canaglia!
La scatola contiene un CD, lo speciale cavo USB e alcune cartoline (una Quick Reference Card, un buono sconto per l'acquisto di prodotti come Spring Cleaning, Ten for X e Stuffit Deluxe, e il codice di registrazione).
Vi avvertiamo subito: Move2Mac deve essere registrato via Internet o telefonicamente.

Come funziona?
Il funzionamento è banale: occorre prima di tutto installare il software sia sul Mac che sul PC, e quindi collegare il cavo USB. A questo punto è possibile lanciare il programma dal lato PC. Terminata la fase di registrazione e quella, eventuale, di aggiornamento on-line, Move2Mac effettua una ricerca sul disco delle impostazioni e dei files personali.
Come default, tutti i settaggi e le preferenze vengono trasportati, ma è possibile deselezionare singole voci; possiamo scegliere i file allo stesso modo.



Siamo pronti ad iniziare il trasferimento, che avviene in tempi non rapidissimi a causa della relativa velocità della interfaccia USB; non possiamo allontanarci perché è possibile che ci venga richiesto più volte di dover inserire la propria password sul Mac.



Al termine del processo, i nostri files sono stati così trasferiti nella cartella corretta in molti casi (es. Documenti nella cartella Documents), altrimenti possiamo trovarli nella directory Migrated Pc Files, appositamente creata.
Sono stati trasferiti correttamente anche i settaggi di Outlook Express e i preferiti di Internet Explorer.

Conclusione
In definitiva si tratta di un software decisamente semplice e ben funzionante, oltretutto molto comodo in quanto capace di girare su PC vecchi sia come hardware che come sistema operativo (arrivera' presto anche una versione con cavo parallelo-USB per computer dotati di Windows 95).

L'unica riserva può venire forse dal prezzo: 59,95 dollari non sono proprio una sciocchezza, soprattutto per qualcosa che può essere sostituito da un pochino di pazienza e "olio di gomito", ma se pensiamo che difficilmente i vecchi PC erano dotati di scheda ethernet, necessaria per il trasferimento dei file, il tutto sembra ancora più interessante.

Pro: prodotto unico nel suo campo, facilissimo da utilizzare, nessun bug rilevato nella prova

Contro: utilizzabile con un solo PC:per usare lo stesso cavo con altri PC occorre acquistare delle licenze aggiuntive, disponibile al momento solo in inglese.

Disponibile presso: Detto

Configurazione mimina richiesta:
PC: Windows 98, 98SE, Millennium, 2000 e XP; 30 MB di spazio su hard disk, 32MB RAM.
Mac: Mac OS X 10.2 (Jaguar) o superiore

A fine 2002 dovrebbe essere pronta la versione con cavo-USB parallela per l'uso con PC dotati di Windows 95.