HomeMacityGiochi e ConsoleMicrosoft presenta in Italia la Xbox 360

Microsoft presenta in Italia la Xbox 360

Con un debutto quasi contemporaneo in Europa e Giappone (rispettivamente 2 e 10 dicembre), anticipato solo in USA al 22 novembre per assecondare l’irrinunciabile Thanksgivin’ Day, la Xbox 360 di Microsoft è quasi pronta ad invadere il mercato dei videogiochi.

Gli impianti di Osaka, Oxford ed Orlando sarebbero già  a pieno regime, anche se risulta da altre comunicazioni Microsoft, che a produrre gli esemplari saranno invece le fabbriche del sud della Cina di Celestica, Flextronics e Wistron.

Detto ciò a Milano, martedì 20 settembre, Microsoft ha presentato alla stampa italiana la Xbox 360.

Presenti all’evento i responsabili di Microsoft Italia che si occupano di entertainment e un solo esemplare di Xbox 360, seppur in versione demo e pre-produzione… non esente da alcuni problemi di funzionamento, speriamo risolvibili.

A quattro anni di distanza dalla prima Xbox la Xbox 360 è la prima console di terza generazione che arriverà  sul mercato, battendo la concorrenza di Revolution e PlayStation 3 almeno sui tempi; terza generazione perché Microsoft è partita dal secondo step dell’evoluzione, arrivando dopo altri nomi storici come Nintendo, Sega, Sony.

Per il progetto di “digital lifestyle” (non è un eco, è solo la riproposizione di un concetto che Apple ha coniato ben quattro anni fa, ma ora patrimonio di un po’ tutti) la Xbox 360 è un prodotto fondamentale.

Microsoft l’ha voluta anche gradevole e sottolinea il design che la pone così al centro della casa moderna senza doverla nascondere dietro al televisore o in un angolo.

La nuova Xbox è interattiva e personalizzabile, tecnologicamente all’avanguardia e capace di sfruttare tutto (o quasi) nel mondo multimediale.

L’audio supporta il surround 5.1, il video è nativo nel formato panoramico 16:9 con possibilità  di scegliere i due formati ad alta definizione (ma per ora prerogativa delle case statunitensi) 1080 interlacciato oppure 720 progressivo.

Sulla console tre porte USB 2 standard, una Ethernet, due slot per memorie, una porta per Wi-Fi opzionale, lettore DVD (ora lettore progressive scan) e collegamento proprietario per hard disk (sempre proprietari) removibili opzionali.

Dentro molto è cambiato, dal binomio Intel + nVidia della prima Xbox, nella Xbox 360 si passa a IBM (PowerPC come quelli dei Mac finora prodotti) + ATI.

Una valanga di giochi appositamente studiati per la piattaforma sono stati annunciati dalla Microsoft stessa, dalle aziende ormai incorporate (Bungie su tutti con i suoi Halo) e da quelle indipendenti, tra le quali spiccano Activision, Atari, Bandai, Capcom, EA, Eidos, Epic, LucasArts, Namco, Sega, Square Enix, Taito, THQ, Ubisoft e Vivendi.

Per giocare online su banda-larga (“ormai presente ovunque in Italia”, dice Microsoft) con la Xbox c’era da tre anni Xbox Live ora con Xbox Live sulla Xbox 360 si fa questo ma molto altro. Nasce XLM – Xbox Live Marketplace dove sarà  possibile acquistare svariati servizi e lo si potrà  fare con i Microsoft Points (2.100 = 25 euro)

Microsoft calcola in 240 milioni di ore quelle trascorse dagli utenti di Xbox Live collegati online per giocare con altri utilizzatori di Xbox, circa 2 milioni sono gli abbonati in tutto il mondo a Xbox Live.

Xbox Live si divide in due: Silver è l’accesso gratuito e Gold quello a pagamento, da un minimo di 7 euro per l’accesso di un mese a 60 euro per un anno.

Dall’unità  presente Microsoft ci ha mostrato poco se non molta navigazione tra i tantissimi menù a disposizione, le demo dei giochi (tra i quali Dead or Alive 4, Project Gotham Racing 3, Element of Power, FIFA 06, NBA Live 06, Test Drive, Dead Rising, Final Fantasy XI Online) erano filmati trasmessi dal proiettore, le funzioni Live non ci sono state mostrate ma solo raccontate, i collegamenti con fotocamere o player di musica digitali non li abbiamo visti in pratica anche se i dispositivi erano in zona Xbox 360, i controller wireless e il telecomando non c’erano e l’hard disk scollegabile era un modello fisso (oltrettutto da 60 GB e non lo standard 20 GB). A due tentativi di far leggere un film in DVD dalla Xbox 360 abbiamo assistito a due crash con blocco della macchina.

Una chiavetta USB è stata regolarmente riconosciuta al primo colpo, però.

Le Xbox saranno due, il modello base denominato “Core System” in scatola verde costerà  300 euro, il modello full in scatola bianca costerà  400 euro.

L’hard disk removibile da 20 GB (serial ATA) costerà  100 euro; le Memory Unit da 64 MB costeranno 35 euro; il controller wireless (10 metri) costerà  45 euro; il kit di ricarica per il controller wireless costerà  20 euro; la batteria ricaricabile per il controller wireless costerà  15 euro; l’adattatore Wi-Fi costerà  80 euro; le cuffie audio per Xbox Live costeranno 20 euro; il telecomando multimediale universale costerà  30 euro; il cavo SCART costerà  25 euro; il cavo VGA costerà  30 euro.

La fotogalleria della presentazione e altri dettagli e commenti sono su questa pagina di MacityNet.

Offerte Speciali

Come acquistare MacBook Air M1 a rate su Amazon con carte ricaricabili

Mac Book Air M1 torna a 999 €, 230 € di risparmio su Amazon

Il modello di MacBook Air M1 nella versione da 256 GB torna sotto i mille euro su Amazon ed arriva entro la settimana.
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità

Iguida

Faq e Tutorial