Home Macity Futuroscopio Una nuova tecnologia per le batterie ricava energia dal corpo umano

Una nuova tecnologia per le batterie ricava energia dal corpo umano

Un team di ricercatori dell’Università della California, Los Angeles (UCLA) e dell’Università del Connecticut ha creato un nuovo dispositivo per l’accumulo in grado di ricavare energia elettrica dal corpo umano. I ricercatori hanno creato in pratica un super-condensatore biologico, una sorta di batteria basata su proteine, in grado di estrarre energia dal corpo umano, e rilasciarla in un circuito elettrico, utilizzabile in abbinamento ai dispositivi medici impiantabili.

Stando a quanto riportato nel documento di ricerca pubblicato all’inizio del mese, il supercondesatore è composto da un dispositivo denominato “raccoglitore” che, usando il calore e i movimenti del corpo, consente di estrarre cariche elettriche da ioni che si trovano nei fluidi corporei quali sangue e urine.

Come elettrodi, il “raccoglitore” usa il grafene con strati di proteine umane modificate. Gli elettrodi raccolgono l’energia dal corpo umano mediante il raccogltpre che è in grado di conservarla per successivo uso. Poiché il grafene può essere sistemato alla stregua di fogli sottili di pochi atomi, è possibile creare supercondensatori ultra-sottili da sfruttare come alternativa alle classiche batterie. I ricercatori hanno creato supercondensatori più sottili di un capello umano, dispositivi – tra le altre cose – flessibili, che è possibile torcere e muovere con facilità.

Tutti i materiali usati non sono tossici, contrariamente a quanto avviene con altri dispositivi medici impiantabili che sfruttano le classiche batterie rigide e sono costruiti con molti materiali tossici che potrebbero avvelenare o uccidere il vettore.

Rispetto alle batterie, i super-condensatori possono essere caricati e scaricati velocemente, offrono maggiore densità di potenza, stabilità nei cicli di ricarica e la possibilità di usare fluidi esterni come elettroliti.

Secondo i ricercatori, dispositivi medici impiantabili che sfruttano i supercondensatori potrebbero durare tutta la vita, eliminando la necessità per i pazienti di eseguire interventi per la sostituzione quando sono prossimi alla scarica. Il nuovo sistema sembra pronto per l’uso nei pacemaker ma i ricercatori sperano cha la loro tecnologia venga usata anche in abbinamento ad altri dispositivi per stimolare organi quali cervello, stomaco e vescica. Altri dettagli a questo indirizzo.

Offerte Speciali

Super sconto su MacBook Pro 13″ 16/512 GB: risparmio da oltre 400 euro

Su Amazon è in forte sconto il nuovo MacBook Pro 13" in versione 16 GB RAM / 512 GG HD SSD. Lo pagate oltre 400 euro meno del prezzo Apple.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,835FansMi piace
93,809FollowerSegui