Home Recensioni Palm Portable Keyboard per Palm V/Vx.

Palm Portable Keyboard per Palm V/Vx.

Credevamo di aver fatto un affare, acquistandolo a “soli 99” dollari, tasse escluse al MacWorld. Nessun affare: la “Portable Keyboard” di Palm è disponibile da qualche giorno anche presso Mediaworld a 199.000 lire IVA inclusa. Certo che con il dollaro a 1500 lire invece che a 2200, anche la benzina costerebbe di meno, o no?

Torniamo a parlare di computer.

La tastiera è un bell’oggetto, è solida e le parti in alluminio hanno lo stesso colore e al tatto danno la stessa sensazione del Palm V/Vx. Quando è ripiegata per il trasporto, ha dimensioni leggermente superiori a quelle del Palm V/Vx e misura il doppio in spessore.

La tastiera si apre a libro sbloccando un fermo posto sulla parte anteriore, quindi ruota intorno alla cerniera posta sul dorso mostrando una struttura interna ripiegata in quattro parti. Alcune operazioni in stile Robocop: scorrimento delle porzioni esterne verso l’interno, estrazione del supporto per l’ancoraggio del Palm e suo ribaltamento completano l’opera. La tastiera è pronta per essere utilizzata in meno di dieci secondi. Niente male! Suggeriamo l’utilizzo di un supporto rigido e l’unico appoggio solo le nostre ginocchia è bene ricorrere a una rivista perché la tastiera tende a flettersi verso l’alto se non è adagiata su una superficie liscia.

Per consentire al Palm di riconoscere la tastiera è necessario installare un’applicazione di 26K chiamata, come sbagliarsi, “Keyboard”.

Su strada, anzi, sulle ginocchia la tastiera si è comportata egregiamente e, in associazione ad un cellulare dotato di modem a infrarossi a nostro avviso rappresenta la soluzione definitiva alla sterile disputa in corso su, su varie testate elettroniche e ML d’oltre oceano, sul futuro dei PDA e su quello dei telefoni cellulari tuttofae.

Questa soluzione consente di avere tra le mani una vera tastiera, l’unico strumento che consente a chi scrive di seguire e trasferire il flusso dei pensieri e delle idee senza interruzione dalla testa al foglio. I tasti hanno dimensioni standard (19 centimetri dal tasto “Q” al tasto “P”, la stessa distanza che c’è nella mitica tastiera Apple Adjustable!) e il loro feedback ricorda quello dei primi PowerBook: un’ottima sensazione! Attraverso l’impiego di un tasto function (Fn) è possibile attivare delle funzionalità  secondarie quali l’accensione della retroilluminazione, il lancio delle applicazioni, lo scroll, l’apertura di nuovi documenti etc, Quegli utenti che sul loro Mac fanno tutto con la tastiera, apprezzeranno la stessa possibilità  offertagli da questo prodotto: non c’è comando che non possa essere eseguito da tastiera e dopo poche ore di utilizzo la stilo appare un ricordo remoto.

L’applicazione “Keyboard” consente di configurare la tastiera in ogni dettaglio: la ripetizione delle lettere, il ritardo, l’assegnazione di applicazioni a combinazioni di tasti e le scorciatoie.

Il prezzo non è basso, ma si tratta di un accessorio che il nomade informatico non può non possedere.

[A cura di Beniamino Cenci Goga]

Offerte Speciali

Super sconto su MacBook Pro 13″ 16/512 GB: risparmio da oltre 400 euro

Su Amazon è in forte sconto il nuovo MacBook Pro 13" in versione 16 GB RAM / 512 GG HD SSD. Lo pagate oltre 400 euro meno del prezzo Apple.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,835FansMi piace
93,809FollowerSegui