fbpx
Home News PalmOS all'attacco di PocketPC.

PalmOS all’attacco di PocketPC.

A poche ore dall’ufficializzazione della divisione dei compiti (hardware e software) alla Palm, il capo della divisione PalmOS, ora completamente indipendente, spara a raffica sui PDA con sistema operativo Microsoft PocketPC.
David Nagel (ex Apple) spiega per quale motivo PalmOS è vincente su PocketPC: “i PDA col sistema operativo di Microsoft sono costosi perché troppo sovradimensionati alle reali necessità  di un utente di palmare e perché sono sovradimensionati? Perché PocketPC è troppo rigonfio, complesso e con molte caratteristiche inutili tanto da necessitare tecnologie costose per farlo funzionare”. Sembrerebbe il cane che si morde la coda.
Ci sono attualmente nel mondo 20 milioni di PDA con PalmOS e tutto ciò è successo in soli 5 anni; le vendite di novembre dimostrano che l’82% dei PDA venduti negli USA appartiene alle tre marche leader di PalmOS: Palm, Handspring e Sony.
Alla Microsoft, con Ed Suwanjindar responsabile del Mobility group, rispondono: “il nostro è stato un approccio differente, noi abbiamo dovuto scegliere se perseguire la semplicità  o l’utilità  e noi crediamo che (parlando con il martellante slogan societario, ndr) i nostri clienti vogliano fare di più“.
Sarà , intanto la gente continua ad acquistare prodotti con prezzi tra i 150 e i 300 dollari piuttosto che spendere da 400 a 500 per quelli PocketPC.
Nagel insiste: “Windows è un monopolio totale dei PC desktop e noi questo non potremo cambiarlo, anzi vogliamo essere il compagno perfetto per il PC e siamo anche sicuri di farlo meglio, assieme a Microsoft, di quanto stia tentando la stessa Microsoft coi suoi prodotti”.

Offerte Speciali

Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,978FansMi piace
93,611FollowerSegui