Panther e i dischi Firewire esterni: attenzione all’installazione

I problemi di alcuni utenti che hanno aggiornato il proprio Mac al sistema X 10.3 con dischi rigidi esterni firewire di grande formato mettono in allarme coloro che si accingono ad installare Panther: vi spieghiamo le precauzioni da prendere per evitare danni ai vostri dati.

Nei giorni scorsi alcuni utenti, tra cui almeno due nostri lettori, hanno avuto gravi problemi di perdita dati dopo l’aggiornamento a Panther.

Con il passare delle ore e l’aumentare di report simili anche dall’estero scopriamo che non si trattava di errori occasionali ma ripetuti e dovuti ad un ristretto ambito di configurazioni.
Grazie a MacFixit, e alle testimonianze che arrivano in queste ore sia da nostri lettori che da forum, mailing list e siti esteri, è possibile tracciare un quadro più preciso anche se non definitivo della situazione.

Il danneggiamento avviene per dischi Firewire esterni quando si installa Panther sul disco interno del proprio Mac e si effettua il reboot con il disco collegato.
Si tratta quasi sempre di dischi esterni di dimensioni maggiori di 120 Mb collegati ad un bridge firewire ATA e molto spesso con Firewire 800.

Non si hanno report di danni a dischi di piccolo taglio, interni, su bus ATA secondario o collegati in altra maniera.
Il danneggiamento provoca la cancellazione dei dati al riavvio del computer quando Panther non riconosce il filesystem preesistente sul disco e lo sostituisce.

Secondo MacFixit il file system degli HD FireWire esterni collegati durante l’installazione di Panther viene modificato da HFS+ in UFS.
Allo startup successivo, fsck crede che il volume sia UFS e tenta di ripristinare quella che crede una directory danneggiata (che invece è HFS+).
Il risultato è una directory illeggibile sul disco.

Il consiglio per una installazione sicura è:
– Staccate il vostro disco Firewire di grosse dimensioni al momento dell’installazione o aggiornamento a Panther.
– Non ricollegatelo durante il primo boot
– Collegatelo a computer acceso e scollegatelo prima di chiudere il computer ed effettuare il logout.

Con questa procedura non ci dovrebbero essere problemi. In ogni caso fate un backup dei dati critici.

A quanto pare Apple sta lavorando alla cosa in contatto con i produttori di bridge firewire-ATA per poter risolvere il problema.
Un primo patch è disponibile sul sito di Lacie per i suoi drive Firewire 800 ma necessita di Mac OS 9 per essere applicato. Questa soluzione può essere valida per i centri assistenza ma gli utenti finali spesso hanno macchine recenti che non fanno il boot dalla precedente versione del system.