Recensione Bilikay H109, smartband e auricolare Bluetooth 2-in-1

Nonostante le ottime premesse è in realtà uno smartband per chi non ha grosse pretese: il vero vantaggio è nella duplice funzione offerta dall’auricolare removibile

Recensione Bilikay H109, smartband e auricolare Bluetooth 2-in-1

E’ facile innamorarsi di Bilikay H109 così come è altrettanto semplice restarne delusi, perché questo smartband giunto in redazione per una prova sul campo promette tanto ma non sono neanche pochi i limiti.

Ciò che lo rende diverso dagli altri e che in effetti invoglia all’acquisto è principalmente la sua duplice funzione, quella cioè di bracciale intelligente per la maggior parte del tempo e di auricolare removibile per quelle occasioni in cui si vuole chiacchierare al telefono con la comodità di farlo tenendo le mani libere.

Recensione Bilikay H109, smartband e auricolare Bluetooth 2-in-1

Com’è fatto

Innanzitutto sembra piccolo ma non lo è per niente. E’ vero che questo cronista ha un polso effettivamente sottile (fettuccia da sarto alla mano, parliamo di una circonferenza di 15,3 centimetri) ma se lo si confronta con altri bracciali Smart è indubbiamente più ingrombrante. D’altronde non deve contenere al suo interno soltanto i componenti che garantiscono tutte le funzionalità promesse ma deve anche ottimizzare gli spazi per la capsula auricolare che è stata intelligentemente integrata nella scocca.

E’ per questo motivo quindi che Bilikay H109 è spesso quasi due centimetri nella parte più prominente e poco più di uno in quella maggiormente affusolata, con un ingombro reso complessivamente meno impegnativo da curve lunghe e sinuose. E’ ottima anche la continuità delle linee offerta dal bracciale in morbido silicone che si blocca al polso per mezzo di una fibbia in metallo e la cui estremità in eccesso si può agevolmente nascondere al di sotto del cinturino stesso grazie all’apertura circolare che imita in parte il sistema degli Smartband serie Sport di Apple Watch.

La cassa su cui si aggancia il cervello elettronico si compone invece di due parti: un’area più sottile, quella a contatto con il polso, è costruita in policarbonato satinato mentre la scocca principale è realizzata in alluminio spazzolato e verniciato di nero. Trattandosi di un dueinuno è inoltre presente un pulsantino che, se schiacciato, permette di sganciare la componente Smart e accedere alla modalità auricolare (oltre che ai pin per la ricarica della batteria).

Prima configurazione

Sbaglia chi pensa di poterlo collegare allo smartphone semplicemente accendendo il Bluetooth. In questo modo infatti il bracciale emette un segnale diverso da quel che invece invia quando si avvia l’accoppiamento dall’applicazione e non consente la corretta configurazione del sistema. In pratica, Bilikay H109 risulta collegato allo smartphone ma non viene visto dall’app (e quindi non vengono sincronizzati i dati).

E’ quindi necessario scaricare l’applicazione PowerBand (gratis per iPhone e Android), accendere il Bluetooth sullo smartphone e ricercare il dispositivo H109 nella lista di quelli elencati nelle vicinanze all’interno dell’apposita scheda.

L’app

L’applicazione offre una panoramica dei dati raccolti con tanto di grafici per visualizzarne l’andamento a colpo d’occhio. Funziona abbastanza bene anche se non è priva di bug e caratterizzata da una mal traduzione – nella lingua italiana – delle varie voci. Da qui è anche possibile personalizzare il funzionamento, come ad esempio il risveglio dello schermo quando si solleva il polso anziché richiedere lo sfioramento del pulsante touch posizionato sul bordo inferiore del piccolo schermo.

Come va

Il funzionamento di Bilikay H109 non è poi così diverso da quello di altri smartband. Permette di tenere traccia dell’attività fisica e del sonno e mostra un’anteprima delle notifiche ricevute. Il problema non è tanto quanto offre ma piuttosto come lo offre.

Mentre infatti la misurazione del battito cardiaco e della saturazione del sangue appaiono piuttosto precise (con un errore che si aggira intorno all’1%), nel confronto dei parametri vitali di questo cronista in condizione di riposo ci sono importanti discrepanze con i valori di pressione sanguigna rilevati da uno strumento medico professionale, con un errore medio di 20 mmHg sia sulla minima che sulla massima.

Anche il numero di passi rilevati è fortemente falsato dai semplici movimenti del polso tanto che, restando fermi in scrivania, può capitare di vedere aumentati anche di 40 il numero di passi effettuati nell’arco di pochi minuti.

Per quanto riguarda la funzione di auricolare, il dispositivo funziona bene ma riteniamo necessario fare un appunto riguardo la nostra esperienza diretta. Il peso dell’auricolare è considerevole (13 grammi) e la capsula che si infila nell’orecchio potrebbe non essere adatta per tutte le conformazioni auricolari: queste due caratteristiche, insieme, potrebbero cioè portare ad una facile caduta dell’auricolare al minimo movimento della testa.

A proposito di peso, tenete pure in conto che oltre all’auricolare l’ottima costruzione del bracciale oltre all’ingombro aggiunge un importante peso al polso (il solo bracciale pesa 30 grammi).

Conclusioni

Affidarsi a Bilikay H109 per tenere d’occhio l’attività fisica può essere uno sbaglio in quanto i sensori che utilizza non assicurano la precisione necessaria per una corretta valutazione.

I risultati del cardiofrequenzimetro e del saturimetro sono invece buoni così come è certamente utile la funzione di orologio e ricezione delle notifiche al polso, ma chi acquista questo smartband lo deve fare principalmente per la duplice funzione di auricolare: se si riceve una chiamata (o si decide di effettuarne una) basta un click per sganciarlo e infilarlo nelle orecchie e beneficiare di una gestione della comunicazione senza fili o ulteriori accessori da tenere in tasca e facili da dimenticare a casa.

Prezzo al pubblico

Quello del prezzo è senz’altro un ulteriore incentivo all’acquisto: costa infatti solo 33 euro (su Gearbest), in linea con il costo di altri smartband della stessa qualità ma che non presentano la secondaria funzione di auricolare Bluetooth.