Siti web accessibili: ora sono obbligatori per il settore pubblico

Tappa importante per gli utenti di Internet diversamente abili: da oggi deve essere attuata dal settore pubblico in tutta l'UE la direttiva relativa all'accessibilità dei…

23 settembre 2020: un giorno importante per gli utenti di Internet diversamente abili. A partire da questa data, la direttiva relativa all’accessibilità dei siti web deve essere attuata dal settore pubblico in tutta l’UE, in modo che i siti Internet pubblici siano accessibili alle persone con disabilità.

Margrethe Vestager, Vicepresidente esecutiva per Un’Europa pronta per l’era digitale, ha dichiarato: “La nostra vita quotidiana dipende in misura crescente dalle soluzioni digitali e Internet è per molti una parte essenziale della quitidianità. La tecnologia deve funzionare per le persone, per questo vogliamo garantire che tutti i cittadini possano accedere ai servizi pubblici digitali.”

Thierry Breton, Commissario per il Mercato interno, ha aggiunto: “Nel contesto della trasformazione digitale, l’accessibilità del web è un’esigenza sempre più sentita della società. L’età media della popolazione europea aumenta e un numero crescente di servizi essenziali è passato online durante la pandemia di coronavirus. Tutti gli europei dovrebbero poter beneficiare appieno della tecnologia e di ciò che apporta alla società.”

Attualmente 5 milioni di persone nell’UE non usano Internet a causa di una forma di disabilità. Secondo la direttiva, tutti gli utenti devono poter percepire, usare e comprendere i siti web del settore pubblico, il cui contenuto deve essere concepito in modo da poter essere interpretato da tecnologie assistive, come i programmi di lettura dello schermo. Dopo i siti web del settore pubblico, il passo successivo riguarderà le applicazioni mobili degli enti pubblici, che dovranno essere accessibili da giugno 2021.

La direttiva (qui i dettagli) “mira a garantire, sulla base di prescrizioni comuni in materia di accessibilità, una maggiore accessibilità dei siti web e delle applicazioni mobili di enti pubblici”. Nel testo della direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio, si spiega chde “il ravvicinamento delle misure nazionali dovrebbe consentire agli enti pubblici e alle imprese dell’Unione di ottenere benefici economici e sociali dall’estensione della fornitura di servizi online o servizi mobili a una platea più ampia di cittadini e clienti”.

Per tutti gli articoli di macitynet che parlano di Accessibilità si parte da qui.

Condividi
Pubblicato da
Mauro Notarianni
Tag: Internet

Articoli recenti

Con WhatsApp si potranno fare acquisti dentro le chat

Finora lo abbiamo usato solo per comunicare, ma presto su WhatsApp potremo fare acquisti e…

23 Ott 2020

Amazon stronca il prezzo di iPhone 11 Pro e iPhone 11 Pro Max: prezzi da 869 euro

Offerta su iPhone 11 Pro su Amazon. Modello da 256 Gb a solo 1169,99 euro…

23 Ott 2020

L’Arabia Saudita vuole diventare leader nel campo dell’Intelligenza Artificiale

Una strategia per affermarsi quale leader mondiale nel campo dell'intelligenza artificiale entro il 2030.

23 Ott 2020

Gli AirTag di Apple appaiono in una richiesta di brevetto

Numerosi dettagli sui tracker di Apple per localizzare oggetti vari, svelati da brevetti depositati presso…

23 Ott 2020

Amazon: iPhone 12 pronta spedizione, iPhone 12 Pro ordinabile

Su Amazon gli iPhone 12 sono in pronta spedizione, gli iPhone 12 Pro tornano ordinabili…

23 Ott 2020

iPhone 12, ai centri di assistenza un apparecchio per la rimozione a caldo dei display

Apple sta fornendo ai Genius Bar degli Apple Store e ai centri assistenza autorizzati un…

23 Ott 2020