Tony Fadell «Apple può affrontare la dipendenza da iPhone via software»

0

Recentemente Apple è sempre più sotto pressione da parte di associazioni di genitori ma anche dei propri investitori per il problema della dipendenza da smartphone: secondo Tony Fadell Cupertino si trova in una buona posizione per poterlo affrontare e potrebbe farlo tramite strumenti e soluzioni software.

La visione del padre di iPod ed ex top manager di Cupertino è illustrata in una intervista rilasciata a Wired, in cui Tony Fadell propone e descrive una sorta di pesa digitale in grado di rilevare e misurare tutte le attività dell’utente sul proprio terminale. In pratica uno strumento che permette alle persone di monitorare la propria attività digitale e, per chi lo desidera, di moderare di conseguenza il suo comportamento.

tony Fadell
Tony Fadell

«Abbiamo bisogno di una “bilancia” per il nostro peso digitale, come l’abbiamo per il nostro peso fisico. I nostri dati sul consumo digitale potrebbero sembrare un calendario con la nostra attività storica. Dovrebbe essere dettagliato come una fattura di una carta di credito, in modo che le persone possano vedere facilmente quanto tempo trascorrono ogni giorno sulla posta elettronica, ad esempio, o scorrere i post. Immagina che sia come un’app di salute che tiene traccia di metriche come il conteggio dei passi, la frequenza cardiaca e la qualità del sonno».

Secondo Fadell Apple potrebbe anche permettere agli utenti di impostare il dispositivo in modalità solo ascolto oppure solo lettura, anche se non precisa ulteriormente come questa modalità risulti diversa dal Non Disturbare già implementato da Cupertino. Infine l’inventore di iPod ritiene che Apple si trova in una buona posizione per affrontare il problema e che implementare questi strumenti non sarebbe difficile. Ricordiamo che Cupertino ha già annunciato che migliorerà e potenzierà ulteriormente i controlli parentali e il problema della dipendenza da iPhone dei più giovani con il rilascio di nuovi strumenti in iOS 12. Qui un articolo su come sfruttare al meglio gli strumenti per la tutela dei minori in iOS già implementati da Apple in iPhone e iPad.