fbpx
Home Hi-Tech Audio / Video / TV / Streaming TS-251A, recensione del NAS ibrido

TS-251A, recensione del NAS ibrido

Da ufficio si, ma con TV

La porta HDMI posta sul retro permette l’output di filmati e video attraverso una delle diverse App presenti su AppStore. Abbiamo provato inizialmente con KODI, osservando però che l’affinità con alcuni nostri video non era così costante e abbiamo allora virato su Plex, che offre un player nativo per i contenuti locali, la cui visione è stata impeccabile. Dal punto di vista multimediale possiamo solo sottolineare che il telecomando in dotazione, perfetto per le funzioni a cui è prestato, ha un angolo di azione limitato e occorre essere posti frontalmente al NAS per operare correttamente.

USB 3, il nuovo Network

Se però sin qui le caratteristiche del disco sono simili a altri modelli di NAS di QNAP e della concorrenza, la funzione aggiuntiva relativa alla porta USB frontale cambia un po’ le carte in tavola. Abbiamo collegato un MacBook Pro alla porta USB e iniziato la configurazione interna. Una volta configurata l’uscita USB, abbiamo scaricato l’App QFinder per Mac dal sito QNAP, non proprio facile da trovare ma ad ogni modo presente, che offre una gestione delle periferiche USB come si trattasse di periferiche di rete. La funzione è molto comoda in vari ambiti, primo tra tutti la possibilità di spostare una grossa mole di dati da un computer al NAS senza per questo intasare la rete, andando in modalità diretta.

Dal punto di vista del Mac, il disco USB è trattato come un disco di rete, per cui una volta connessi (tramite il comando dall’App QFinder) lo si usa come un normale volume di rete fissa o wireless: la velocità si attesta su valori simili a quelli di una unità USB 3.0 normale, tanto da rendere il disco non proprio un disco collegato, ma comunque una unità ben più polivalente di un disco di rete normale.

Restando sempre sull’argomento USB: il sistema operativo QTS 4 del TS-251A riconosce perfettamente tutti i tipi di dischi collegati, anche quelli formattati per Mac (HFS+): nei nostri test ha avuto problemi solo con una chiavetta formattata in ExFAT, ma una volta riformattata, è stata vista senza problemi.

Conclusioni

Molto buona in tutti i sensi la silenziosità dell’apparecchio, lodevole anche se non si tratta di un device specificatamente pensato per l’ambiente Home (d’altra parte, chi l’ha detto che in ufficio si può fare rumore?): messo anche sotto torchio con file MKV il ponente processore Intel Celeron quad-core a 2.0GHz non ha battuto ciglio, un po’ anche grazie ai 2GB di memoria RAM.

In definitiva possiamo dire che si tratta di un device ottimo per il piccolo ufficio, eccellente in una realtà grafica, magari vicino ad un Mac che, occasionalmente, può sfruttare il collegamento USB per una grande mole di dati. TS-251A è silenzioso, potente, non disdegna il collegamento ad un display o ad una TV per la riproduzione multimediale di film (anche in 4K), foto e App di vario genere.

Il prezzo è in linea con i modelli concorrenti, suggeriamo di non lesinare sul costo dei dischi e di optare per unità interne di pari valore. I lettori possono trovare il TS-251A presso i migliori rivenditori locali oppure anche su Amazon, in versione due dischi (oggetto di questo test) o anche con quattro dischi.

Design:
3 out of 5 stars (3,0 / 5)
Facilità-d’uso:
4 out of 5 stars (4,0 / 5)
Prestazioni:
4.5 out of 5 stars (4,5 / 5)
Qualità/Prezzo:
4 out of 5 stars (4,0 / 5)
Average:
3.9 out of 5 stars (3,9 / 5)

Pro:
• Potente e silenzioso
• L’interfaccia USB 3 è una comodità in più
Contro:
• L’estatica non è da salotto

Prezzo: Euro 328 iva inclusa

Offerte Speciali

Su Amazon tornano gli Airpods e sono ancora apprezzo minimo: 138,99€

Airpods 2 ad un prezzo “cinese”: 110,69 euro. È il più basso di sempre!

Su Amazon gli AirPods 2 scendono al minimo storico: solo 110,69 euro, il prezzo di discrete cuffiette cinesi
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,704FansMi piace
93,889FollowerSegui