vGIS, la Realtà Aumentata come aiuto nella posa di cavi e condotte

La Realtà Aumentata è utile non solo per creare giochi in cui gli utenti sovrappongono contenuti virtuali a scene reali, ma anche in ambito lavorativo come dimostra un'app che sfrutta la tecnologia GIS

operaio

Finora abbiamo visto le funzionalità della Realtà Aumentata usate principalmente per giochi e app che consentono di ottenere informazioni sull’ambiente circostante. I possibili utilizzi sono anche altri come dimostra vGIS, app per Android e iOS che consente di trasformare dati GIS con i quali “visualizzare” dettagli relativi al terreno semplificando ai servizi pubblici la possibilità di localizzare, valutare l’impatto di un lavoro su infrastrutture nascoste in una determinata area. Le condutture idriche, i sistemi fognari, linee elettriche e tubature del gas, appaiono nel campo visivo, sovrapposte come un’estensione naturale del mondo reale.

Realtà Aumentata e GIS

L’app, spiegano gli sviluppatori, consente di comprendere immediatamente la situazione dell’ambiente circostante, permettendo di salvare tempo ed evitare costosi errori. A detta degli sviluppatori, vGIS è usata da amministrazioni comunali, enti e fornitori di servizi come supporto per i lavoratori, specialisti in sistemi informativi territoriali, responsabili di progetto, ingegneri, supervisori sul campo e altri per fare chiarezza e orientare il lavoro. È possibile individuare infrastrutture da riparare, individuare cavi che così non possono essere tranciati per errore durante gli scavi, rimediare a lacune nella documentazione GIS.

Apple ha integrato in iOS 11 specifiche funzionalità per la Realtà Aumentata con una piattaforma dedicata che permetterà agli sviluppatori di creare app in cui gli utenti potranno sovrapporre contenuti virtuali a scene reali. iochi a parte, frazie a ARKit, gli sviluppatori si sono sbizzarriti creando app di tutti i tipi: utilizzando tecniche avanzate di visione artificiale è possibile trovare e riconoscere la posizione di immagini 2D come cartelli, manifesti e opere d’arte, ARKit può integrare queste immagini del mondo reale in esperienze AR come riempire un museo di mostre interattive o dare vita al poster di un film.

Con iOS 12 che arriverà a breve, Le app diventano ancora più dinamiche grazie a nuovi strumenti peche consentono di integrare esperienze condivise, alla realtà aumentata persistente e collegata a una determinata posizione, al rilevamento degli oggetti e al tracciamento delle immagini. Tra le novità di iOS 12, un nuovo formato file aperto specifico chiamato usdz, progettato in collaborazione con Pixar.