Perfect, dagli sviluppatori di Lasso il web application server basato su Swift

di |
Perfect

Perfect è un web application server per OS X e Linux che consente di sfruttare il linguaggio Swift non solo nello sviluppo delle app ma anche sul versante back-end (vale a dire, lato server).

Perfect è un web application server per OS X e Linux creato da una startup canadese poco nota ma legata per vari motivi ad Apple: PerfectlySoft. Alla WWDC del 2014 Apple ha annunciato di avere reso il linguaggio Swift open source. Molte aziende hanno mostrato interesse verso in linguaggio in questione e tra queste anche IBM che ha reso disponibile e adottato allo scopo alcune applicazioni in ambito enterprise.

Perfect è un framework che consente di sviluppare Web e altri servizi REST in Swift. Mette a disposizione framework e server HTTP/HTTPS permettendo di creare servizi per applicazioni client e server-side. La storia di questo strumento è legata a Lasso, strumento di sviluppo Web e database ancora oggi usato per la realizzazione di back-end per siti Web dinamici e applicazioni intranet basate sui dati.

Alla fine degli anni ’80, nacque Claris, spim-off di Apple, nota per prodotti quali MacPaint, MacDraw e FileMaker. L’azienda acquistò i diritti di Lasso, linguaggio di programmazione che ha ancora oggi schiere di appassionati. Sean Stephens, CEO di Perfect, è, tra le altre cose, il CEO di LassoSoft. A Computerworld, Stephens spiega: “Quando Apple annunciò che avrebbe reso Swift open source, un campanello iniziò a suonare nella mia testa”; le similitudini tra Swift e Lasso hanno reso facile per il CTO Kyle Jessup creare il framework Perfect con e per Swift, consentendo agli sviluppatori di usarlo per scrivere applicazioni server”.

È possibile creare progetti completi di servizi per il front e back-end. “Molti linguaggi di programmazione ampiamenti usati oggi” dice Stephens, “sono vecchi di un decennio e anche più come Java – linguaggio proprietario che non offre agli sviluppatori una piacevole esperienza utente”.

Molte applicazioni, in particolare in ambito commerciale, richiedono software per il passaggio di dati avanti e indietro server-side”, continua Stephens. “Spesso e volentieri, molte applicazioni server odierne sono eseguite mediante vecchi linguaggi come Java”. “Swift ha la potenzialità di cambiare lo stato delle cose, cambiamenti perché ha il supporto di Apple, è open source e gli sviluppatori lo amano per sviluppare applicazioni mobile per iPhone e iPad.

Perfect si propone di semplificare ogni aspetto dello sviluppo di un’app, usando per tutte le fasi il linguaggio Swift. Può funzionare sotto Linux o OS X, sfruttando un set di API con funzioni per encoding e decoding JSON, UTF-8/16, socket TCP e UNIX per il networking, serving HTTP, Database connectors per MySQL, PostgreSQL, SQLite, MongoDB, ecc. La versione 2.0 di Perfect dovrebbe arrivare a settembre, in concomitanza con quanto è previsto l’arrivo di Swift 3.0.