fbpx
Home Macity Internet Google lancia il proprio servizio di DNS

Google lancia il proprio servizio di DNS

Google ha rilasciato ufficialmente un proprio Domain Name System (DNS), il sistema che in automatico converte i nomi di un dominio in un indirizzo IP, come una sorta di elenco telefonico del web: gli URL che digitiamo giornalmente nella barra degli indirizzi del browser sono convertiti automaticamente in indirizzi numerici tramite un server DNS; quando, ad esempio, digitiamo www.google.com il computer si collega con il servizio DNS per individuare l’indirizzo IP corrispondente al nome digitato. Di default la connessione è solitamente impostata per sfruttare i DNS dell’ISP utilizzato (Alice, Tele2, Tiscali, Libero ecc.), ma è possibile modificare tale impostazione e usare DNS differenti. I motivi per farlo sono tanti: sicurezza, maggiore velocità  nella ricerca del corrispondente indirizzo IP, servizi aggiuntivi, statistiche, filtraggio (esempio, impedire l’accesso a siti pericolosi).

Un servizio DNS molto utilizzo è quello di OpenDNS, un interessante sistema che evita censure/blocchi imposti dai alcuni provider e che – a costo zero * offre servizi aggiuntivi quali: filtro domini, statistiche, un sistema di filtraggio per bloccare la visione di siti per adulti secondo varie categorie.

Molti servizi di DNS gratuiti coprono i costi di mantenimento reindirizzando (nel momento in cui si digita un nome errato o inesistente) gli utenti su pagine suggerite dagli sponsor. Il nuovo servizio, a detta di Google, consente di migliorare le performance e garantire sicurezza; bisogna ricordare che il sistema consente in realtà  a Google anche di verificare i siti visitati dagli utenti di tutto il mondo: solo il tempo potrà  dirci se la privacy è garantita (la grande “G” è sempre molto vaga su cosa viene fatto con i dati raccolti dagli utenti).

Per provare il servizio basta modificare i DNS principale e secondario: su Mac OS X, basta portarsi nel pannello Network o Airport e indicare (nella sezione “server DNS”) i numeri forniti da Google: 8.8.8.8, 8.8.4.4.
[A cura di Mauro Notarianni]

Offerte Speciali

Su Amazon tornano gli Airpods e sono ancora apprezzo minimo: 138,99€

Airpods 2 ad un prezzo “cinese”: 110,69 euro. È il più basso di sempre!

Su Amazon gli AirPods 2 scendono al minimo storico: solo 110,69 euro, il prezzo di discrete cuffiette cinesi
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,704FansMi piace
93,886FollowerSegui