fbpx
Home iPhonia iPhone Accessori Recensione Avantree HM100P, l'interfono per restare connessi anche in moto

Recensione Avantree HM100P, l’interfono per restare connessi anche in moto

In un mondo sempre più connesso è difficile fare a meno dello smartphone. Lo sa bene chi viaggia in moto in quanto, tranne che tra una pausa e l’altra, non ha modo di ricevere telefonate, scambiare messaggi o parlare con il passeggero.

In questi casi è sufficiente affidarsi ad un interfono, dispositivo poco invadente e pensato proprio per lo scopo. La nostra redazione ha avuto l’occasione di metterne alla prova uno in queste ultime settimane: si tratta di Avantree HM100P, tra le soluzioni più economiche nel prezzo ma non nelle prestazioni, capace di garantire un collegamento costante con due smartphone e beneficiando così di telefonate, info di navigazione, musica e molto altro ancora, in tutta sicurezza, durante la guida.

Recensione Avantree HM100P

Com’è fatto

Tra le vari parti incluse nella confezione troviamo una coppia di adesivi in velcro per il bloccaggio del ricevitore. Uno, strutturalmente più semplice, è principalmente indicato per il fissaggio sul paramento o in un altro punto piatto del casco; l’altro, con un rinforzo in gomma, è pensato per essere agganciato in qualsiasi altro punto, anche sul retro, dove il casco offre una maggiore curvatura.

Nella scatola, oltre al manuale per le istruzioni, troviamo ovviamente l’interfono, che si compone di due parti distinte.

Una, il microfono, si fissa al ricevitore attraverso un connettore miniUSB. E’ contraddistinto da una guaina metallica piuttosto flessibile, scelta necessaria per poter posizionare il microfono (ben protetto da una spugna per assorbire al meglio il fruscio del vento) davanti alla bocca e garantire una sufficiente stabilità anche durante la guida. All’estremità opposta del microfono c’è un altoparlante, di forma circolare, che si inserisce nel casco ed è collegato ad un secondo altoparlante attraverso un cavo. Entrambi, come il ricevitore ed il rispettivo adesivo, si agganciano al casco con del velcro.

L’altra parte che compone l’interfono, come anticipato, è il ricevitore stesso, piuttosto piccolo (misura 9 x 4 x 2 centimetri) e leggero, caratterizzato da una superficie gommata e tre pulsanti, piuttosto grandi ed all’apparenza facili da gestire anche con guanti da moto.

Come posizionarlo sul casco

Prima di rimuovere la pellicola protettiva e fissare l’adesivo “alla cieca” è necessario fare qualche prova senza bloccarlo definitivamente, onde evitare di attaccarlo in una posizione poco agevole. In base alla nostra esperienza consigliamo di fissare il ricevitore sul lato sinistro del casco, questo perché nel caso di una chiamata in arrivo sarà possibile rispondere con un click con la mano sinistra senza dover lasciare la manopola del gas.

Collegate quindi il ricevitore al microfono e, innanzitutto, posizionate i due altoparlanti all’interno del casco. Anche qui, dipende dalla tipologia di casco che utilizzate. Per le nostre prove abbiamo utilizzato un casco integrale e non c’è stato modo di accompagnare gli altoparlanti ai due adesivi in velcro (inclusi nella confezione) in quanto l’interno del nostro casco è completamente imbottito. Ad ogni modo, la stoffa dell’imbottitura si è dimostrata più che sufficiente per garantire un corretto fissaggio di ciascun altoparlante all’altezza delle nostre orecchie: questo perché gli altoparlanti sono accompagnati dall’adesivo in velcro nella parte con gli “uncini” che garantiscono un solido aggancio anche su altri tessuti. Per assicurarci un posizionamento corretto abbiamo avviato la riproduzione di un album musicale dallo smartphone abbinato: in questo modo abbiamo potuto infilare il casco e perfezionare il posizionamento dei due altoparlanti fino al raggiungimento di un ascolto ottimale.

Il cavo che collega i due altoparlanti potrebbe penzolare dietro la nuca: in tal caso, se possibile, consigliamo di nasconderlo all’interno del casco sollevando l’imbottitura (in molti casi completamente removibile).

A questo punto non resta che bloccare il ricevitore sul lato esterno del casco. Indossatelo (magari prima strofinate un panno umido per rimuovere eventuali impurità, quindi asciugate), poi agganciate l’adesivo al ricevitore tramite il velcro ma non rimuovete ancora la pellicola protettiva. Avvicinatelo invece al casco spostandolo lentamente lungo la superficie fino a rintracciare la posizione che ritenete più comoda. Quest’ultima operazione potete eventualmente eseguirla davanti ad uno specchio in modo da avere anche un’idea visiva di dove sarà effettivamente fissato il ricevitore. A questo punto rimuovete la parte adesiva e bloccatelo definitivamente sul punto desiderato facendo una leggera pressione per qualche secondo.

Come funziona

Prima di spiegare il funzionamento dell’interfono è giusto fare una premessa: ne abbiamo preso soltanto uno quindi i nostri test, di cui parleremo nel corso della recensione, sono limitati al solo uso in abbinamento con uno smartphone. Acquistandone due è comunque possibile collegarli anche tra loro tramite Bluetooth per parlare con un passeggero con il solo limite dell’autonomia dei ricevitori, di oltre 7 ore in conversazione (80 in standby) stando a quanto dichiara il produttore.

L’abbinamento è piuttosto elementare e simile a quanto si è già abituati a fare con altoparlanti ed altri accessori Bluetooth. E’ sufficiente mantenere premuto il tasto più grande, quello centrale contrassegnato da una cornetta telefonica, per più secondi, circa 6, finché il LED di notifica non comincia a lampeggiare alternando i colori rosso e blu. Ciò sta a significare che è attiva la modalità pairing. A quel punto, se si dispone di un altro interfono, è sufficiente accenderlo: con uno smartphone, è necessario attivare il Bluetooth e cercare Avantree HM100P nella lista dei dispositivi disponibili nelle vicinanze. Dopo averlo selezionato, in pochi secondi smartphone ed interfono saranno finalmente collegati tra loro.

Con il pulsante centrale è possibile accettare una telefonata o terminarne una in corso con il semplice click, mentre con una pressione prolungata si può rifiutare una chiamata in entrata. Con il doppio click si richiama l’ultimo numero, mentre con i tasti + e + si può regolare il volume. Con il doppio click di uno qualsiasi dei due si richiamerà Siri su iPhone.

Recensione Avantree HM100P

Test sul campo

Abbiamo accompagnato l’interfono a qualche giro con il motorino in città ed un paio di uscite in moto con alcuni amici. In queste occasioni ci è capitato di poter rispondere a qualche telefonata ed effettuarne un paio avvalendoci dell’aiuto di Siri. Poter interagire con l’assistente vocale è stata la vera rivoluzione in quanto ci ha anche permesso di ascoltare il contenuto di alcuni SMS ricevuti (“Leggi l’ultimo messaggio ricevuto”) e rispondere unicamente con comandi vocali, durante la guida e senza alcuna distrazione in quanto il nostro telefono, in ciascuna prova, è rimasto per tutto il tempo nella tasca dei pantaloni.

Per quanto riguarda le telefonate, il microfono dovrà restare a non più di due centimetri di distanza dalla bocca per garantire all’interlocutore un ascolto forte e chiaro della nostra voce. Nel caso di caschi integrali il vento viene attutito non solo dalla spugna che copre il microfono ma anche dal paramento, dietro al quale si può posizionare per un più comodo utilizzo. Con caschi aperti, sopra gli 80 Km/h, l’interlocutore percepirà un leggero fruscìo e sarà necessario alzare la voce per farsi sentire.

Per quanto riguarda l’ascolto, invece, consigliamo di alzare il volume dello smartphone al massimo prima di partire: eventuali regolazioni potranno poi essere eseguite con il bilanciere del volume del ricevitore.

Anche senza telefonate, l’interfono ha comunque il suo perché. Con la navigazione GPS, ad esempio, è possibile tenere le orecchie vigili sulle indicazioni di viaggio, sapendo per tempo quando è il momento di svoltare, senza così doversi fermare o, nel caso di chi utilizza un supporto per fissare lo smartphone al manubrio, senza dover spostare lo sguardo dalla strada allo schermo del telefono.

Come anticipato è anche possibile ascoltare musica durante i viaggi in moto. La stereofonia fa il suo dovere, la qualità finale è tutto sommato buona, ma va detto che con un volume troppo alto si rischia di non percepire per tempo eventuali rumori esterni.

Per quanto riguarda l’autonomia, lo abbiamo ricaricato ad ogni rientro. Non si è comunque scaricato neanche durante l’uscita più lunga, di 5 ore complessive in moto e più di 8 ore in in standby, in quanto durante la sosta abbiamo preferito lasciarlo acceso: in questo modo poco prima di ripartire, non appena siamo risaliti in moto, smartphone ed interfono si erano già ri-collegati automaticamente.

Conclusioni

Avantree HM100P ci è piaciuto moltissimo. Non dover rinunciare alle telefonate durante i viaggi in moto è, a nostro giudizio, uno dei principali motivi che dovrebbero spingere all’acquisto in quanto l’interfono permette di comunicare anche con eventuali amici che ci stanno raggiungendo o che ci seguono a distanza, segnalando cambiamenti dell’ultimo minuto, fermate urgenti o altre situazioni che, in caso contrario, costringerebbero il motociclista alla sosta, con rimozione di casco, guanti ed accessori annessi.

L’interazione con Siri è la ciliegina sulla torta, in quanto si potranno ottenere informazioni metereologiche, ascoltare e rispondere ai messaggi, chiamare contatti o numeri telefonici senza interagire con il telefono e tutte quelle operazioni che si desiderano con un semplice doppio-click di un tasto.

Si possono ascoltare le indicazioni vocali durante la navigazione GPS e si può eventualmente usare anche per ascoltare la musica. In quest’ultimo caso occhio al volume: con due altoparlanti sulle orecchie si rischia di non percepire adeguatamente i rumori esterni.

Pro

– Buona autonomia
– Funziona anche con Siri
– Si può collegare contemporaneamente a due smartphone
– Si collega anche ad un secondo interfono usato dal passeggero
– Si può usare anche per musica e ascolto di indicazioni di navigazione GPS

Contro

– Sopra gli 80 Km/h il vento può influire negativamente sulle prestazioni del microfono
– Connettore miniUSB per la ricarica, più resistente ma, nell’eventualità, un secondo cavo è più difficile da reperire in casa

Prezzo al pubblico

Avantree HM100P è in vendita su Amazon per soli 44,99 euro. Si tratta di uno dei prezzi più bassi per un prodotto di questa qualità, specialmente per l’acquisto in coppia: con 90 euro ci si porta a casa un prodotto funzionale e pratico anche per la comunicazione costante con un passeggero.

Recensione Avantree HM100P

Offerte Speciali

iPad Pro 11 da 1 TB scontato di 250 € su Amazon; versione cellular da 256 GB a 1105€

iPad Pro 11 da 1 TB scontato di 250 € su Amazon; versione cellular da 256 GB a 1105€

Su Amazon iPad Pro 11" da 1 TB è in forte sconto. Lo pagate 1282€ invece che 1509 euro. La versione da 256 Gb con rete cellulare costa 1104 euro invece che 1239 €
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,418FansMi piace
95,279FollowerSegui