In prova Syllable D9X, l’alternativa economica agli AirPods

Macitynet prova Syllable D9X, gli auricolari completamente wireless, come AirPods, che adottano un originale sistema di ricarica com batterie ad aggancio magnetico. Rappresentano una buona alternativa agli AirPods di Apple?

Con AirPods Apple ha dato il via a una nuova moda, prima non troppo esplorata, quella degli auricolari true wireless, quindi totalmente wireless, senza nessun arco o filo a unire i due auricolari che rimangono così completamente indipendenti. Syllable D9X è tra gli ultimi esponenti ad adottare una soluzione simile a quella di Apple, proponendo però un’idea leggermente differente, basata sulle batterie intercambiabili ad aggancio magnetico. Ecco come si comportano.

Contenuto della confezione

Se da un lato l’idea di Syllable D9X è la stessa di AirPods, dall’altro presentano una importante differenza: ciascun auricolare è, in realtà, composto da due diversi elementi. Oltre all’auricolare in sé, infatti, ciascuno necessita della batteria per il funzionamento, rappresentato da un ulteriore corpo in plastica, di ridottissime dimensioni, che ci aggancia magneticamente. All’interno della confezione di vendita, oltre ai due auricolari, sono presenti anche quattro piccole batterie, che possono essere ospitate e ricaricate, all’interno dell’astuccio/power bank incluso.

Quest’ultimo può contenere 4 ricariche, ma ne può ricaricare due alla volta, e non può ospitare anche gli auricolari in sé, che dovranno essere posizionati all’interno di un astuccio di panno, o all’interno dell’ulteriore sacchetto con chiusura lampo. Sarebbe stato preferibile poter inserire, all’interno dell’astuccio di ricarica, anche gli auricolari, che invece dovranno essere posizionati a parte.

Come sono fatte

A livello di materiali, le plastiche sono piuttosto economiche, ma nel complesso gli auricolari sono ben costruiti, non presentano scricchiolii di alcun genere. Le ricariche si legano agli auricolari magneticamente. La forza di attrazione non è altissima, ma sufficiente a mantenere in sede la batteria e ad evitare di farle staccare durante una passeggiata o una corsa. Ciascuna batteria offre una riproduzione continua leggermente inferiore alle due ore, con una potenza nominale di 38 mAh ciascuna.

La base di ricarica, l’astuccio power bank, è invece dotato di una batteria da 400 mAh, che realisticamente riesce a ricaricare il set completo per circa due volte e mezzo. Il sistema di ricariche intercambiabili è piuttosto comodo e interessante, originale rispetto alla scelta fatta da Apple o da altri costruttori e, a dire il vero, piuttosto comoda. Peccato solo che l’astuccio power bank non possa contenere anche gli auricolari, ma sia solo una base per le ricariche. Ogni auricolare dispone di un unico grande pulsante, che permette di gestire pausa e avvio della riproduzione musicale.

Caratteristiche

A livello di caratteristiche, questi auricolari True Wireless Stereo, supportano la tecnologia Apt-X , offrono un microfono integrato per gestire le telefonate e si basano sul Bluetooth 4.2. L’abbinamento risulta sempre facile e immediato con i dispositivi da noi testati, quindi iPhone, iPad e anche numerosi smartphone Android.

Naturalmente non vi è la stessa facilità di abbinamento di AirPods, ma dopo il primo pairing gli auricolari si associano automaticamente ai dispositivi nelle vicinanze. Tra i due auricolari, quello principale è il sinistro, che può suonare in totale autonomia, anche in assenza di auricolare destro connesso, e che si utilizza per le conversazioni telefoniche, che godranno quindi  del supporto ad un solo auricolare. Anche se connesso, infatti, l’auricolare destro non potrà essere sfruttato per le telefonate.

Come suonano

Considerando il prezzo di vendita, in sconto su Amazon a 49,99 euro invece di circa 100 euro, non si può che rimanere soddisfatti dalla qualità sonora degli auricolari. Anzitutto, grazie alle tre diverse dimensioni di alette in silicone, risultano comodi da indossare. Trovando il giusto setup si riuscirà ad “incastrarli” perfettamente all’interno del padiglione auricolare: Syllable D9X stanno, insomma, in posizione senza nessun particolare problema.

Il volume massimo non è altissimo, ma ciò nonostante, riescono ad isolare particolarmente bene rispetto all’ambiente esterno. Non si riesce, naturalmente, ad avere un isolamento completo, come può essere quello di una cuffia over ear, ma nel complesso si tratta di auricolari che possono andar bene anche per pendolari, per chi ascolta musica sui mezzi pubblici o in luoghi affollati.

Discorso parzialmente diverso per le conversazioni telefoniche, che godendo del supporto ad un unico auricolare, quello sinistro per l’appunto, avvengono ad un volume ancor più inferiore, e senza alcun effetto isolamento dai rumori circostanti. Questo vuol dire che sarà dura parlare al telefono sfruttando gli auricolari quando si è in luoghi rumorosi. Di contro, però, al chiuso di un ufficio, o a casa, si riesce ad effettuare una buona conversazione. Chi riceve ascolta un audio pulito, senza interferenze e dal volume assolutamente sufficiente, così come chi usa gli auricolari può ascoltare un suono pulito e preciso, dal volume non altissimo, ma accettabile in ambienti chiusi e silenziosi.

Quanto alla riproduzione musicale, Syllable DX9 si difende davvero bene. Mancano un po’ i bassi, ma è naturale considerando la natura di auricolari in ear, mentre risultano assolutamente bilanciate sotto ogni altro punto di vista. Il volume non è altissimo, ma comunque ben calibrato, e in grado di isolare, come già anticipato. Tutti i generi musicali suonano bene, l’audio non esagera in nessun contesto, ed è sempre pulito, privo di sbavature. Si rimane immediatamente soddisfatti dalla periferica, anche in considerazione del prezzo, assolutamente in linea con la qualità offerta.

Conclusioni

Gli auricolary Syllable D9X hanno un prezzo in linea con quello che offrono. Suonano bene qualsiasi genere musicale, sono comodi da indossare e il sistema di ricariche intercambiabili permette di non rimanere mai a corto di batteria. Peccato non poter inserire gli auricolari all’interno del’astuccio power bank, ma in considerazione delle ridotte dimensioni della periferica è facile pensare di poterli trasportare grazie al sacchetto incluso nella confezione, o anche semplicemente in tasca.

Non sono auricolari per audiofili ma risultano assolutamente godibili per chi vuole ascoltare un po’ di musica mentre passeggia per strada, grazie ad un buon isolamento. Considerando il costo ridotto, sembrano una buona alternativa economica ad AirPods, anche se la qualità costruttiva non è paragonabile.

PRO

  • Suonano bene
  • Economiche
  • Sistema di ricariche intercambiambili
  • Buono l’isolamento

CONTRO

  • Volume non altissimo
  • Conversazioni telefoniche mono
  • L’astuccio power bank non ospita gli auricolari
  • Disponibili solo nere

Prezzo al pubblico

Gli auricolari true wireless Syllable D9X sono in vendita su Amazon nella colorazione nera a 49,99 euro, in pratica a metà prezzo considerando il prezzo di listino originale di circa 100 euro.