Apple Watch 2 atteso in quantità massicce accanto a iPhone 7

Apple Watch 2 potrebbe essere lanciato verso la fine di quest'anno. Le anticipazioni indicano le spedizioni di chip e componenti nel terzo trimestre, in quantità superiori rispetto ai numeri attuali

Apple Watch 2 GPS
[banner]…[/banner]

Apple potrebbe lanciare Apple Watch 2 in contemporanea a iPhone 7, quindi con una disponibilità a partire dagli ultimi mesi di quest’anno. Fonti vicine alle catene di fornitura cinesi, ritenute credibili da Digitimes, suggeriscono che Apple Watch 2 sarà lanciato a settembre accanto ad iPhone 7, con scorte abbondanti, a differenza di quanto avvenuto con la release del primo indossabile di Cupertino. Le spedizioni di chip e componenti per la seconda generazione di smartwatch Apple dovrebbero partire durante il terzo trimestre.

watch os preview page apple 1200

Al di là della credibilità o meno delle indiscrezioni, un lancio di Apple Watch 2 in concomitanza con iPhone 7 servirebbe ad Apple per incrementare l’importanza dell keynote di settembre, infatti le numerose anticipazioni che descrivono iPhone 7 molto simile ai modelli attuali rischiano di ridurre il potenziale interesse del pubblico. Interessante il particolare secondo cui Apple avrebbe inoltrato ai fornitori ordinativi ingenti per chip e componenti superiori, secondo le voci, ai numeri attuali di vendita: si stima che la capacità di produzione possa toccare due milioni di unità al mese.

Attualmente Apple non ha rivelato i numeri di vendita per la prima generazione di indossabile, anche se a giudicare da statistiche terze sembrerebbero essere inferiori al previsto. La società di ricerca KGI, ad esempio, ha suggerito che le spedizioni di Apple Watch saranno inferiori ai 7,5 milioni di unità per quest’anno. Ciò nononstante occorre ricordare che Apple Watch è a tutt’oggi lo smartwatch più venduto in assoluto.

Apple Watch 2
Sempre che i rumor siano veri, i cospicui quantitativi di componenti ordinati, e l’ottimismo di Apple sulle future vendite di Apple Watch 2, potrebbero essere basati quasi esclusivamente su watchOS 3, ultimo aggiornamento presentato alla WWDC16 scorsa, che permetterebbe all’indossabile di guadagnare numerose funzionalità ma anche di offrire app più veloci e nuove schermate di controllo, in parte riprese dallo stile e dalla filosofia iOS.

Ad ogni modo, anche se le vendite del primo Apple Watch non riuscissero a raggiungere le previsioni, Apple per il momento ottiene il 40% di tutte le vendite di orologi intelligenti attualmente sul mercato, avendo più che recuperato il gap su Android Wear, dovuto al fatto che il sistema da polso Google è stato lanciato ben prima dell’orologio di Cupertino.