Confronto schermi: migliora Galaxy S5, bene iPhone 5s, su tutti vince iPhone 5c

Dal confronto schermi degli smartphone di AnandTech emergono sensibili miglioramenti del pannello AMOLED di Samsung Galaxy S5. Nei test iPhone 5 e iPhone 5s ottengono risultati lusinghieri, stupisce invece iPhone 5c che batte tutti in 4 test su 5

iPhone 5c è il nuovo iPhone colorato di Apple

Dal confronto schermi dei principali smartphone sul mercato emerge che la tecnologia AMOLED di Samsung continua a migliorare, in ogni caso la qualità degli schermi che Apple integra in iPhone rimane elevata e non ha nulla da invidiare agli smartphone più competitivi tra i top di gamma del mondo Android. E’ questo in sintesi quanto emerge da un articolo di AnandTech che offre un confronto schermi dettagliato tra il pannello AMOLED in risoluzione QHD del nuovo Samsung Galaxy S5 in versione Broadband LTE-A, rispetto agli ultimi iPhone di Apple e anche a diversi altri smartphone di fascia alta.

Rispetto alle precedenti versioni del Galaxy S5, il nuovo display offre una risoluzione ancora più elevata di 2.560×1440 pixel contro i precedenti 1.920×1.080. Gli schermi con tecnologia AMOLED ora costruiti solo da Samsung, stanno migliorando e i risultati emergono in diversi test, in particolare nell’accuratezza della riproduzione dei grigi, primo su tutti, e poi anche nell’accuratezza della saturazione, secondo piazzato alle spalle di iPhone 5c, infine l’AMOLED di Samsung è uno dei migliori per quanto riguarda il punto di bianco, secondo piazzato alla spalle di HTC One X.

Nei vari test emerge anche l’elevata qualità degli schermi impiegati da Apple negli iPhone: pur offrendo risoluzioni in pixel inferiori, nella maggior parte dei casi iPhone 5 e iPhone 5s si piazzano nelle prime posizioni, mentre la vera sorpresa è rappresentata da iPhone 5c che, con il piazzamento in prima o seconda posizione in 4 test su 5, può essere considerato come il vero vincitore del confronto.

Mentre la tecnologia AMOLED promette di migliorare ulteriormente perché più recente, quella LCD è ormai matura e secondo alcuni, quasi pronta per essere sostituita. Il confronto comunque evidenzia che il numero dei pixel non è tutto, anzi: oltre una certa risoluzione non ha più senso incrementare i pixel sugli smartphone, considerando le dimensioni dello schermo. Oltre un valore già ampiamente raggiunto di pixel per pollice, la differenza per l’occhio umano non è più visibile, viceversa aumentano i consumi di energia e si riduce la luminosità del display.

confrotno schermi AnandTech