Home Hi-Tech Smart Watch Bloomberg: «A Cupertino un team di 100 persone lavora all'iWatch»

Bloomberg: «A Cupertino un team di 100 persone lavora all’iWatch»

L’iWatch di Apple non più è solo un progetto di laboratorio: la fase di sperimentazione e di costruzione è già in uno stadio avanzato: in sostanza, salvo cambi di programma, l’iWatch sembra già destinato a diventare il prossimo nuovo prodotto della Mela. E’ questo quanto si apprende dalle nuove anticipazioni pubblicate da Bloomberg che precisano e arricchiscono in modo determinante le fughe di notizie pubblicate nel corso del weekend sia dal New York Times che dal Wall Street Journal.

Secondo l’autorevole testata finanziaria infatti Apple, da un anno circa a questa parte, ha ingrandito in modo consistente il team dedicato all’iWatch fino a creare una nuova unità composta da circa 100 persone. Ma c’è di più: in questo gruppo di lavoro fanno parte non solo ingegneri software e hardware ma anche manager ed esperti di marketing, confermando così che i lavori sono ben oltre la fase di studio e prototipo. A completare il quadro, evento più unico che raro nella storia delle indiscrezioni sui piani futuri della Mela, Bloomberg riporta persino i nomi di due manager di alto livello di Cupertino responsabili del progetto iWatch: James Foster, Senior Director of Engineering e Achim Pantfoerder che svolge l’incarico di manager all’interno della Mela.

Per quanto riguarda le caratteristiche e le funzioni svolte dall’iWatch le informazioni risultano meno circostanziate ma offrono un’idea generale di quello che sarà possibile fare con l’orologio smart di Apple: l’iWatch sarà in grado di gestire in modo limitato alcune funzioni oggi eseguite da iPhone ma soprattutto funzionerà come hub centrale di coordinamento per gestire e controllare un ampio numero di dispositivi oggi utilizzati dagli utenti e in futuro anche di diversi altri nuovi dispositivi non ancora esistenti. In questo articolo riportiamo 3 rendering realizzati da designer indipendenti che mostrano come potrebbe essere l’iWatch pubblicati in una galleria da Mashable.

Ad offrire una descrizione dell’iWatch è Bruce Tognazzini, ex manager di alto livello in Apple e autore delle linee guida dell’interfaccia utente della Mela, ora consulente nel campo della tecnologia: “”[L’iWatch] agevolerà e coordinerà non solo le attività di tutti gli altri computer e dispositivi che usiamo, ma una vasta gamma di dispositivi a venire”, infine Tognazzini da insider di Cupertino delinea anche un quadro realistico del possibile scenario di lancio: “Come gli altri prodotti innovativi di Apple, il suo valore sarà sottovalutato al momento del lancio, per poi crescere ad avere un profondo impatto sulla nostra vita e sulle fortune di Apple”.

In definitiva si apprende che Apple è impegnata da anni sulle tecnologie indossabili, soprattutto con la creazione di prototipi destinati all’impiego per la salute e nello sport, ma si tratta di progetti poi cancellati. Viceversa, dopo le indicazioni rarefatte degli scorsi giorni e mesi ora, grazie alle nuove fughe di notizie, l’iWatch risulta essere un progetto concreto con reali  probabilità di trasformarsi in un prodotto finito. Il margine di rischio, da intendersi come cancellazione del piano, è sempre da tenere presente poiché qualsiasi imprevisto o cambio di programma interno in Apple potrebbe porre fine all’iWatch prima che si trasformi in un prodotto reale.

Offerte Speciali

AirPods 3 come le Pro, indizi da un componente

Torna il prezzo pazzo per AirPods 2, 99,99 € su Amazon

Su Amazon tornano disponibili con uno sconto super le AirPods 2. Le si acquista a 99,99 Euro.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,767FansMi piace
90,962FollowerSegui