fbpx
Home Macity Internet DnsChanger, l'apocalisse non si verificherà 

DnsChanger, l’apocalisse non si verificherà 

L’apocalisse di Internet, come vengono definite da alcune testate giornalistiche le conseguenze del diffondersi di DNSChanger, un virus che aveva cambiato diversi mesi fa (nel novembre del 2011) i DNS di circa 4 milioni di computer, non ci sarà e non sarà neppure “lunedì nero”, non ci sarà alcuna catastrofe che finirà per colpire anche i “macdotati”, come li definisce qualcuno. Ma è comunque meglio accertarsi che tutto sia a posto e che quando l’FBI il prossimo lunedì disattiverà i server che aveva requisito ai pirati informatici e gestito fino ad oggi, non si arrivi a perdere la connessione.

Per accertarsi di non essere nel lotto di coloro che corrono il rischio di non accedere più ad Internet, potete usare il sito dns-ok.us. Se l’immagine che vedrete sarà di color verde, non avrete alcun problema, in caso contrario andate nel settaggio di Internet e modificate il DNS utilizzando quello del vostro ISP o qualcuno di quelli “free”. Potete anche usare il sito del DNSChanger Working Group, cliccare sull’URL del paese corrispondente per verificare la corretta risoluzione dei nomi a dominio nei corrispondenti indirizzi IP.

La vicenda, lo ricordiamo, risale al 2007, quando è stato creato il malware che aveva la funzione di modificare all’insaputa degli utenti di computer il loro DNS e dirottare il traffico verso siti che pagavano i pirati. L’FBI ha arrestato i responsabili della diffusione del virus, ma è stata costretta a prendersi in carico i DNS per impedire che diversi milioni di persone si torvassero improvvisamente senza Internet. Il numero di coloro che ha da allora ad oggi sono stati avvertiti del problema e hanno modificato i DNS è molto elevato. Ad inizio anno i 4 milioni di erano ridotti a 500mila e secondo recenti stime ora sono solo 300mila, di questi 70mila sono negli Stati Uniti, un numero  modesto che rende molto improbabile che chi legge queste righe sia incluso nel ristretto gruppo di coloro che si portano dietro gli effetti dell’atto di pirateria informatica e del tutto esagerato l’allarme che risuona su alcune testate giornalistiche il cui sensazionalismo ha stupito più di qualche sito Internet specializzato in tecnologia.

[A cura di Mauro Notarianni]

Offerte Speciali

iPad Air Cellular al minimo storico: 667 € (invece che 809)

Su Amazon trovate in sconto iPad Air da 64 GB con rete cellulare. Interessante ribasso per chi vuole fare didattica a distanza e smart working con spedizione immediata. Lo sconto è dell'18%.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,796FansMi piace
92,799FollowerSegui