Fiat Chrysler fornisce a Google «Migliaia» di auto per i taxy Waymo senza pilota

Terzo accordo siglato tra Fiat Chrysler e Google: il costruttore di auto fornirà migliaia di veicoli per la nuova flotta Waymo per l’avvio e l’espansione del servizio di taxi a guida autonoma

Terzo accordo tra FCA e Google, che riceverà dal gruppo Fiat “migliaia” di Chrysler Pacifica; per l’esattezza, le auto andranno in forza a Waymo, divisione di auto a guida autonoma di Google, e saranno destinate al lancio di un servizio di taxi senza pilota.

Lo ha riferito nelle scorse ore Sergio Marchionne, come evidenziato da Repubblica, che ricorda come si tratti del terzo accordo tra i colossi, dopo quello del 2016 e dello scorso 2017. Già due anni fa il gruppo FCA aveva inviato a Waymo 100 Chrysler Pacifica ibride, mentre mezzo migliaio arrivarono l’anno successivo. Si tratta di una partnership in continua crescita, che si rafforza di anno in anno, ha spiegato Marchionne:

Con la prima flotta di auto completamente autonome in strada, ci stiamo spostando dalla fase di ricerca e sviluppo a quella operativa. I minivan Pacifica ibridi offrono interni versatili e una corsa confortevole

Il nuovo servizio di taxi a guida autonoma dovrebbe partire entro l’anno, con la scelta di Phoenix come prima città ad accogliere il servizio. L’arrivo di altri minivan servirà a Waymo per espandere quanto prima il servizio anche in altre aree degli Stati Uniti. Peraltro, il servizio è stato già testato in 25 città americane, tra le quali Atlanta, San Francisco, Detroit, Phoenix e Kirkland.

waymo - foto auto a guida autonoma Waymo di Google

Già in precedenza John Krafcik, amministratore delegato di Waymo, aveva spiegato come la collaborazione tra i due team ha permesso di «Passare dal lancio del programma all’assemblaggio del veicolo in pochi mesi». I due gruppi hanno collaborato insieme con test eseguiti sulle piste di prova FCA a Chelsea (Michigan) e Yucca (Arizona) e in siti di proprietà di Waymo in California. Con l’introduzione di queste nuove vetture nella flotta di auto a guida autonoma di Google, dopo essere aumentati i chilometri percorsi per i necessari test, si avrà finalmente l’avvio del servizio su strada.